Ricerca Avanzata
Visite
3062
Data aggiornamento: 2011/06/08
Domanda concisa
Nell’Islam è stato considerato il benessere? Qual è il limite all’utilizzo dei beni?
Domanda
Nel libro Hilyat al-Muttaqin, nella sezione “Il buon costume concernente l’abbigliamento”, sono stati riportati hadìth riguardanti l’indossare abiti eleganti, halal, ecc. Tale stile di vita, non è in contraddizione con la condotta degli Infallibili (A) e il vivere semplicemente? Nell’Islam qual è il limite posto nell’utilizzo dei beni che l’agiatezza ci ha procurato?
Risposta concisa

Parte degli insegnamenti islamici rientra nei principi della religione che col passare del tempo non mutano in alcun modo e, tutti, in qualsiasi epoca, devono rispettarli, come per esempio l’unicità di Dio, la profezia del Profeta (S), la realtà della resurrezione, la giustizia divina, compiere ciò che è obbligatorio, aiutare i bisognosi e i propri familiari, e astenersi da ciò che Iddio ha vietato. Questi precetti nel corso del tempo non cambiano, esiste però una parte di regole islamiche non legate al nucleo della religione, e che dipendono dall’epoca in cui i musulmani vivono e quindi, col passare del tempo, il dovere della gente muta.

È ovvio che la condotta del Profeta (S), dell’imam Alì (A) e dei credenti della loro epoca, fosse differente dagli altri Imam (A), giacché diverse erano le condizioni di vita della gente.

Durante l’era proto-islamica, poiché i musulmani non avevano a disposizione beni mondani di cui usufruire a sufficienza, le loro Guide (A), oltre a vivere esse stesse al livello dello strato più basso della società, esortavano anche i musulmani a rispettare lo stato dei poveri e dei deboli.

Tuttavia nelle epoche successive, quando i musulmani progredirono economicamente e politicamente, la questione mutò. Gli Imam (A) vivevano secondo il livello medio della società, invitavano i propri seguaci a usufruire delle grazie di Dio e consideravano i credenti le persone più degne di utilizzare i beni della terra e dicevano che nessuno ha diritto di vietare a se stesso ciò che Iddio ha considerato halal.

Una condizione importante, che è stata evidenziata riguardo all’utilizzo dei beni, è che non siano calpestati i diritti di Dio e della gente.

Risposta dettagliata

Per ottenere una risposta, analizzeremo l’argomento in tre passi:

1.     Citazione dei versetti del Corano e alcuni hadìth riguardo al fatto che Iddio vuole che ogni qualvolta sia donato un bene a un servo, egli lo manifesti.

2.     La condotta degli Infallibili (A) in merito e la differenza del loro comportamento con i relativi motivi.

3.     Il limite d’utilizzo dei beni divini.

Di seguito analizziamo l’argomento con questo criterio e in modo sintetico:

1.     Iddio riferendosi al Profeta dice: “E proclama la grazia del tuo Signore![1]. L’imam Sadiq (A) interpretando questo versetto a uno dei suoi compagni, che gliene aveva chiesto il significato, disse: “[O Profeta] colui che donandoti la Sua religione, ti ha reso il migliore tra tutti, quindi parla di Lui e proclama le Sue grazie”[2].

In un altro hadìth dell’imam Alì (A) è riportato che uno dei suoi compagni, 'Ala ibn Zyad al-Harithi, disse: “O Principe dei Credenti! Denuncio a voi mio fratello 'Asim”. Quel nobile chiese: “Perché? Cosa è successo?”. Disse: “Ha indossato un abito di lana grezza e si è isolato dal mondo irritando sua moglie e i figli”. Quel Nobile (A) rimproverò 'Asim e gli disse: “O nemico di te stesso! Satana ti ha rubato l’intelletto? Non puoi risparmiare tua moglie e i tuoi figli? Pensi che Iddio ti abbia concesso delle cose pure e piacevoli ma non voglia che tu le utilizzi?”. In seguito recitò il versetto in questione. Tuttavia quando 'Asim chiese al Principe dei Credenti: “Allora perché voi non vi cibate di buone pietanze e non utilizzate vestiti adeguati?”. Quel Nobile (A) rispose: “Io non sono come voi. Iddio mi ha scelto come guida della gente e perciò è necessario che io adegui la mia vita, il mio cibo e i miei vestiti al livello più basso dei ceti sociali, di modo che da una parte tranquillizzi le pene dei poveri e dall’altra impedisca ai ricchi di eccedere”[3].

