Ricerca Avanzata
Visite
5519
Data aggiornamento: 2009/06/03
Domanda concisa
Se Satana è fatto di fuoco, come potrà bruciare nel fuoco?
Domanda
Se Satana è fatto di fuoco, come potrà bruciare nel fuoco?
Risposta concisa

Il mondo è in continua trasformazione e le caratteristiche delle cose sono modificabili attraverso delle interazioni. Gli scienziati possono addirittura trasformare una sostanza, che un giorno veniva utilizzata come materiale non combustibile, in una sostanza combustibile, con qualche cambiamento e senza aggiungere nuovi elementi. Adesso che l’essere umano ha ottenuto tale capacità, c’è ancora posto per dubitare che Iddio, il Creatore dell’Universo, possa bruciare Satana nel fuoco dell’Inferno con qualche piccola modifica negli elementi che lo compongono?!

Risposta dettagliata

Nella risposta riportiamo innanzitutto una storia che sebbene presenti alcuni dubbi sulla sua fonte, in ogni caso contiene una risposta razionale e riguarda anche la sua domanda:

Un individuo, apparentemente sapiente, avanzò questo quesito in una riunione dove era presente Bahlul (N.d.T. un compagno dell’imam Musa al-Kadhim -A-). Trascorso un po’ di tempo Bahlul prese di mira la fronte di quell’uomo con un pezzo di zolla, ferendolo e facendo fuoruscire del sangue. Replicando alle sue lamentele disse: “Questo pezzo di zolla non è forse fatto di terra? E tu non sei stato creato dalla terra?! Se il fuoco non può bruciare il fuoco, come è possibile che della terra possa danneggiare altra terra?”[1].

Su questa base, consideri che allo stesso modo in cui l’essere umano non è terra, bensì è stato creato dalla terra, anche Satana non è fuoco ma è stato creato dal fuoco. Similmente alla terra che può danneggiare l’essere umano, anche il fatto che il fuoco può danneggiare Satana, non è una cosa impossibile e inimmaginabile, infatti vi sono molti esempi di materie accomunate dall’origine che hanno influenza negativa l’una sull’altra e si danneggiano a vicenda. Inoltre le caratteristiche di alcune sostanze, con qualche piccolo cambiamento, vengono completamente invertite. La preghiamo di prestare attenzione ai seguenti casi:

  1. Sappiamo che il ghiaccio è composto da acqua come pure l’acqua bollente, e nelle loro composizioni molecolari non v’è alcuna differenza. Se però avviciniamo il ghiaccio all’acqua bollente, viene danneggiato e progressivamente si scioglie.
  2. Se ci venisse chiesto qual è il nemico del fuoco e con che mezzo si può lottare contro di esso, senza dubbio risponderemmo l’acqua. L’acqua che prende fuoco è una cosa ancor più stravagante dell’infuocarsi del fuoco stesso! Dovete sapere una curiosità: se sottomettiamo l’acqua a un circuito elettrico e, con l’aiuto di un catalizzatore, dividiamo gli elementi che la compongono, ovvero l’ossigeno e l’idrogeno, trattenendo ognuno di essi in un angolo e avvicinando una fiamma ad essi, siamo testimoni che la parte d’ossigeno s’infiamma e quella dell’idrogeno esplode! Ancor più curioso è che Iddio ha citato tutti e due i casi nel sacro Corano e spiegando i segni della fine del mondo dice che in quel giorno i mari s’infiammeranno[2], e in un altro punto dice che i mari esploderanno[3]! Alcuni esegeti del passato, che non conoscevano la composizione molecolare dell’acqua, pensavano che l’infuocarsi dell’acqua fosse una cosa molto strana e quasi impossibile e quindi proponevano spiegazioni differenti per questo versetto[4]. Esiste un hadìth dell’imam Alì (A) in cui egli chiese a un giudeo: “Dov’è l’Inferno?”. Il giudeo gli rispose: ”Nel mare”. L’Imam (A) confermò le sue parole e dichiarò che stava dicendo la verità[5].
  3. Tutta la flora cresce e si sviluppa attraverso la fotosintesi, ossia utilizzando la luce del sole (derivante dal fuoco), e come ben saprà, al giorno d’oggi, nelle serre, i vegetali vengono coltivati solamente con l’utilizzo dell’acqua e della luce, senza bisogno di terra. Ora ci chiediamo: questa flora, che è composta solo di fuoco e acqua, non subirebbe forse danni se fosse posta a contatto con del fuoco?!
  4. Nello spazio attorno a noi sono presenti diverse onde, come quelle provenienti dai satelliti, le stazioni radio-televisive, i telefoni cellulari e altri strumenti simili. Essi posseggono delle formule che li accomunano e le loro uniche differenze, in alcuni casi, sono le varie frequenze e lunghezze d’onda.

Nonostante ciò esse possono influenzarsi a vicenda e disturbare la trasmissione! La guerra elettronica, di cui avrà sicuramente sentito parlare, è possibile attraverso queste capacità. Non si è posto questo quesito: “Com’è possibile che delle onde possano danneggiare altre onde?!”, ecc.

Al giorno d’oggi è stata scoperta una legge fisica basata sul fatto che la materia e l’energia non svaniscono mai, bensì sono in perenne metamorfosi. Per questo motivo una materia o energia, con le modifiche che subisce, ottiene capacità differenti e l’acqua che in passato veniva considerata per spegnere l’acqua, attraverso un cambiamento fisico, ora alimenta il fuoco e influenza positivamente l’infiammarsi e l’esplosione dell’acqua!

Iddio che ha creato tali capacità straordinarie nella natura, con la Propria volontà e lievi interazioni nelle caratteristiche di Satana, che è stato creato dal fuoco, oppure trasformandolo in una materia infiammabile, può facilmente bruciarlo nel fuoco dell’Inferno: «Ciò è facile per Allah!»[6].

 


[1] Hoseyn Hoseyni Shah Abdol'azimi, Tafsir Ithna-'Ashari, vol. 4, p. 28, Entesharat Miqat, Teheran, 1984.

[2] Sacro Corano, 81:6:

«و إذا البحار سجّرت»

«e ribollenti i mari».

[3] Sacro Corano, 82:3:

«و إذا البحار فجّرت»

«e confonderanno le loro acque i mari».

[4] Muhammad ibn Ahmad Qurtubi, Al-Jami' al-Ahkam al-Qur'an, vol. 20, p. 231, Entesharat Naser Khosro, Teheran, 1985.

[5] Muhammad ibn Jarir Tabari, Jami' al-Bayan fi Tafsir al-Qur'an, vol. 30, p. 43, Dar al-Ma'rifah, Beirut, 1412 AH.

[6] Sacro Corano, 22:70.

 

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    21774 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    19995 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    16099 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    14453 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    12860 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    11371 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    11273 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    10063 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Come si può curare l’invidia?
    9878 Etica teorica 2011/08/13
    L’invidia è un’inclinazione dell’animo per cui ci si sottovaluta, in seguito alla quale l’individuo desidera che un’altra persona non abbia un bene che possiede.Per guarire da quest’attitudine si consigliano le seguenti soluzioni:1.
  • Cos’è lo sharab tahur (bevanda purificante)?
    9635 Teologia antica 2010/10/07
    Sharab nella terminologia araba significa bevanda e tahur ciò che è puro e purifica. Dai vari versetti del Corano si comprende che in Paradiso sono presenti diverse bevande salubri, pure e di qualità diverse. In un versetto del Corano è stato utilizzato il termine ...

Links