Ricerca Avanzata
Visite
7688
Data aggiornamento: 2011/06/20
Domanda concisa
Quali azioni cancellano i peccati maggiori?
Domanda
Quali azioni cancellano i peccati maggiori?
Risposta concisa

I peccati non sono tutti dello stesso livello, perciò anche il loro perdono dipende dal tipo di peccato commesso: è possibile che un peccato possa essere perdonato semplicemente esprimendo il proprio pentimento a parole (istighfar), mentre un altro peccato necessiti di più impegno e debba essere rimediato. Nell’Islam, la porta del ritorno presso Iddio (il pentimento) rimane aperta finché l’essere umano è vivo, e per raggiungere questo scopo, chiedendo aiuto a Dio e facendo ricorso ai suoi Devoti, è necessario impegnarsi fino in fondo per rimediare ai torti arrecati a Iddio e alla gente.

Risposta dettagliata

Inizialmente riportiamo, in breve, l’opinione di vari sapienti musulmani in merito alla suddivisione dei peccati in minori e maggiori, quindi tratteremo i metodi che ci aiutano a cancellare le conseguenze dei peccati dalla nostra vita.

Nei testi islamici esistono tre opinioni riguardo ai peccati maggiori, le citiamo poiché ci permetteranno di arrivare alla risposta della domanda.

1.    I peccati maggiori sono quelli per cui è stato promesso il Fuoco.

2.    I peccati maggiori sono quelli per cui c’è una motivazione sicura della loro proibizione, deducibile dai versetti e dagli hadìth.

3.    In base ad alcuni hadìth, tutti i peccati, di fronte alla magnificenza divina, sono maggiori e il fatto che alcuni siano chiamati minori è in confronto ad altri peccati.

Considerando questa introduzione, una delle questioni cui gli insegnamenti islamici prestano attenzione, è che ciò che porta l’essere umano alla dannazione sono l’allontanarsi dagli ordini divini e l’avvicinarsi al peccato, per i quali sono state promesse pesanti punizioni nei versetti e negli hadìth. Non va dimenticato che l’essere umano, considerando le conseguenze negative del peccato nella sua vita privata e sociale, può invertire la rotta e dirigere la sua vita verso la beatitudine. Nell’Islam, infatti, non esistono vicoli ciechi: chiunque, in qualunque situazione, può cambiare la propria direzione virando verso ciò che lo porta alla beatitudine.

I metodi per cancellare le conseguenze dei peccati

Il cancellare le conseguenze dei peccati attraverso delle azioni probe è definito takfir. Essendo queste azioni numerose, ne elenchiamo solo alcune:

  1. Compiere le preghiere obbligatorie e meritorie – Iddio nel Corano dice:

"وَ أَقِمِ الصَّلاةَ طَرَفَیِ النَّهارِ، وَ زُلَفاً مِنَ اللَّیْلِ، إِنَّ الْحَسَناتِ یُذْهِبْنَ السَّیِّئات"

Esegui l'orazione alle estremità del giorno e durante le prime ore della notte. Le opere meritorie eliminano quelle malvagie[1].

  1. Chiedere perdono (istighfar) – Una delle azioni che permette di cancellare i peccati, è il pentirsene, come accennato in numerosi hadìth. L’imam Sadiq (A) disse: “Quando l’essere umano compie un peccato, gli viene concesso tempo dalla mattina fino alla sera, se si pente, la sua azione non sarà presa in considerazione”[2]. Egli in un altro hadìth affermò: “Gli vengono concesse sette ore, se si pente, non gli sarà ascritto nulla, se invece non si pente, gli sarà ascritto”, inoltre aggiunse: “A volte un credente si ricorda di un suo peccato dopo vent’anni, mentre un miscredente lo dimentica subito dopo averlo commesso”[3]. In un altro hadìth si narra che un Infallibile (A) disse: “Per ogni male c’è una cura, la cura del peccato è chiedere perdono”[4].

Riguardo alla richiesta di perdono che cancella le conseguenze dei peccati, è necessario sapere che per istighfar, non s’intende solo la richiesta di perdono a parole, tale che qualsiasi torto commesso nei confronti di Dio o della gente, sia perdonato con una semplice richiesta di perdono, ciò non è sufficiente, anzi potrebbe anche avere conseguenze negative.

L’imam Ridha (A) disse: “Colui che chiede perdono a parole, ma nel cuore non sia pentito di ciò che ha commesso, si è preso gioco di se stesso”[5].

  1. Proferire benedizioni per il Profeta (S) e l’Ahl al-Bayt (A) (salawat) – Questa è una delle azioni che cancella i peccati. L’imam Ridha (A) disse: “Colui che non ha la possibilità di compiere le azioni che permettono il suo perdono, proferisca molte benedizioni per Muhammad (S) e la sua Famiglia (A), quest’azione cancellerà i suoi peccati”[6].

Citiamo infine altre azioni che estinguono i peccati, riportandone la fonte: il digiuno nel mese di Sha'ban[7], assistere un oppresso e allontanare il dolore dei credenti[8], provare angoscia per la morte[9], andare in moschea per compiere la preghiera dopo che un credente ha recitato la chiamata alla preghiera (azan)[10], recitare il Corano[11], piangere per le afflizioni dell’imam Husayn (A)[12], visitare il sepolcro del Profeta (S) e degli infallibili Imam (A)[13], guardare la Casa di Dio (la Ka'bah)[14], non peccare – solo ed unicamente perché ci si vergogna di Dio – in un luogo in cui non c’è nessuno (similmente al non peccare in un luogo pubblico per vergogna della gente)[15], impegnarsi per soddisfare le necessità di un credente malato[16], digiunare nel mese di Ramadan e dominare il proprio stomaco, l’istinto sessuale e la propria lingua in questo mese[17].



[1] Sacro Corano 11:114.

[2] Muhammad Ya'qub Kulayni, Usul al-Kafi, vol. 2, pag. 437, hadìth 1, Dar al-kutub al-islamiyyah, Teheran, 1986.

[3] Ivi, hadìth 3.

[4] Ivi, pag. 439, hadìth 8.

[5] Mohammad Baqer Majlesi, Bihar al-Anwar, vol. 75, pag. 356, hadìth, Mu'assisat al-Wafa', Beirut, 1404 AH.

[6] Ivi, vol. 91, pag. 48, hadìth 2.

[7] Ivi, vol. 94, pag. 91, hadìth 5.

[8] Ivi, vol. 75, pag. 68, hadìth 5.

[9] Ivi, vol. 73, pag. 16.

[10] Ivi, vol. 81, pag. 154.

[11] Ivi, vol. 89, pag. 17, hadìth 18.

[12] Ivi, vol. 44, pag. 283, hadìth 17.

[13] Muhammad ibn Alì Saduq, Man la Yahdhuruh al-Faqih, vol. 2, pag. 577, cap. relativo al pellegrinaggio al mausoleo del Profeta (S) e degli Imam (A), Entesharat-e Jame'e-ye modarresin, Qom, 1413 AH.

[14] Ivi, vol. 2, pag. 204, hadìth 2142.

[15] Ivi, vol. 4, pag. 412, hadìth 5895.

[16] Ivi, vol. 4, pag. 15.

[17] Bihar al-Anwar, vol. 93, pag. 371, hadìth 55.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    22076 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    20343 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    17004 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    15190 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    13189 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    11740 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    11669 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    11023 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    10572 Diritto e Precetti 2012/06/09
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    10331 Etica 2011/12/21
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta

Links