Ricerca Avanzata
Visite
1972
Data aggiornamento: 2011/12/21
Domanda concisa
Qual è il segreto dell’enfasi che gli hadìth pongono sul compiere le azioni con la mano destra? È basato su una concezione reale o convenzionale?
Domanda
Qual è il segreto degli hadìth che enfatizzano sull’iniziare e compiere le azioni con la mano destra? È basato su una concezione convenzionale o produce un effetto reale? E se produce un effetto reale, qual è il motivo?
Risposta concisa

Per ottenere una risposta adatta, la suddivideremo in tre parti:

1.              Compiere o incominciare un’azione con la mano o il piede destro e l’importanza di ciò (riguarda questo mondo).

2.              I “compagni della mano destra” e il fatto che il resoconto delle azioni sarà consegnato nella mano destra (riguarda l’aldilà).

3.              Ciò è basato su concezioni convenzionali o reali?

Risposta alla prima parte:

Sia la mano destra che sinistra sono state create entrambe da Dio e sono Suoi doni; entrambe hanno dei “diritti” e da questo punto di vista non differiscono.

Nonostante ciò possiamo notare che gli insegnamenti islamici riportano delle caratteristiche eccellenti per la mano e il piede destri, che non sono menzionate per la mano e il piede sinistri. Citeremo un hadìth come esempio.

L’imam Sadiq (A), dopo la preghiera, si toccava la barba con la mano destra e ripeteva tre volte: “O Dio, risolvi i miei problemi e difficoltà”. Perciò per la mano e il piede destri esistono delle caratteristiche eccellenti assenti per quelli sinistri.

Risposta alla seconda parte:

Dai testi religiosi possiamo dedurre che anche nell’aldilà la mano destra avrà eccellenza, per esempio riguardo al versetto dei “compagni della mano destra” è riportato che l’imam Baqir (A) narrò che l’imam Alì (A) disse: “Il Profeta (S) fu eletto alla profezia un lunedì, io gli prestai fede l’indomani mattina di martedì, il Profeta compì la preghiera e io mi misi a pregare alla sua destra, e non c’era altro uomo oltre me a pregare con lui, quindi Iddio rivelò il versetto “e i compagni della mano destra …”.

Fakhr Razi riguardo ai “compagni della mano destra” riporta tre opinioni:

I. Coloro che afferreranno il resoconto delle loro azioni con la mano destra.

II. I compagni della forza (giacché la mano destra è normalmente più forte della sinistra e quindi essi vengono chiamati i “compagni della destra”).

III. I compagni della luce e della guida. Ibn 'Abbas narra che il Profeta (S) disse: “Iddio ha creato le Sue creature in due gruppi e mi ha posto tra i migliori; conforme a ciò che Iddio disse, ossia ‘i compagni della destra e i compagni della sinistra’, io appartengo ai ‘compagni della destra’ e sono il migliore tra loro”. Alì ibn Ibrahim disse: “Yamin (destra) sono Alì Amir al-Mu'minin (A) e i suoi compagni e seguaci”.

In base al contesto in cui furono rivelati il versetto e gli hadìth narrati concernenti questo argomento, si può dedurre che essi vengono chiamati “compagni della destra” per la loro natura proba, lucente e le loro buone azioni; inoltre il resoconto delle loro azioni gli sarà consegnato nella mano destra.

Risposta alla terza parte:

Tutte le norme divine sono convenzionali, tuttavia la convenzionalità shariatica è diversa da quella personale che potrebbe essere basata su supposizioni e fantasie, infatti trova fondamento nelle questioni reali e ha degli effetti.

Gli sciiti sostengono che le norme islamiche seguono gli interessi e gli svantaggi definiti “criteri delle norme”. Ciò che è stato citato per la mano destra è di questo tipo.

Risposta dettagliata

Per ottenere una risposta adatta, la suddivideremo in tre parti:

1.             Compiere o incominciare un’azione con la mano o il piede destro e l’importanza di ciò (riguarda questo mondo).

2.             I “compagni della mano destra” e il fatto che il resoconto delle azioni sarà porto alla mano destra (riguarda l’aldilà).

3.             Ciò è basato su concezioni convenzionali o reali?

Risposta alla prima parte

La realtà dell’essere umano è la sua anima mentre il corpo è un mezzo al suo servizio, e da questo punto di vista non c’è differenza tra le varie parti del corpo, ognuna ha il suo particolare valore. Ovviamente esistono delle differenze tra di loro, requisiti della creazione, allo stesso modo di come esistono differenze nelle altre entità dell’universo, perciò alcune parti del corpo come la testa hanno più valore di altre come le dita.

Sia la mano destra che sinistra sono entrambe state create da Dio e sono Suoi doni; entrambe hanno dei “diritti” e da questo punto di vista non differiscono[1].

Nonostante ciò possiamo notare che gli insegnamenti islamici riportano delle caratteristiche eccellenti per la mano e il piede destri, che non sono menzionate per la mano e il piede sinistri. Citeremo due hadìth come esempio.

1.             In un hadìth uno degli Infallibili (A) disse: “Dopo aver recitato la preghiera prendete la barba con la mano destra e recitate: “Ya zal-jalal wal-ikram irhamni minannar … ghufira lah wa rudhya 'anh[2].

L’imam Sadiq (A), dopo la preghiera, si toccava la barba con la mano destra e ripeteva tre volte: “O Dio, risolvi i miei problemi e difficoltà”[3].

2.             Dagli Imam (A) è stato tramandato che è meritorio entrare in moschea con il piede destro e uscirne con il sinistro[4].

Come si può quindi chiaramente dedurre dagli hadìth, per la mano e il piede destri vigono delle caratteristiche eccellenti che non esistono per quelli sinistri, che sono pertanto questioni shariatiche producenti effetti in questo mondo e nell’altro.

Risposta alla seconda parte

Dai testi religiosi possiamo dedurre che anche nell’aldilà la mano destra avrà eccellenza, per esempio riguardo al versetto dei “compagni della mano destra”[5], Jabir Ju'fi riporta che l’imam Baqir (A) narrò che l’imam Alì (A) disse: “Il Profeta (S) fu eletto alla profezia un lunedì, io gli prestai fede l’indomani mattina di martedì, il Profeta compì la preghiera e io mi misi a pregare alla sua destra, e non c’era altro uomo oltre me a pregare con lui, quindi Iddio rivelò il versetto “e i compagni della mano destra …”[6].

Fakhr Razi riguardo ai “compagni della mano destra” riporta tre opinioni:

I.                Coloro che afferreranno il resoconto delle loro azioni con la mano destra.

II.                I compagni della forza (giacché la mano destra è normalmente più forte della sinistra e quindi essi vengono chiamati i “compagni della destra”).

III.                I compagni della luce e della guida[7].

Ibn 'Abbas narra che il Profeta (S) disse: “Iddio ha creato le Sue creature in due gruppi e mi ha posto tra i migliori; in base a ciò che Iddio disse, ossia “i compagni della destra e i compagni della sinistra”, io appartengo ai “compagni della destra” e sono il migliore tra loro”[8]. Alì ibn Ibrahim disse: “Yamin (destra) sono Alì Amir al-Mu'minin (A) e i suoi compagni e seguaci”[9].

Questo hadìth di Qumi significa che “yamin” è Alì (A), e i “compagni della destra” sono i suoi seguaci e sciiti.

L’hadìth afferma che un esempio di “compagni della destra”, di cui parla il versetto, sono Alì (A) e i suoi seguaci, e non che il versetto sia stato rivelato in particolare riguardo a loro[10].

Dai nobili versetti si può dedurre che gli individui, che saranno resuscitati nel Giorno del Giudizio, apparterranno a tre gruppi: i sabiqun, i “compagni della destra” e i “compagni della sinistra”:

a.             I sabiqun sono coloro che non hanno mai disobbedito, cioè gli infallibili, come i Profeti (A) e i loro Successori (A).

b.            Gli avvicinati a Iddio, i “compagni della destra”, i credenti, anche se hanno compiuto alcuni peccati.

c.             I “compagni della sinistra” sono i non credenti[11].

In base al contesto in cui furono rivelati il versetto e gli hadìth narrati concernenti questo argomento, si può dedurre che essi vengono chiamati “compagni della destra” per la loro natura proba, lucente e le loro buone azioni, inoltre il resoconto delle loro azioni gli sarà consegnato nella mano destra[12].

Risposta alla terza parte

Riguardo al fatto se ciò è basato su concetti convenzionali o ha una reale influenza, prima di tutto c’è da dire che tutte le norme pratiche sono convenzionali. In secondo luogo, ciò non significa siano supposizioni e immaginazioni, bensì la convenzionalità shariatica si fonda sugli interessi e gli svantaggi, questi interessi possono risiedere nello stabilire la norma stessa o in ciò che riguarda la norma. Perciò le norme shariatiche, sebbene convenzionali, sono reali e producono degli effetti. Ovviamente le leggi e le norme s’imperniano sempre sull’interesse della maggioranza e non quello comune[13].

In ogni caso, gli sciiti sostengono che le norme islamiche seguono gli interessi e gli svantaggi definiti “criteri delle norme”[14]. Ciò che è stato citato per la mano destra è di questo tipo, anche se al momento non si può giudicare scientificamente ed elencare quali siano la filosofia e gli effetti generati dall’utilizzo della mano destra.



