Ricerca Avanzata
Visite
2552
Data aggiornamento: 2010/06/30
Domanda concisa
SECONDO L’ISLAM, L’ESSERE UMANO CHE TIPO DI CREATURA È?
Domanda
SECONDO L’ISLAM, L’ESSERE UMANO CHE TIPO DI CREATURA È?
Risposta concisa

Dal punto di vista del Corano, l’essere umano è una creatura che possiede, da una parte, un’indole divina e, dall’altra, una natura mondana. La sua indole lo invita alle scienze nobili, alla spiritualità e a fare del bene; mentre invece la sua natura lo spinge verso l’abisso della mondanità, delle passioni e delle azioni malvagie. La vita dell’essere umano è come un campo di battaglia tra la sua indole e la sua natura; se la sua natura mondana prevale sulla sua indole divina e si lascia trascinare dalla prima, dal punto di vista del Corano, egli sarà un individuo deviato; se invece prevale la sua indole divina, ed essa guiderà la sua natura mondana, sarà una persona che segue la retta via e il sentiero della verità.

Secondo il Corano e le tradizioni, l’essere umano è una creatura che, quando viene al mondo, non possiede nessuna conoscenza né consapevolezza, ma ha un’indole divina, anche se la sua natura lo spinge verso la mondanità. Quando inizia la sua vita in questo mondo, in realtà, incomincia a conoscere, da una parte, e a orientarsi verso la sua natura mondana o indole divina, dall’altra.

Questo è il punto di vista del Corano riguardo all’essere umano che, nonostante le differenze esteriori degli individui, ne ravvisa l’essenza unica.

Risposta dettagliata

L’antropologia islamica è il punto di vista dell’Islam riguardo all’essere umano. In relazione all’essenza dell’essere umano si possono prendere in considerazione due opinioni: la prima è che questa essenza è unica e le differenze culturali, sociali, economiche e politiche tra gli individui sono esteriori e secondarie; la seconda opinione è che l’essenza umana cambia col passare del tempo o varia da un popolo all’altro.

Il primo punto di vista è accettato da tutte le religioni, gruppi gnostici, rami della scienza e la maggior parte delle scuole di pensiero filosofiche, anche se questa realtà unica (cioè l’essenza dell’essere umano) è interpretata in modi diversi con conseguenti giudizi distinti.

La seconda opinione, invece, è condivisa da alcune scuole di pensiero filosofiche recenti, le quali sostengono che l’essere umano ha un’essenza influenzata dalla sua cultura, che cambia perciò secondo il suo contesto culturale. Altri ancora, coniando termini quali “uomo arretrato” e “uomo moderno”, ritengono che l’essere umano, dopo il Rinascimento, la Riforma religiosa e l’Illuminismo, si sia trasformato da “uomo arretrato” a “uomo moderno”.

In realtà ciò che è cambiato con il mutamento delle culture sono i rapporti e l’aspetto esteriore della vita umana, mentre invece la sua essenza è rimasta inalterata. Dal punto di vista dell’Islam, sia gli esseri umani che vivono in un determinato spazio di tempo, sia gli esseri umani di vari periodi storici, nonostante tutte le loro differenze culturali e scientifiche e le loro usanze, condividono un’essenza unica, di cui è testimone anche il Corano, lo esige il punto di vista filosofico e anche le scienze empiriche, siano esse naturali o umanistiche, approvano questo punto di vista.

Dal punto di vista del Corano, l’essere umano è una creatura che possiede, da una parte, un’indole divina e, dall’altra, una natura mondana. La sua indole lo invita alle scienze nobili, alla spiritualità e a fare del bene; mentre invece la sua natura lo spinge verso l’abisso della mondanità, delle passioni e delle azioni malvagie. La vita dell’essere umano è come un campo di battaglia tra la sua indole e la sua natura; se la sua natura mondana prevale sulla sua indole divina e si lascia trascinare dalla prima, dal punto di vista del Corano, egli sarà un individuo deviato; se invece prevale la sua indole divina, ed essa guiderà la sua natura mondana, sarà una persona che segue la retta via e il sentiero della verità.

Nel Corano sono menzionate quelle che vengono chiamate caratteristiche comuni fra gli esseri umani, a volte positive e a volte negative. Anche se ciò non significa che gli esseri umani possiedano tutte queste qualità o difetti, ma che egli ha la facoltà di acquisire questi attributi. In esso, da una parte leggiamo che l’indole umana è divina: “L’indole con la quale Allah ha creato gli esseri umani”[1], e da un’altra: “In verità l’essere umano è stato creato instabile”[2]; in alcuni versetti si parla delle qualità dell’essere umano, in altri dei suoi difetti, a volte si cita la sua indole divina, a volte la sua impazienza, incapacità e avidità. In nessun caso, comunque, s’intende dire che l’essere umano nasce con queste qualità e difetti. Allah, il Benedetto e il Sublime, dice riguardo all’essere umano: “Allah vi ha fatto uscire dai ventri delle vostre madri che non sapevate nulla”.[3]Anche nelle tradizioni è riportato che gli esseri umani nascono con una natura pura.[4]

Secondo il Corano e le tradizioni, l’essere umano è una creatura che, quando viene al mondo, non possiede nessuna conoscenza né consapevolezza, ma ha un’indole divina, anche se la sua natura lo spinge verso la mondanità. Quando inizia la sua vita in questo mondo, in realtà, incomincia a conoscere, da una parte, e a orientarsi verso la sua natura mondana o indole divina, dall’altra.

Questo è il punto di vista del Corano riguardo all’essere umano che, nonostante le differenze esteriori degli individui, ne ravvisa l’essenza unica.

Il punto di vista filosofico è simile: le varie scuole di pensiero filosofiche, sia quelle dell’antica Grecia, che quelle islamiche e occidentali, hanno sempre considerato l’essere umano come un’unica realtà e ne hanno proposto un’immagine generale quale personalità comune a tutti gli esseri umani. Quest’immagine può essere ottimista, come quella esposta dall’Islam, che considera pura la natura umana; oppure negativa, come quella proposta dal cristianesimo storico, che considera l’essere umano una creatura impura, peccatrice, con un’indole naturalmente impura.

Nonostante le varie scuole di pensiero religiose e filosofiche propongano immagini diverse dell’essere umano, esse concordano tutte sul fatto che gli esseri umani, anche se apparentemente diversi gli uni dagli altri, condividono la stessa essenza.

1.     Mahdi Hadavi Tehrani, Velayat va diyanat, Moassese-ye farhangh-ie khane-ye kherad, Qom, 2° ed., 2001.

2.     Mahdi Hadavi Tehrani, Bavarha va porseshha, Moassese-ye farhangh-ie khane-ye kherad, Qom, 1° ed., 1999.


[1] Sacro Corano, 30:30.

[2] Sacro Corano, 70:19.

[3] Sacro Corano, 16:78.

[4] In un hadith, il nobile Messaggero (S) disse: “Ogni individuo nasce con un’indole divina”. (Cfr. al-Kulayni, al-Kafi, vol. 2, pag. 12, hadith 4)

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    21774 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    19995 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    16102 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    14454 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    12860 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    11371 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    11273 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    10064 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Come si può curare l’invidia?
    9878 Etica teorica 2011/08/13
    L’invidia è un’inclinazione dell’animo per cui ci si sottovaluta, in seguito alla quale l’individuo desidera che un’altra persona non abbia un bene che possiede.Per guarire da quest’attitudine si consigliano le seguenti soluzioni:1.
  • Cos’è lo sharab tahur (bevanda purificante)?
    9635 Teologia antica 2010/10/07
    Sharab nella terminologia araba significa bevanda e tahur ciò che è puro e purifica. Dai vari versetti del Corano si comprende che in Paradiso sono presenti diverse bevande salubri, pure e di qualità diverse. In un versetto del Corano è stato utilizzato il termine ...

Links