2.     Le regole imposte dalla sacra sharia all’essere umano, sono di due tipi: il primo è costituito dai principi fondamentali che col passare del tempo non vengono modificati in nessun modo e tutti gli esseri umani di tutte le epoche devono rispettarli, come per esempio l’unicità di Dio, la profezia del Profeta, la giustizia divina, la riprovevolezza dell’oppressione e l’astenersi da essa, e la positività del bene e dell’esortare ad esso.

Questo genere di precetti, allo stesso modo di come vigevano al tempo del Profeta (S), rimarranno fino alla fine del mondo. In un hadìth dell’imam Sadiq (A) è stato indicato questo concetto: “L’halal (ciò che è permesso) di Muhammad, fino al giorno della resurrezione, è halal, e anche l’haram (ciò che è proibito) di Muhammad, fino al giorno della resurrezione, è haram (non saranno modificati)”[4].

Il secondo tipo di regole non consiste di principi incontestabili, bensì sono legate a condizioni come quelle spazio-temporali e con il mutamento di queste condizioni anch’esse cambiano. Questa questione è stata chiesta anche al tempo degli Infallibili (A) e l’hadìth che citiamo di seguito ci aiuta a raggiungere il nostro obiettivo:

“Un giorno Sufyan Thuri andò presso l’imam Sadiq (A) e vide che egli indossava un vestito elegante e soffice. Con tono di rimprovero gli chiese perché indossasse un simile abito, dal momento che i suoi padri non avevano vissuto in questo modo. Il nobile Sadiq (A) rispose: «L’Inviato di Dio (S) ha vissuto in un’epoca durante la quale dalla terra non si otteneva un gran raccolto, né erano diffusi cibi prelibati. In quest’epoca però le circostanze sono cambiate e le persone più degne di usufruire delle grazie di Dio, sono coloro che fanno del bene, non i corrotti; i credenti, non gli ipocriti; i musulmani, non i miscredenti! O Thuri, qual è la tua obiezione? Giuro su Dio, io in questo stato in cui mi vedi, da quando sono venuto a conoscenza del bene e del male di questo mondo, non ho trascorso giorno e notte che ci fosse un bene tra i mie beni, e Dio avesse ordinato di utilizzarlo in un determinato modo e io non l’abbia fatto»”[5].

Il martire Motahhari a tale proposito disse: “In merito a questa differenza esteriore nella condotta, attraverso ciò che hanno detto gli Infallibili (A), diventa chiaro per noi che dal punto di vista islamico nella vita quotidiana certe cose sono considerate principi stabili ed immutabili, e altre no”.

Un principio stabile e immutabile è che un individuo musulmano non deve considerare separatamente la propria vita da quella pubblica, piuttosto adeguarla ad essa. Non ha senso che, mentre la maggior parte della gente vive in modo penoso, un gruppo di persone, sfruttando il versetto “Di': «Chi ha proibito gli ornamenti che Allah ha prodotto per i Suoi servi e i cibi eccellenti?»”[6], ecceda nei beni lussuosi sebbene ottenuti in modo lecito.

