Ricerca Avanzata
Visite
5830
Data aggiornamento: 2011/12/21
Domanda concisa
Considerando il versetto “Vi abbiamo creato da un maschio e una femmina e abbiamo fatto di voi popoli e tribù, affinché vi conosceste a vicenda”, sforzarsi di eliminare le differenze etniche, è contrario al volere divino?
Domanda
Considerando il versetto “Vi abbiamo creato da un maschio e una femmina e abbiamo fatto di voi popoli e tribù, affinché vi conosceste a vicenda”, sforzarsi di eliminare le differenze etniche, ossia l’assimilarsi delle culture, è contrario al volere divino?
Risposta concisa

Considerando gli insegnamenti islamici diventa chiaro che eliminare le differenze e le discriminazioni razziali, e il mescolarsi delle culture, sono conformi ai principi dell’Islam riportati nel Corano e negli hadìth. Perciò il nobile versetto in questione non contraddice affatto ciò; infatti la fine del versetto è come se indicasse proprio questo concetto: “Presso Allah, il più nobile di voi è colui che più Lo teme”.

Risposta dettagliata

Tra le tribù dell’era preislamica la discendenza e la propria tribù costituivano i valori più importanti; infatti ogni tribù si considerava la migliore e altrettanto ogni etnia. Altri consideravano la ricchezza, il possedere un palazzo, la servitù e simili, un segno di distinzione, e si sforzavano perennemente di ottenerli. Altri ancora invece consideravano come criterio l’alto rango sociale o politico. In tal modo ogni gruppo seguiva un determinato percorso, dando importanza a un certo valore e stabilendolo come criterio.

Dal momento però che tutto ciò è vacillante, superfluo, materiale ed effimero, una religione celeste come l’Islam non lo potrà mai accettare; perciò essa ha rifiutato tutto ciò e considera le virtù come il timore di Dio, l’astinenza dal peccato, sentirsi vincolati alla propria religione e la purità dell’essere umano, i suoi veri valori. Anche un attributo come la conoscenza, se non è sul sentiero della fede, del timore reverenziale e dei valori etici, non è ritenuta degna di alcun valore.

Dai contesti in cui il versetto fu rivelato, si possono fare delle considerazioni che mostrano la profondità di questo ordine islamico; per esempio, dopo la conquista della Mecca, il Profeta (S) ordinò di recitare l’azan, Bilal (un fratello di pelle nera) salì sul tetto della Ka'bah e recitò il richiamo alla preghiera. 'Attab ibn Asid disse: “Ringrazio Iddio che mio padre ha lasciato questo mondo e non ha dovuto assistere a tale giorno!”. Harith ibn Hisham disse: “L’Inviato di Allah (S) non ha trovato altri, oltre a questo corvo nero?!”. Quindi il versetto fu rivelato spiegando il vero criterio per stabilire il valore dell’essere umano[1].

In un hadìth leggiamo che un giorno il Profeta (S) pronunciò  il seguente sermone alla gente:

“O gente! Iddio vi ha purificato dalla vergogna dell’ignoranza e dal vantarvi dei vostri padri e antenati; le persone sono solo di due tipi: i probi timorati, preziosi presso Iddio, oppure i malvagi meschini, abietti presso Iddio. Tutti gli esseri umani sono figli di Adamo e Iddio ha creato Adamo dalla terra, infatti dice: «Vi abbiamo creato da un maschio e una femmina e abbiamo fatto di voi popoli e tribù, affinché vi conosceste a vicenda. Presso Allah, il più nobile di voi è colui che più Lo teme. In verità Allah è sapiente, ben informato».[2]

Nel libro Adab al-nufus di Tabari è stato riportato che il Profeta (S), durante l’undicesimo, il dodicesimo e tredicesimo giorno di Zi al-Hajjah (i giorni del tashriq) si trovava a “Mina”, e mentre era sopra un cammello si rivolse alla gente, dicendo: “O gente! Sappiate che il vostro Dio è unico e quello dei vostri padri pure; né l’arabo è migliore dello straniero, né lo straniero di un arabo; una persona di colore non è migliore di un bianco come quest’ultimo non lo è rispetto a un nero; tranne per il timor di Dio. Ho trasmesso l’ordine divino?”. Tutti affermarono: “Sì”. Disse: “Gli astanti comunichino questo discorso agli assenti!”[3].[4]

Considerando i concetti che sono stati espressi e i contesti in cui il versetto fu rivelato, è chiaro che eliminare le differenze e le discriminazioni razziali e il mescolarsi delle culture, sono conformi agli insegnamenti islamici, come è stato riportato nel Corano e negli hadìth. Perciò questo nobile versetto non contraddice affatto tale pensiero. Infatti la fine del versetto è come se indicasse proprio questo concetto: “Presso Allah, il più nobile di voi è colui che più Lo teme[5].

Ora, il fatto che il mondo stia procedendo verso la globalizzazione o il villaggio globale, oppure il fatto che uno stato, nonostante la presenza di più lingue, ne considera solo una ufficiale, tutto questo non significa che le differenze razziali siano finite o che ciò non è conforme al sopraccitato versetto, infatti queste differenze si presentano sotto altri aspetti e forme.



[1] Isma'il Haqqi Barusawi, Ruh al-bayan, vol. 9, pag. 90, Dar al-fikr, Beirut; Muhammad ibn Ahmad Qurtabi, Al-Jami'li-Ahkam al-Qur'an, vol. 9, pag. 6160, Entesharat Naser Khosro, prima stampa, Teheran, 1985.

[2] Al-Jami' li-Ahkam al-Qur'an, vol. 9, pag. 6161.

[3] Ivi, pag. 6162.

[4] Naser Makarem Shirazi, Tafsir-e Nemune, vol. 22, pag. 198-203, Dar al-kutub al-islamiyyah, prima stampa, Teheran, 1995.

[5] “Presso Allah, il più nobile di voi è colui che più Lo teme. In verità Allah è sapiente, ben informato”. Sacro Corano, 49:13.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    24546 Diritto e Precetti
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    23176 Teologia antica
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    21807 Etica pratica
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    18891 Teologia antica
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    15326 Diritto e Precetti
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    15212 Etica
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    14277 Esegesi
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    14034 Diritto e Precetti
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    13344 Teologia antica
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    12782 Filosofia del diritto e dei precetti
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...