Visite
15342
Data aggiornamento: 2011/02/08
Domanda concisa
Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
Domanda
Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
Risposta concisa

Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano nei libri sunniti, non hanno una fonte attendibile, non ci si può fidare di essi.

Il suo ruolo deviante è tale da avvertirci che è necessario astenersi da ogni causa di deviazione e attrazione.

È un uomo? È la tecnologia? È Satana? ecc. Da questi interrogativi scaturiscono varie ipotesi su di lui. Il nostro consiglio è di astenersi da ogni cosa ingannevole e falsa, e di non aiutarlo affinché, Dio non voglia, non ci inganni o involontariamente diventiamo suoi aiutanti!

Risposta dettagliata

Uno dei segni e simboli della manifestazione del nobile Mahdi (AJ)[1] è l’apparizione di un individuo di nome “Dajjal”. Dal punto di vista dei letterati, terminologicamente, questa parola viene attribuita ad ogni bugiardo e truffatore.

Negli hadìth (la maggior parte dei quali si può trovare nei testi sunniti) è stato descritto con varie e strane caratteristiche. Per esempio: afferma di essere Dio[2]; è longevo[3]; insieme a lui c’è acqua e fuoco[4]; guarisce dalla cecità e dalla lebbra[5].

Il Principe dei Credenti (A) era intento in un discorso e disse tre volte: “Prima di perdermi e non trovarmi più, chiedetemi quello che volete”. Un retto individuo di nome Sa'sa'ah ibn Suhan si alzò e disse: “O Principe dei Credenti! Chi è il Dajjal?”.

Quel nobile rispose: “Sappiate che il nome del Dajjal è Sa’id ibn Said. Disgraziato è chi lo accetta e beato chi lo rifiuta. Egli apparirà da un luogo chiamato Hisbahan, da un famoso quartiere ebraico. Il suo occhio destro è chiuso e privo di orbita. L’altro occhio è sulla sua fronte ed è luminoso come una stella al mattino. Nel suo occhio c’è della carne che sembra mischiata con del sangue. Sulla sua fronte (tra i due occhi) c’è scritto miscredente e perfino un analfabeta può leggerlo. Naviga i mari e il sole viaggia insieme a lui. Di fronte a lui si trova una montagna di fumo e dietro una montagna bianca che la gente pensa sia cibo. Egli appare in un periodo di forte carestia. Sotto i suoi piedi c’è un asino verde o di colore scuro. Ogni passo del suo asino equivale a un miglio. Viaggia velocemente nel mondo. Quando passa vicino a una fonte o dell’acqua questa si secca fino al Giorno del Giudizio. Urla, in modo che lo sentano sia in Occidente che in Oriente: ‘Amici miei venite verso di me! Io [sono quel Dio che] ha creato, ha plasmato le forme, ha determinato il destino ed è la vostra guida’. ‘Io sono il vostro grande signore’. È un bugiardo! Egli è nemico di Dio … e in fine verrà ucciso da colui dietro il quale Gesù (A) pregherà (il nobile Mahdi -AJ-)”.[6]

Chi è veramente il Dajjal? Per il momento non si può arrivare a una conclusione certa. Elenchiamo brevemente delle possibilità:

a.     Il Dajjal è un individuo che compie delle azioni soprannaturali attraverso la magia. Egli apparirà alla fine dei tempi. Egli è il leader di una grande sedizione per l’umanità. Com’è chiaro dal significato terminologico della parola Dajjal, egli è un mago e un disonesto; dispone di molte facilitazioni materiali. Alcuni hadìth lo nominano come l’Anticristo.

Quando si manifesterà il Mahdi (AJ), egli incomincerà il proprio operato contro di lui. Egli è una persona longeva, in questo momento è vivo e lo sarà fino alla sua apparizione. Egli conquisterà tutto il mondo tranne la Mecca e Medina.[7]

b.     Il Dajjal è Satana stesso.

c.     Il Dajjal è Sufiani.

d.     Il Dajjal è una figura simbolica (vedi sotto).

Il Dajjal è il simbolo della civiltà e della tecnologia occidentale che è inconciliabile con l’Islam e i suoi principi. Una civiltà che cerca di schiavizzare ogni essere umano … Oggi noi vediamo chiaramente in che modo la civiltà e il sistema occidentale materialista stiano dominando tutte le società, perfino i musulmani …”[8]

Per approfondire:

Cfr.: Dajjal Dorugh-guye Faribande, rivista stagionale Mou'ud, n. 4.



[1] Questo segno nei libri sunniti è conosciuto come segno del Giorno del Giudizio (Sunan Tirmizi, vol. 4, pp. 507-519; Sunan Abi Dawud, vol. 4, pag. 115; Sahih Muslim, vol. 18, pp. 46 e 81). Però secondo le fonti sciite è sia uno dei segni dell’avvicinamento della fine del mondo (Bihar al-Anwar, vol. 6, pag. 296, parte prima, Ashrat al-Sa'at wa Qissat Ya'juj), sia un segno della manifestazione del Mahdi (AJ). Comunque il fatto che allo stesso tempo sia un segno della manifestazione e della fine del mondo non costituisce un problema dato che anche la manifestazione del Mahdi (AJ) è un segno della fine dei tempi.

[2] Sunan ibn Mujah, vol. 2, pag. 1360.

[3] Sahih Muslim, vol. 8, pag. 205.

[4] Sahih Bukhari, vol. 8, pag. 103.

[5] Musnad Ahmad, vol. 5, pag. 13.

[6] Safi Lotfullah, Muntakhab al-Athar, parte terza, pag. 532, hadìth 8.

In alcuni hadìth è stato riportato che alla fine verrà ucciso dall’imam Mahdi (AJ) (Bihar al-Anwar, vol. 14, pag. 348, parte 24, “Ma hadatha ba'da raf'ihi wa zaman …”) oppure che verrà ucciso da Gesù accanto alla porta di “Lud” in Siria. Per approfondire cfr.: Bihar al-Anwar, vol. 52, pp. 193 e 209; Kamal al-Din, pp. 525 e 526; Kashf al-Ghumah, vol. 3, pag. 281; Al-Masa'il al-'Ashr, stampato con le opere di Shaykh Tusi, vol. 3, pag. 122; Irshad, vol. 2, pag. 371; Kanz al-'Ummal, vol. 14, pp. 198-200.

In ogni caso queste due versioni non sono in contrasto dato che Gesù (A) è accanto al nobile Mahdi (AJ) e si può attribuire l’azione di un militare al proprio generale.

[7] Al-Faqih, vol. 2, pag. 564, parte “Tahrim al-madinat wa fazluha…”; Al-Tahzib, vol. 6, pag. 12, parte 5, “Tahrim al-madinat wa fazluha”.

[8] Sayyid Muhammad Sadiq Sadr, Tarikh ma ba'd al-Zuhur, pp. 141 e 142, riportato da Alì Asghar Rezvani, Mou'ud Shenasi, Nashr-e Masjed Jamkaran, pag. 533.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    22125 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    20421 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    17218 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    15342 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    13248 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    11814 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    11716 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    11284 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    10798 Diritto e Precetti 2012/06/09
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    10581 Etica 2011/12/21
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta