Ricerca Avanzata
Visite
2929
Data aggiornamento: 2011/06/08
Domanda concisa
È possibile impiegare la metodologia occidentale per conoscere l’Islam?
Domanda
Com'è utilizzata nell’Islam la metodologia occidentale, in particolare per quanto riguarda la scienza della conoscenza? È possibile utilizzarla? In altre parole, si può applicare la metodologia occidentale per ottenere la conoscenza islamica?
Risposta concisa

L’Islam è la religione della conoscenza delle verità e non può restare indifferente verso il razionalismo, l’empirismo e qualsiasi altro metodo scientifico normale. Nonostante ciò, il non conoscere il ruolo di ognuno di questi metodi conoscitivi e scientifici, il tentativo di analizzare l’Islam usufruendo di punti di vista influenzati dalla civiltà occidentale - perdendo tutta la propria identità monoteistica e religiosa - e lo sforzo per occidentalizzare le verità dell’Islam, comporteranno l’uscita dalla via della conoscenza e della verità. Questo è uno dei fattori che porta all’incomprensione delle verità islamiche e del suo messaggio.

Risposta dettagliata

La metodologia occidentale ha delle caratteristiche proprie, influenzate dai punti di vista occidentali riguardo all’essere umano, il mondo e il suo fine ideale, ma non ha favorito la conoscenza della vera essenza dell’Islam.

Infatti, ogni realtà nell’universo ha il suo specifico metodo d’analisi, altrimenti si arriva a conclusioni influenzate dal punto di vista particolare del ricercatore in questione. Per esempio, per conoscere le parti del corpo umano non si può raggiungere un risultato accettabile attraverso un metodo filosofico, è ovvio che il miglior metodo è quello dell’osservazione diretta ed empirico.  Allo stesso modo, far uso del metodo empirico per comprendere le verità intrinseche dell’essere umano, come l’amore, il senso spirituale, ecc., è un tentativo esagerato di far prevalere con la forza l’ottica materialista. La conoscenza dell’Islam, della religione e della sua vera realtà, segue pertanto la regola citata in precedenza.

Sebbene si possa condurre ricerche concernenti la conoscenza della religione, di Dio, del Corano, della Profezia, della Resurrezione, dell’adorazione e di tutti i fattori religiosi, utilizzando qualsiasi metodo, ed essi si possono anche esaminare in laboratorio, ciò che è necessario chiarire è: quanto sia possibile avvicinarsi con questi metodi al messaggio dell’Islam, della religione e alle sue verità. Per esempio, per comprendere con certezza quale sia l’influenza esercitata dalla fede in Dio sulla vita di un individuo credente e timoroso, l’unico metodo che può dare una risposta diretta è l’esperienza pratica della fede e del timore di Dio, senza di questa non è possibile conoscere tale realtà. Da questo semplice esempio si può dedurre che per la conoscenza di qualsiasi fenomeno è necessario liberare la mente da qualsiasi pregiudizio e legame con pensieri o metodi particolari e concentrarsi direttamente sul tema in questione, estraendo il suo giusto metodo di analisi da esso stesso. Perciò anche per la conoscenza dell’Islam è necessario un approccio libero da qualsiasi punto di vista passivo, occidentalizzante, orientalizzante o strumentalistico, poiché è possibile che la metodologia occidentale in taluni casi non giunga alla giusta conclusione nella comprensione dell’Islam e della religione, rimanendo quindi impotente a conoscerla e chiarirla.

Non vogliamo dire che bisogna sempre negare i metodi così detti occidentali in qualsiasi campo, ma che è necessario analizzare l’Islam da una prospettiva scevra da ogni legame con qualsivoglia civiltà.

In questa sede non intendiamo confutare la civiltà occidentale e analizzare il suo punto di vista riguardo all’essere umano, al mondo e a Dio, tuttavia è chiaro che le metodologie occidentali sono profondamente influenzate dall’ottica occidentale riguardo alle realtà dell’universo. Non è pertanto possibile dipendere completamente da questo metodo, poiché in tal caso il nostro pensiero non sarebbe sufficientemente libero per conoscere la religione, l’Islam e la spiritualità.

In via di principio, la cieca dipendenza dalle scienze occidentali è uno dei fattori che ha determinato l’occidentalizzazione dei paesi islamici, anche se, pure l’arretratezza dei musulmani nella conoscenza delle verità religiose e islamiche ha favorito questa passività.

L’Islam è la religione della conoscenza delle verità ed essa stessa è stata la culla della riflessione, della scienza, della religione e della gnosi, perciò non può essere indifferente verso il razionalismo, l’empirismo e qualsiasi altro metodo scientifico normale. Nonostante ciò, il non conoscere il ruolo di ognuno di questi metodi conoscitivi e scientifici, il tentativo di analizzare l’Islam usufruendo di punti di vista influenzati dalla civiltà occidentale - perdendo tutta la propria identità monoteistica e religiosa - e lo sforzo per occidentalizzare le verità dell’Islam, comporteranno l’uscita dalla via della conoscenza e della verità. Questi sono alcuni dei fattori che portano all’incomprensione delle verità dell’Islam e del suo messaggio.

L’utilizzo delle normali metodologie occidentali nelle questioni generali dell’umanità, invece, non riguarda questo argomento, essendo questioni indipendenti che non hanno a che vedere con le tendenze occidentalizzanti o orientalizzanti. Quando si critica l’Occidente, si fa riferimento a quella particolare tendenza che dà un’unica anima a queste questioni scientifiche e ha il predominio sul mondo, un’anima che non è certo monoteistica e divina.

Si può quindi facilmente comprendere che nell’analizzare qualsiasi fenomeno, teoria o realtà, tra cui l’Islam, è necessario consultare le fonti originarie e sentirsi vincolati nell’ottenerne le conoscenze. La dipendenza assoluta e incondizionata, senza riflessione, dalle metodologie occidentali, che sono per la maggior parte influenzate dal materialismo, avrà come conseguenza la perdita dell’identità religiosa e l’occidentalizzazione.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    24069 Diritto e Precetti
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    22874 Teologia antica
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    20371 Etica pratica
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    17854 Teologia antica
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    14004 Diritto e Precetti
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    13988 Esegesi
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    13739 Etica
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    13113 Diritto e Precetti
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    12893 Teologia antica
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    12490 Filosofia del diritto e dei precetti
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...