Ricerca Avanzata
Visite
3499
Data aggiornamento: 2012/03/08
Domanda concisa
Che significato assumono le ripetizioni presenti in questo versetto: “… purché temano [Allah], credano e compiano opere probe, poi temano [Allah] e credano, poi temano [Allah] e compiano il bene. Allah ama i buoni”?
Domanda
Che significato assumono le ripetizioni presenti in questo versetto: “… purché temano [Allah], credano e compiano opere probe, poi temano [Allah] e credano, poi temano [Allah] e compiano il bene. Allah ama i buoni”?
Risposta concisa

In merito alla ripetizione del termine taqwa (timore) nel versetto in questione, tra gli esegeti, c’è una divergenza d’opinioni. Alcuni la considerano un’enfasi, poiché l’importanza del timore, della fede e del compiere azioni probe, esige che questo concetto sia ripetutamente evidenziato.

Un gruppo afferma che il motivo risiede nella necessità che questi stadi siano accompagnati da timore reale e in questi stadi non debba esserci alcun fine irreligioso.

Altri ancora credono che il significato della prima taqwa sia l’astinenza dal bere alcolici dopo il suo divieto, il significato della seconda, la perseveranza nell’astinenza dall’alcool e il significato della terza, l’astinenza da tutti i peccati e il compimento di buone opere.

Risposta dettagliata

In merito alla ripetizione del termine taqwa (timore) nel versetto in questione, tra gli esegeti, c’è una divergenza d’opinioni. Alcuni la considerano un’enfasi, poiché l’importanza del timore, della fede e del compiere azioni probe, esige che questo concetto sia ripetutamente evidenziato. Un altro gruppo, invece, è convinto che ognuna di queste tre frasi indichi una realtà; in questa sede citeremo alcune opinioni.

  1. Il significato del termine taqwa che viene citato per primo, è quel senso di responsabilità interiore che guida l’essere umano nella ricerca e nell’analisi della religione, nel prestare attenzione al miracolo di Muhammad (S), ovvero il Corano, e nella ricerca della verità. La fede e le azioni probe ne saranno il risultato. In altre parole, fin quando non è presente un primo livello di taqwa nell’essere umano, egli non pensa alla ricerca della verità. La prima taqwa citata, si riferisce quindi a questo suo livello, e ciò non contraddice l’inizio del versetto che dice: “Per coloro che hanno prestato fede ed eseguito opere probe non ci sarà peccato in quello che hanno mangiato [prima della proibizione]”, poiché la fede menzionata all’inizio del versetto potrebbe avere il significato di sottomissione esteriore, mentre la fede che viene dopo il termine taqwa, è la vera fede.

La seconda volta che si parla di taqwa, si indica la taqwa che penetra nell’anima dell’essere umano: il suo esito è più profondo e la sua conseguenza una fede persistente che comprende le azioni probe. Infatti nella seconda frase, dopo aver riportato la fede, non vengono citate le buone opere, bensì dice solo: “temano [Allah], credano”, cioè questa fede è talmente stabile che nel testo non ha bisogno di essere seguita dalle azioni probe. Nella terza parte dove viene citata la taqwa, è intesa la taqwa che ha raggiunto il suo livello più alto, di modo che, oltre ad invitare a compiere i doveri certi, invita anche a compiere il bene, cioè le buone azioni, addirittura quelle che non sono obbligatorie.

In conclusione ognuna di queste tre taqwa, indica un livello di senso di responsabilità e astinenza: livello elementare, medio e avanzato; ognuno possiede un indizio nel versetto attraverso il quale si può dedurne il significato.[1]

  1. Il motivo per cui questa parola è stata ripetuta tre volte e Iddio ha aggiunto ad essa i tre livelli (fede, opere probe e compiere il bene), è l’insistenza sull’importanza che questi livelli siano accompagnati dalla vera taqwa e non debba esserci alcun tipo di intenzione irreligiosa.

Perciò il significato del versetto “Per coloro che hanno prestato fede ed eseguito le opere probe non ci sarà peccato in quello che hanno mangiato …” è: ‘Per coloro che hanno abbracciato la fede e hanno compiuto azioni probe, le azioni vietate che hanno compiuto prima di diventare fedeli non sono considerate peccato, a condizione che la fede e le opere probe siano costanti in tutti gli aspetti della loro vita, compiano gli atti obbligatori e si astengano da quelli vietati’. Chi possiede queste virtù, se prima della rivelazione del versetto tahrim[2], o di conoscere alcuni divieti, oppure prima di capirne il significato, ha compiuto uno degli atti riprovevoli di Satana, tale azione non sarà considerata una colpa e Iddio, l’Altissimo, ignorerà i suoi peccati passati.[3]

  1. Il significato della prima taqwa è l’astinenza da ogni sostanza alcolica dopo il suo divieto, il significato della seconda, la perseveranza nell’astinenza dall’alcool e il significato della terza, l’astinenza da tutti i peccati e il compimento di buone opere.[4]

 


[1] Cfr.: Naser Makarem Shirazi, Tafsir-e Nemune, vol. 5, pp. 78 e 79, Dar al-kutub al-islamiyyah, Teheran.

[2] Sacro Corano, 5:90

[3] Seyyed Mohammad Hosseyn Tabatabai, Al-Mizan fi Tafsir al-Qur'an, vol. 6, pag. 12, Daftar-e entesharat-e eslami, Qom, 1417 AH.

[4] Tabarsi, Majma' al-Bayan fi Tafsir al-Qur’an, vol. 3, pag. 372, Naser Khosro, Teheran, 1993.

 

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    24076 Diritto e Precetti
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    22879 Teologia antica
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    20391 Etica pratica
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    17876 Teologia antica
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    14021 Diritto e Precetti
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    13991 Esegesi
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    13766 Etica
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    13127 Diritto e Precetti
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    12902 Teologia antica
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    12495 Filosofia del diritto e dei precetti
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...