Ricerca Avanzata
Visite
4587
Data aggiornamento: 2009/05/16
Domanda concisa
Qual è la cura per la riya’?
Domanda
Qual è la cura per la riya’?
Risposta concisa

La riya’ consiste nel voler mettere in mostra le proprie buone azioni davanti agli altri per ottenere stima e considerazione nella società. La riya’ è l’opposto della devozione sincera.

Alcune cure per la riya’ sono: considerare l’ira divina riguardo alla riya’; la nullità della ricompensa e dell’incoraggiamento della gente; la violazione delle promesse, l’ingratitudine, la negligenza e l’incapacità della gente di essere riconoscente; il potere di Dio nel conquistare i cuori; la potenza di Dio nel rivelare le azioni praticate con riya’; ricordarsi che la riya’ distrugge le ricompense dell’essere umano nell’Aldilà; abituarsi a svolgere le azioni probe celatamente.

Naturalmente bisogna prendere atto che in alcuni casi manifestare una buona azione, non solo non è considerato riya’ e non è biasimato, bensì è lodevole, per esempio compiere buone azioni in pubblico con l’intenzione di esortare gli altri, promuovere la religione o combattere le tentazioni di Satana.

Un altro punto importante è che in molti casi compiere un’azione pubblicamente non è riya’, bensì è un dovere, però Satana tenta l’essere umano affinché si astenga dalla grazia di partecipare alle buone azioni e agli atti d’adorazione collettivi. Bisogna saper riconoscere questi contesti e lottare contro Satana, ignorando il sospetto che possa trattarsi di riya’ e compiendo questi atti e azioni in modo manifesto.

Risposta dettagliata

La riya’ consiste nel voler mettere in mostra le proprie buone azioni davanti agli altri per ottenere stima e considerazione nella società[1]. Un atto d’adorazione o una buona azione è compiuta con l’intento di far conoscere la propria condotta agli altri, per essere elogiato e considerato una brava persona.

Dal lato opposto della riya’ c’è la devozione sincera, che consiste nel purificare l’intenzione per Iddio l’Altissimo e svuotarla da tutto ciò che non è Dio, e in tale stato tutte le azioni sono compiute solamente e unicamente per obbedire all’ordine divino e ottenere il compiacimento di Dio.

Le vie per curare la riya’

Alcune cure per la riya’ sono:

  1. Considerare l’ira divina: la riya’ nel compimento degli atti d’adorazione e degli ordini divini è in realtà una forma di scherno degli ordini di Dio che causa la sua ira.
  2. Considerare la nullità della ricompensa e dell’incitamento della gente di fronte alla ricompensa di Iddio, il Potente, l’Altissimo. Se una persona confrontasse le ricompense e le incitazioni effimere della gente con la ricompensa eterna di Dio, non commetterebbe mai un’azione perché esortato dalla gente.
  3. Considerare la violazione delle promesse, l’ingratitudine e la negligenza della gente. Se una persona riflette, si rende conto che molta gente, di fronte ai servigi che le vengono offerti, è ingrata e addirittura non riconosce i servizi e il bene che vengono compiuti nei suoi confronti, per pensare di ringraziare e contraccambiare, e un gruppo numeroso di coloro che riconoscono tali servizi e bene, se ne dimenticano molto presto. Alcuni di quelli che vorrebbero ricambiare non ne hanno la forza o i mezzi per farlo. Anche la riconoscenza di coloro che possono ringraziare, non ha un gran valore. Al contrario Iddio non lascia senza ricompensa nessuna buona azione compiuta con sincera devozione e non dimentica nessuna azione, poiché è onnisciente e onnipotente e può pertanto elargire qualsiasi ricompensa.
  4. Considerare la Potenza di Dio nel conquistare i cuori. L’essere umano, per natura, ama essere incitato e amato dalla gente nonché ricordato positivamente. Non tralasciamo tuttavia, che è nelle mani di Dio, il fatto che coloro che compiono azioni probe con sincera devozione, attirano i cuori e l’attenzione della gente; quindi se le azioni vengono purificate nell’intenzione, sicuramente saranno elogiate e riconosciute anche dalla gente.
  5. Considerare la Potenza divina nel rivelare e smascherare le azioni praticate con riya’ alla gente. Quando la gente capisce che una persona prega con ardore o spende in opere di beneficienza, senza essere animata da un’intenzione pura, sicuramente non la ringrazierà mai; una persona che comprende ciò non sarà mai disposta a perdere le proprie energie con la riya’.
  6. Considerare che la riya’ distrugge la ricompensa delle azioni di una persona nell’Aldilà. Una persona considerante il fatto che un’azione pervasa da un minimo di riya’, presso Iddio l’Altissimo, non ha nessun valore né ricompensa, capisce che un’azione compiuta con riya’ è il danno più grande.
  7. Abituarsi a compiere le buone azioni celatamente[2]. Questa è una soluzione per salvarsi dal male della riya’.

A ogni buon conto bisogna tenere presente che in alcuni casi la manifestazione di una buona azione, non solo non è riya’ né biasimata, bensì è altamente lodata:

  1. Compiere buone azioni con l’intenzione di esortare il prossimo.
  2. Compiere manifestamente gli atti d’adorazione con l’intento di diffondere la religione, poiché è chiaro che una divulgazione segreta non ha senso.

Una cosa altrettanto importante è che in molti casi compiere un’azione palesemente non costituisce affatto riya’, bensì un dovere, ma Satana con le sue tentazioni cerca di impedire all’essere umano di condividere la grazia di compiere buone azioni e di partecipare ad atti d’adorazione collettivi. Bisogna saper riconoscere questi contesti e lottare contro Satana, ignorando il sospetto che possa trattarsi di riya’ e compiendo questi atti e azioni in modo manifesto. Infatti al giorno d’oggi molte azioni, come la partecipazione alla preghiera comunitaria, la preghiera del venerdì, la preghiera in moschea, ecc., sono fatti normali e per loro natura non costituiscono riya’.

 


[1] Mullah Ahmad Naraqi, Mi'raj al-Sa'adat, pp. 472 e 473.

[2] Mullah Ahmad Naraqi, Mi'raj al-Sa'adat, p. 483 in poi.

 

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    21776 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    20000 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    16119 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    14477 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    12866 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    11376 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    11283 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    10089 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Come si può curare l’invidia?
    9881 Etica teorica 2011/08/13
    L’invidia è un’inclinazione dell’animo per cui ci si sottovaluta, in seguito alla quale l’individuo desidera che un’altra persona non abbia un bene che possiede.Per guarire da quest’attitudine si consigliano le seguenti soluzioni:1.
  • Cos’è lo sharab tahur (bevanda purificante)?
    9639 Teologia antica 2010/10/07
    Sharab nella terminologia araba significa bevanda e tahur ciò che è puro e purifica. Dai vari versetti del Corano si comprende che in Paradiso sono presenti diverse bevande salubri, pure e di qualità diverse. In un versetto del Corano è stato utilizzato il termine ...

Links