Visite
2902
Data aggiornamento: 2015/06/22
Domanda concisa
Che cosa significa "Darajat al-wasilah" e a chi appartiene questo grado?
Domanda
Che cosӏ il "Paradiso al-wasilah"? Potete spiegarlo? Si trova vicino a Iddio il Sublime?
Risposta concisa
Iddio in un versetto del Corano dice:
»وَ ابْتَغُوا إِلَیْهِ الْوَسیلَة«
"Cercate il mezzo [che vi avvicina] a Lui"[1].
Esistono diverse interpretazioni in merito alla wasilah (mezzo), tuttavia in alcuni hadìth essa viene presentata come uno stato e un livello del paradiso.
In un hadìth l'Inviato di Dio (S), in merito alla sua importanza e descrivendola, dice: "Ogniqualvolta esprimete una richiesta a Iddio per me, richiedete la wasilah". Il narratore riporta che chiesero a quel nobile cosa fosse la wasilah; l'Inviato di Dio (S) rispose:
"Essa è la mia scala (grado) nel Paradiso, possiede mille gradini e tra ogni gradino vi è un mese di distanza percorso a cavallo, i suoi gradini sono costruiti con varie pietre preziose, un gradino con peridòto[2], un gradino con rubino, un gradino d'oro e un gradino d'argento. Il Giorno della Resurrezione (la mia scala) verrà innalzata accanto alle scale degli altri profeti, ed essa, tra le loro scale, sarà come la luna tra le stelle. In quel giorno nessun profeta, nessuna persona benefattrice, né alcun martire si asterrà dal dire: «Beato colui che possiede questa scala». A quel punto sarà emesso un suono da Dio, udito da tutti i profeti e da tutte le creature, che dirà: «Questo grado è del (il nobile) Muhammad (S)». E io, indossando un abito di luce e la corona nobile e regale sul capo, camminerò nel deserto della resurrezione; Alì ibn Abi Talib davanti a me innalzerà il mio stendardo, che è la bandiera della 'Lode (Hamd)' recante la scritta 'la ilaha illAllah, al-muflihun humul-fa'izun bi-Llah'[3]. Quando passeremo di fronte ai profeti, essi diranno: «Codesti due sono due nobili angeli, finora non li abbiamo conosciuti né visti». E mentre passeremo tra le file di angeli, essi diranno: «Codesti due sono profeti inviati». Procederemo fino al luogo dell'installazione della scala e, a quel punto, io la salirò e Alì mi seguirà fino al gradino più alto, dove mi stabilirò e Alì si fermerà un gradino più sotto. In quel giorno nessun profeta, nessuna persona benefattrice, né alcun martire potrà fare a meno di dire: «Beati questi due servi di Dio, così diletti presso di Lui!». A quel punto da parte di Dio giungerà un suono alto che tutti i profeti, i benefattori, i martiri e i credenti udiranno: «Questo è il Mio aiutante 'Muhammad', e questo è Alì il mio luogotenente: beato chi lo amava e guai a chi ha maturato rancore verso di lui nel cuore e ha mentito riguardo a lui»"[4].
Alla luce di questo, nonché di un altro hadìth in cui l'Inviato di Dio (S) dice al nobile Alì (A):
»إِنَّ لَکَ فِی الْجَنَّةِ [دَرَجَةً وَ هِیَ‏] دَرَجَةُ الْوَسِیلَةِ فَطُوبَى لَکَ وَ لِشِیعَتِکَ مِنْ بَعْدِک[5]«
“In realtà per te nel Paradiso c’è [un grado ed esso è] il grado della wasilah, perciò beati te e i tuoi seguaci dopo di te”, diviene chiaro che il "darajat al-wasilah" è uno dei gradi elevati del Paradiso e che a sua volta esso possiede dei livelli; quello più elevato è una peculiarità del Profeta dell'Islam (S), un livello che non ha raggiunto e non raggiungerà mai nessuna creatura. Il livello successivo (inferiore) appartiene al nobile Alì (A) e quelli successivi (inferiori) appartengono ai suoi seguaci.
 

[1] Sacro Corano, 5:35.
[2] Appartiene a un gruppo di silicati di ferro e magnesio simili allo smeraldo color verde oliva.
[3] "Non c'è divinità all'infuori di Allah, salvi sono coloro i quali sono diventati beati avvicinandosi a Dio".
[4] Ta'wil al-ayat al-zahirat fi faza'il al-'itrat al-tahira, Alì Astar Abadi, ricercatore e revisore: Hoseyn Ostad Valy, pp. 152-153, Qom, Mu'assisat al-nashr al-islami, prima stampa, 1409 AH; Ma'ani al-akhbar, Muhammad ibn Alì ibn Babaway, ricercatore e revisore: Alì Akbar Ghaffari, Al-nas, p. 116 del testo originale, Qom, Daftar-e entesharat-e eslami, prima stampa, 1403 AH.
[5]  Mi'at manqabat min manaqib Amir al-Mu'minin wa al-A'imma (A), Muhammad ibn Ahmad ibn Shazan, p. 86, Qom, Madrisat al-Imam al-Mahdi (AJ), prima stampa, 1407 AH.
Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    22279 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    21216 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    17697 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    15706 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    13406 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    12040 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    11879 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    11878 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    11563 Diritto e Precetti 2012/06/09
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    11080 Etica 2011/12/21
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta