Ricerca Avanzata

بلاگ

  1. I Profeti e gli infallibili Imam (A), nei propri lavori e nella vita quotidiana in generale, erano obbligati ad utilizzare la scienza e la forza naturale, non compivano quindi miracoli o azioni soprannaturali, se non in casi particolari e con il consenso divino, dove era opportuno per la religione di Dio e la guida della gente.
  2. L’imam Baqir (A) disse: “Il nome di Dio ha settantatré lettere. Presso Asif ibn Barkhya c’era una lettera ed utilizzando quella sola lettera portò il trono della regina Bilqis di Saba al profeta Salomone (A); le altre settantadue lettere del nome di Dio sono presso di noi”[1].

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate