Ricerca Avanzata
Visite
3428
Data aggiornamento: 2011/01/20
Domanda concisa
Potete dimostrare che il califfato spettava per diritto all’imam Alì (A)?
Domanda
Potete dimostrare che il califfato spettava per diritto all’imam Alì (A)?
Risposta concisa

Non c’è dubbio che per poter permanere, la struttura della religione islamica necessiti di un protettore e amministratore, di persone degne che insegnino le scienze e le norme religiose alla gente, e altresì applichino le sue precise leggi nella società islamica. Poiché uno degli scopi della creazione è il guidare l’umanità verso la Retta via, la saggezza di Dio Misericorde presuppone che, dopo la morte del nobile Profeta (S), per proteggere la religione e guidare la gente, Egli nomini una guida e non abbandoni la gente al proprio intelletto limitato, spesso soggiogato dalla concupiscenza.

La dimostrazione dell’imamato del nobile Alì (A) è una delle discussioni particolari  relativa all’argomento dottrinale dell’imamato e non è possibile provarlo direttamente in modo razionale, si può invece dimostrare il califfato e l’imamato di Alì (A) dopo il nobile Profeta (S), attraverso i versetti, hadìth e fonti storiche.

a.     Prove dal Corano

Nel sacro Corano vi sono numerosi versetti che basandosi sugli hadìth del nobile Profeta (S) riguardo al contesto della loro rivelazione possono dimostrare l’imamato di Alì (A), tra cui possiamo citare: il versetto del tabligh, della wilayah, degli ulu al-'amr e dei sadiqin, che analizzeremo nella risposta dettagliata.

b.    Prove dagli hadìth

In numerose fonti sciite e sunnite sono riportati molti hadìth in cui il nobile Profeta (S) dichiarò che il suo successore sarebbe stato Alì ibn Abitalib (A) e dopo di lui i suoi due nipoti Hasan e Husayn (A), seguiti da nove Imam (A) dalla discendenza di Husayn (A). Inoltre vi sono gli hadìth di yawm al-dar, del manzilat, di Ghadir Khumm, quello famoso dei thaqalayn e gli hadìth in cui il Profeta dice (S) che dopo di lui verranno dodici califfi attraverso cui la religione sarà onorata.

Risposta dettagliata

Non c’è dubbio che per poter permanere, la struttura della religione islamica necessiti di un protettore e amministratore, di persone degne e infallibili che insegnino le scienze e le norme religiose alla gente, ed applichino le sue precise leggi nella società islamica. Poiché uno degli scopi della creazione è il guidare l’umanità verso la Retta via, la saggezza di Dio Misericorde presuppone che, dopo la morte del nobile Profeta (S), per proteggere la religione e guidare la gente, Egli nomini una guida e non abbandoni la gente al proprio intelletto limitato, spesso soggiogato dalla concupiscenza.

Pertanto diventa chiara, attraverso questa argomentazione razionale, la necessità della presenza, dopo la morte del Profeta (S), di Imam (A) infallibili e detentori della scienza donata da Iddio, in tutte le epoche, per guidare la gente, proteggere la religione e applicare le sue leggi e le sue norme.

La dimostrazione dell’imamato del nobile Alì (A) è una delle discussioni particolari relativa all’argomento dottrinale dell’imamato e non è possibile provarlo direttamente attraverso l’argomentazione razionale; si può invece dimostrare il califfato e l’imamato di Alì (A) dopo il nobile Profeta (S) attraverso l’argomentazione razionale nella discussione generale dell’imamato (la necessità della sua presenza in tutte le epoche) e basandosi sui versetti, hadìth e fonti storiche.

In questo articolo dimostreremo l’imamato e il califfato dell’imam Alì (A) facendo un breve riferimento alle prove del Corano e degli hadìth.

a.     Prove dal Corano

Nel sacro Corano vi sono numerosi versetti che dimostrano l’imamato di Alì (A) e degli altri Imam (A). Essi devono comunque essere interpretati attraverso i numerosi hadìth mutawatir[1] tramandati dal nobile Profeta (S) riguardo al contesto in cui furono rivelati; hadìth accettati da sunniti e sciiti. Tra questi versetti possiamo citare:

1.     Il versetto del tabligh: “O Messaggero, comunica quello che è sceso su di te da parte del tuo Signore. Ché se non lo facessi non assolveresti alla tua missione. Allah ti proteggerà dalla gente. Invero Allah non guida un popolo di miscredenti”[2].

Iddio l’Altissimo ingiunge al Suo Profeta (S) di comunicare il suo messaggio e secondo gli hadìth, egli, in seguito alla rivelazione di questo versetto, presso Ghadir Khumm, nomina Alì (A) suo successore con la famosa frase: “Di chiunque io sia il mawla (guida), Alì (A) è il suo mawla[3].

Il versetto della wilayah: “In verità i vostri wali (guide) sono Allah, il Suo Messaggero e i credenti che assolvono all'orazione dando l’elemosina con umiltà mentre compiono il ruku' (genuflessione)”[4]. Molti esegeti e tradizionisti[5] sostengono che questo versetto fu rivelato riguardo all’imam Alì (A)[6].

Suyuti, uno dei sapienti sunniti, nell’esegesi Al-Dur al-Manthur, in merito a questo versetto riporta un hadìth di Ibn 'Abbas che tramanda: “Alì (A) stava compiendo il ruku' della preghiera, quando un mendicante chiese l’elemosina ed egli gli donò il suo anello. Il Profeta (S) chiese al mendicante chi gli avesse dato l’anello ed egli indicò l’Imam (A) dicendo: ‘Quell’uomo che sta compiendo il ruku', quindi fu rivelato questo versetto”[7]. Altri due sapienti sunniti, Wahidi[8] e Zamakhshari[9], citano questo hadìth e sostengono che questo versetto riguardi l’imam Alì (A). Fakhr Razi nella sua esegesi riporta da 'Abdullah ibn Salam che quando questo versetto fu rivelato, egli disse al Profeta (S) di avere visto personalmente Alì (A) donare il suo anello al mendicante durante il ruku', e di conseguenza di accettare la sua wilayah; egli inoltre cita anche un altro hadìth simile tramandato da Abuzar riguardo al contesto in cui questo versetto[10] fu rivelato. Anche Tabari (un altro sapiente sunnita) nella sua esegesi riporta numerosi hadìth concernenti il momento della rivelazione di questo versetto di cui la maggior parte sostiene che riguardi l’imam Alì (A)[11].

L’allamah Amini nel suo libro al-Ghadir afferma che questo versetto si riferisce all’imam Alì (A) citando hadìth da una ventina di libri validi sunniti, riportandone la fonte precisa[12]. In questo versetto la wilayah dell’imam Alì (A) viene posta allo stesso livello di quella di Dio e del Profeta (S).

2.     Versetto degli ulu al-'amr: “O voi che credete, obbedite ad Allah, al Messaggero e a coloro di voi che hanno l'autorità (ulu al-'amr)”[13].

Da una parte i sapienti[14] sostengono che questo versetto fu rivelato riguardo all’imam Alì (A): per esempio Hakim Haskani Hanafi Neyshaburi (famoso esegeta sunnita) in merito a questo versetto cita cinque hadìth in cui è riportato che per ulu al-'amr s’intende l’imam Alì (A)[15]. Nell’esegesi al-Bahr al-Muhit di Abu Hayyan Andalusi Maghribi, tra le varie opinioni citate concernenti gli ulu al-'amr, riporta quelle di Muqatil, Maymun e Kalbi (tre esegeti) che essi sono gli Imam (A) dell’Ahl al-Bayt[16]. Abu Bakr ibn Mu'min Shirazi (sapiente sunnita) nella sua risalah I'tiqad riporta da Ibn 'Abbas che questo versetto fu rivelato riferendosi all’imam Alì (A)[17].

Dall’altra parte in questo versetto l’obbedienza a Iddio, al Messaggero (S) e agli ulu al-'amr, con lo stesso stile e senza ripetere la parola “obbedite”, è considerata obbligatoria, perciò gli ulu al-'amr devono essere infallibili (altrimenti non avrebbe senso ordinare l’obbedienza assoluta a loro) allo stesso modo che lo sono Iddio e il Profeta (S), e secondo quanto è riportato negli hadìth, solo gli Imam (A) della Shi'a sono infallibili.

Ciò che è stato riportato sono solo alcuni degli hadìth citati nei libri sunniti, tramandati dai loro tradizionisti attendibili e presenti nei libri sciiti riguardo a questi versetti che sono solo tre dei versetti inerenti alla wilayah e all’imamato dell’imam Alì (A). Ci sono altre considerazioni importanti concernenti questi versetti nei libri sunniti; per approfondirle è necessario consultare quelli validi.

Oltre a questi tre versetti ve ne sono altri che riguardano direttamente la wilayah e l’imamato dell’imam Alì (A) e degli altri Imam (A), citati negli hadìth del nobile Profeta (S) e riportati nei libri sunniti e sciiti, per esempio il versetto dei sadiqin “O voi che credete, temete Allah e state con i sinceri (sadiqin)”[18], e il versetto “Di': «Non vi chiedo alcuna ricompensa, oltre all'amore per i parenti (l’Ahl al-Bayt)»”[19].

In aggiunta a questi versetti ce ne sono pure alcuni che riportano le qualità dell’imam Alì (A) e il fatto che egli fosse migliore degli altri Compagni, aiutanti e vicini del Profeta (S); quindi basandosi sulla sentenza razionale che ritiene riprovevole preferire “colui che non è migliore” (marjuh) al migliore (arjah) si può dedurre che l’imamato e la successione dopo il Profeta (S) spettasse per diritto all’imam Alì (A).

b.    Prove dagli hadìth

In numerose fonti sciite e sunnite sono riportati molti hadìth in cui il nobile Profeta (S) disse che il suo successore sarebbe stato Alì ibn Abitalib (A) e dopo di lui i suoi due nipoti Hasan e Husayn (A), seguiti da nove Imam (A) dalla discendenza di Husayn (A)[20]. Inoltre vi sono gli hadìth di yawm al-dar, del manzilat, di Ghadir Khumm, quello famoso dei thaqalayn e gli hadìth in cui il Profeta dice (S) che dopo di lui sarebbero venuti dodici califfi che avrebbero onorato la religione.

Per chiarire la discussione citeremo brevemente tre degli hadìth importanti:

1.     Hadìth del manzilat:

Il Profeta (S) in occasione della battaglia di Tabuk, uscì da Medina insieme a numerosi Compagni per dirigersi verso l’esercito romano. Affinché Medina non rimanesse senza guida, il Profeta (S) nominò Alì (A) suo successore. Alcuni dei Compagni lo schernirono dicendo che il Profeta (S) aveva lasciato Alì (A) a Medina per prendersi cura delle donne e dei bambini. L’imam Alì (A) si lamentò di questo comportamento presso il Profeta (S) che gli disse la frase storica: “Tu sei per me come Aronne per Mosè, con la differenza che non ci sarà profeta dopo di me”[21].

2.     Hadìth dei thaqalayn:

Questo hadìth è riportato in numerosi e validi libri sunniti[22]. Gli ultimi giorni della sua vita, il Profeta (S) disse ai suoi Compagni: “O gente! È vicino il momento che sarò chiamato dal mio Signore e risponderò al Suo invito. Vi lascio due cose preziose: una è il Libro di Dio e l’altra la mia Famiglia (A). Il Libro di Dio è una salda corda dal Cielo alla Terra e la mia Famiglia sono la mia Ahl al-Bayt (A). Questi due non si separeranno mai finché non giungeranno a me presso lo stagno di Kawthar. Perciò prestate attenzione a come vi comporterete con loro dopo di me”[23].

3.     Hadìth Ghadir:

L’avvenimento di Ghadir accadde nell’ultimo anno di vita del nobile Profeta (S) durante il suo ultimo hajj (hajjat al-wida'), quando pronunciando la frase: “Di chiunque io sia la guida, Alì (A) sarà la sua guida” esplicitamente annunciò l’imamato di Alì ibn Abitalib (A) e comunicò così il suo messaggio.

Questa vicenda è stata narrata da numerosi (centodieci) compagni[24] del nobile Profeta (S), ottantaquattro tabi'in (seguaci dei compagni) e trentasei sapienti e scrittori. L’allamah Amini nel suo libro al-Ghadir cita tutte queste narrazioni con le fonti e le prove tratte da famosi libri di autori sunniti e sciiti.

Quelle che abbiamo citato sono solo alcune delle numerose prove per dimostrare il califfato diretto, ossia senza interposizioni, di Alì (A)[25].

Per approfondimenti potete consultare:

-         Tafsir-e Payam-e Qor'an, con la supervisione dell’ayatollah Makarem Shirazi, vol. 9 (“Emamat va velayat dar Qor'an-e majid”, pag. 177 in poi)


[1] Un hadìth è definito mutawatir quando è stato trasmesso da un numero talmente elevato di catene di trasmissione differenti che sarebbe stato impossibile per tutti i trasmettitori concordare su una fabbricazione.

[2] Sacro Corano 5:67.

[3] Makarem Shirazi, Payam-e Qor'an, vol. 9, “Emamat dar Qor'an”, pag. 182 in poi.

[4] Sacro Corano 5:55.

[5] Coloro che si occupano di tramandare, analizzare, ecc., gli hadìth ovvero le tradizioni.

[6] Infatti in base a hadìth validi colui che donò il proprio anello al mendicante durante il ruku' fu

 Alì (A).

[7] Al-Dur al-Manthur, vol. 2 pag. 293.

[8] Asbab al-Nuzul, pag. 148.

[9] Tafsir Kashshaf, vol. 1 pag. 649.

[10] Tafsir Fakhr Razi, vol. 12, pag. 26.

[11] Tafsir Tabari, vol. 6 pag. 186.

[12] Al-Ghadir, vol. 2, pag. 52 e 53.

[13] Sacro Corano 4:59.

[14] Nel Tafsir Barhan sono menzionate decine di hadìth riguardo a questo versetto sostenenti che esso riguardi l’imam Alì (A), oppure Alì (A) e gli altri Imam (A) dell’Ahl al-Bayt; in alcuni hadìth sono addirittura citati i nomi di ognuno dei dodici Imam (A); cfr. Tafsir Barhan, vol. 1, pag. 381-387.

[15] Shawahid al-Tanzil, vol. 1, pag. 148-151.

[16] Al-Bahr al-Muhit, vol. 3 pag. 278.

[17] Ihqaq al-Haqq, vol. 3 pag. 425.

[18] Sacro Corano 9: 119; negli hadìth è riportato che per sinceri s’intendono l’imam Alì

A) e l’Ahl al-Bayt (A) del Profeta (S) (Yanabi' al-Mawaddah, pag. 115; Shawahid al-Tanzil, vol. 1, pag. 262).

[19] Sacro Corano 42:23.

[20] Sabt ibn Juzi, Tazkirat al-Khawas, ed. libanese, pag. 327; Shaykh Sulayman Qanduzi, Yanabi' al-Mawaddah, cap. 77, pag. 444, ed. di Istanbul; Juwayni, Fara'id al-Simtayn, ed. di Beirut, vol. 2, pag. 134.

[21] Fadha'il al-Khamsah, vol. 1, pag. 299-316.

[22] Sahih Muslim; Sahih Tirmizi, vol. 2, pag. 308; Khasa'is Nisa'iy, pag. 21; Mustadrak Hakim, vol. 3, pag. 109; Musnad Ahmad ibn Hanbal, vol. 3, pag. 17.

[23] Fadha'il al-Khamsah, vol. 2, pag. 44-53.

[24] Come Abu Sa'id Khadri, Zayd ib Arqam, Jabir ibn 'Abdullah Ansari, Ibn 'Abbas, Bura' ibn 'Azib, Huzayfah, Abu Hurayrah, Ibn Mas'ud e 'Amir ibn Layla.

[25] Per approfondire cfr. al-Ghadir, vol. 1 dell’allamah Amini e Pishvayi az Nazar-e Eslam dell’ayatollah Ja'far Sobhani, pag. 274 e 317, in particolare le spiegazioni riguardanti l’hadìth di Ghadir.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    24071 Diritto e Precetti
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    22876 Teologia antica
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    20378 Etica pratica
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    17862 Teologia antica
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    14009 Diritto e Precetti
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    13989 Esegesi
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    13753 Etica
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    13119 Diritto e Precetti
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    12896 Teologia antica
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    12490 Filosofia del diritto e dei precetti
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...