[1] Muhammad ibn Muslim narrò che l’imam Sadiq (A) disse: “Un uomo mi passò accanto mentre stavo pregando e avevo alzato la mano sinistra per recitare una du'a, egli disse: ‘O servo di Dio, recita la du'a con la mano destra alzata’, risposi: ‘O servo di Dio, Iddio ha un diritto su questa mano che è lo stesso che ha sull’altra’”. Muhammad ibn Ya'qub Kulayni, al-Kafi, vol. 2, pag. 480, Dar al-kutub al-islamiyyah, Teheran, 1986.

[2] Ivi, pag. 546.

[3] Ivi, pag. 566:

"اللَّهُمَّ فَرِّجْ عَنِّی کُرْبَتِی وَ عَجِّلْ عَافِیَتِی وَ اکْشِفْ ضُرِّی ثَلَاثَ مَرَّاتٍ".

[4] Hurr 'Amili, Wasa'il al-Shi'ah, vol. 5, pag. 246, hadìth 6458, Mu'assisat Al al-Bayt (A), Qom 1409 AH.

[5] Sacro Corano 56:27.

[6] 'Ubaydullah ibn Ahmad Hasakani, Shawahid al-Tanzil li-Qawa'id al-Tafdhil, vol. 2, pag. 300, Sazeman-e entesharat-e vezarat-e Ershad-e eslami, Teheran, prima stampa, 1411 AH.

[7] Esegesi di Abu 'Abdullah Muhammad ibn 'Umar Fakhr al-Din Razi, vol. 29, pag. 404, Dar ihya' al-turath al-'arabiy, Beirut, terza ristampa, 1420 AH.

[8] Mohammad Baqer Majlesi, Bihar al-Anwar, vol. 16, pag. 120, Mu'assisat al-Wafa', Beirut - Libano, 1404 AH.

[9] Alì ibn Ibrahim Qumi, Tafsir al-Qumi, vol. 2, pag. 348, Dar al-Kitab, Qom, quarta ristampa, 1988.

[10]  Mohammad Hosseyn Tabatabai, Al-Mizan fi Tafsir al-Qur'an, trad. di Mohammad Baqer Musavi Hamedani, vol. 19, pag. 220, Daftar-e entesharat-e eslami-e Jame'e-ye Modarresin-e Qom, Qom, quinta ristampa, 1995.

[11] Sayyid 'Abdul-Husayn Tayyib, Atyab al-Bayan fi Tafsir al-Qur'an, vol. 11, pag. 94, Entesharat-e eslam, Teheran, seconda ristampa, 1999.

[12] È possibile che ci si chieda: gli individui probi che hanno la mano destra amputata o gli individui reprobi che hanno la mano sinistra amputata, come riceveranno il resoconto delle loro azioni? La risposta è che nel Giorno del Giudizio tutti gli esseri umani saranno resuscitati completi.

[13] Mohammad Hosseyn Tabatabai, Al-Mizan fi Tafsir al-Qur'an, trad. di Mohammad Baqer Musavi Hamedani, vol. 2, pag. 346.

[14] Hasan ibn Aqabozorgh Musavi Bojnurdi, Al-Qawa'id al-Fiqhiyyah, vol. 7, pag. 336, Nasr al-Hadi, prima stampa, Qom, Iran, 1419 AH:

"و أنّ الحقّ عندنا الإمامیّة أنّ الأحکام تابعة للمصالح و المفاسد التی نسمّیها بملاکات الأحکام".

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    21342 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    19444 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    14733 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    13196 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    12443 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    11013 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    10624 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Come si può curare l’invidia?
    9405 Etica teorica 2011/08/13
    L’invidia è un’inclinazione dell’animo per cui ci si sottovaluta, in seguito alla quale l’individuo desidera che un’altra persona non abbia un bene che possiede.Per guarire da quest’attitudine si consigliano le seguenti soluzioni:1.
  • Cos’è lo sharab tahur (bevanda purificante)?
    9167 Teologia antica 2010/10/07
    Sharab nella terminologia araba significa bevanda e tahur ciò che è puro e purifica. Dai vari versetti del Corano si comprende che in Paradiso sono presenti diverse bevande salubri, pure e di qualità diverse. In un versetto del Corano è stato utilizzato il termine ...
  • Chi era la tribù di Gog e Magog? Che fine ha fatto? Come reagì Zu al-Qarnayn di fronte ad essa?
    8905 Esegesi 2011/05/09
    Dall’insieme dei versetti del Corano, delle informazioni della Bibbia e delle testimonianze storiche, si può concludere che queste popolazioni risiedevano nei territori nord-asiatici e con le loro barbare invasioni sconvolgevano i territori meridionali e occidentali. Grazie alla barriera di Zu al-Qarnayn, la loro invasione fu fermata per ...

Links