Lo stesso imam Sadiq (A), che in base alle circostanze dell’epoca aveva migliorato il tenore di vita della propria famiglia, quando il prezzo degli alimenti aumentò e vi fu un periodo di crisi, chiese al proprio servo: “Quante provviste e grano abbiamo immagazzinato?”. Rispose: “Tanto, ci basterà per alcuni mesi”. L’Imam (A) disse: “Porta tutto al bazar e vendilo alla gente”. Replicò: “Se lo vendo non riuscirò più a procurare del grano”. Affermò: “Non è necessario, d’ora in poi lo procurerai giorno dopo giorno come il resto della gente”. Inoltre ordinò al servo che da quel momento in poi avrebbe dovuto utilizzare del pane composto di metà orzo e metà frumento, cioè lo stesso pane che utilizzava la maggior parte della gente. A quel punto disse: “In questo momento difficile, io ho la possibilità di dare del pane di frumento ai miei figli, ma voglio che Iddio veda che sono vicino alla gente”[7].

3.     Tutte le questioni riportate in precedenza riguardano le persone che hanno fede e sanno come utilizzare i propri beni. In un hadìth l’imam Reza (A) disse: “Il credente è sempre esposto alla grazia, se fanno a pezzi il suo corpo con una forbice per lui sarà un bene, e se ottiene il governo dell’Oriente e dell’Occidente per lui sarà ancora un bene”[8].

Infine riportiamo alcuni esempi di persone che non hanno utilizzato correttamente i beni di Dio e sono stati rimproverati.

È stato tramandato dall’imam Sadiq (A) che disse: “Un povero si presentò dall’Inviato di Dio (S) dove era presente anche un uomo ricco. Appena il povero gli si sedette accanto, egli raccolse immediatamente i propri vestiti e si sedette un po’ più lontano da lui. L’inviato di Dio (S) chiese: “Cosa ti ha spinto ad allontanarti da lui? Hai temuto di ricevere un po’ della sua povertà? O che un po’ della tua ricchezza passasse a lui?”. Il ricco disse: “Adesso che hai detto ciò, per rimediare al mio gesto, gli darò metà della mia ricchezza!”. Il Profeta (S) chiese al povero se avrebbe accettato. Il povero rispose: “O Inviato di Dio, no!”. Quel Nobile (S) chiese: “Perché non accetti?”. Rispose: “Temo di prendere la stessa malattia che aveva preso lui”[9].

Quindi l’utilizzo dei beni divini, se non allontana l’essere umano dal ricordo di Dio e non lo rende egocentrico, non è un problema, piuttosto è anche motivo di crescita e perfezionamento dell’individuo che ha fede.



[1] Sacro Corano, 93:11.

[2] Muhammad ibn Yaqub Kulayni, Usul al-Kafi, vol. 2, pag. 94, hadìth 5, Dar al-kutub al-islamiyyah, Teheran, 1986.

[3] Ivi, vol. 1 , pag. 411, hadìth 3.

[4] Ivi, vol. 1 , pag. 58, hadìth 19.

[5] Abu Muhammad Hasan ibn Shu'bah, Tuhaf al-'Uqul, vol. 1, pag. 348, Entesharat-e jame'e-ye modaressin, Qom, 1404 AH.

[6] Sacro Corano, 7:32.

[7] Majmu'e-ye Athar-e Ostad Motahhari, vol. 18, pag. 44.

[8] Fiqh al-Ridha, vol. 1, pag. 360, Kongre-ye emam Reza, Mashhad, 1406 AH.

[9] Usul al-Kafi, vol. 2, pag. 262, hadìth 11.

Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

  • Dopo aver eseguito un ghusl meritorio, è necessario effettuare il wudhu per pregare?
    2924 Diritto e Precetti
    Considerando la diversità d’opinioni tra i giurisperiti, per prima cosa citeremo i loro responsi e in fine valuteremo il risultato.I grandi ayatollah Khomeini, Bahjat, Khamenei e Safi: “Colui che esegue il ghusl obbligatorio dopo essere stato junub, non deve fare il wudhu per pregare, però ...
  • Esistono impedimenti a lavorare in un luogo dove si servono alcolici?
    5466 Varie
    Poiché lei vuole il responso giuridico alla domanda posta, abbiamo ritenuto necessario inviare il quesito agli uffici dei marja' che hanno risposto nel seguente modo: Ufficio dell’ayatollah Sistani: Nel caso che lei non lavori nella sezione adibita agli alcolici o altre cose vietate ...
  • Spiegate i limiti dell\'amicizia e del rapporto tra due uomini.
    3147 فضایل اخلاقی
    Nell'Islam l'amicizia e la fratellanza rivestono un'importanza particolare. Per questo motivo possiamo constatare che per l'amicizia sono state illustrate delle condizioni, come l'avere un buon carattere, essere sinceri, la fede, ecc., che vanno rispettate. Gli esseri umani sono stati creati in due sessi. Iddio, in base a ...
  • Spiegate il significato di fana' (annichilimento) e dello stato di fana'.
    5610 Gnosi teorica
    Il significato letterale di fana' è annichilimento e nulla, il contrario di baqa', permanenza; per esempio Dio fa parte della categoria di ciò che è e permane e gli altri esseri della categoria di ciò che non è e che si annichilisce.Il significato ...
  • Come rafforzare l’amore e l’affetto verso il proprio coniuge?
    3115 Etica pratica
    Nei nostri insegnamenti islamici sono stati citati vari criteri e condizioni per scegliere il proprio coniuge; rispettandoli viene garantito il benessere della famiglia e della società. Alcuni di questi criteri sono: fede sincera, buon comportamento, di famiglia dignitosa, stabilità mentale, brio e bellezza, età e istruzione compatibili, ...
  • È un problema parlare con una ragazza che non abbiamo mai incontrato?
    5262 Relazioni a distanza
    Dal punto di vista della sacra religione islamica ogni tipo di rapporto prima del matrimonio tra una ragazza e un ragazzo, diretto o indiretto, se fatto con l’intenzione di provare piacere (sessuale) o c’è il timore di commettere peccato a causa di questo rapporto, non è permesso.
  • Che cos’è la religione?
    3367 Filosofia della religione
    Gli occidentali hanno espresso diversi pareri e argomenti riguardo alla definizione di religione. Nelle esplicazioni coraniche il termine “religione” è stato utilizzato in due casi:Ogni tipo di credenza verso una forza occulta, veritiera o non: “A voi la vostra religione e ...
  • Qual è stata l’influenza dell’Islam sul progresso della civiltà umana?
    6089 دین
    La civiltà in ogni nazione è simbolo della sua elevazione e del suo progresso. La precedente formazione di civiltà nei paesi islamici significa che essi erano in grado di produrre scienza, ricchezza e potere; in caso contrario non si sarebbe formata una civiltà. Civiltà significa ...
  • Quali sono i segni della manifestazione del Mahdi (aj)?
    6123 Teologia moderna
    La discussione riguardante i segni della manifestazione dell’imam Mahdi (aj) è piuttosto complicata ed è necessario analizzare in modo approfondito tutti gli hadìth concernenti la mahdawiyyah[1], però, in modo riassuntivo, secondo gli hadìth i segni si suddividono, da ...
  • Chi era Ubayy ibn Ka\'b?
    3412 تاريخ بزرگان
    Ubayy ibn Ka'b era uno dei compagni più noti del Profeta dell’Islam (S) ed è rispettato da tutti i musulmani, sia sciiti che sunniti. Nelle fonti sciite vi sono pochi hadìth narrati da lui, e gli esperti di rijal lo considerano uno dei compagni dell'Inviato di Dio ...

Le più visitate

  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    24453 Diritto e Precetti
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    23123 Teologia antica
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    21376 Etica pratica
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    18603 Teologia antica
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    14951 Diritto e Precetti
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    14896 Etica
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    14220 Esegesi
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    13802 Diritto e Precetti
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    13238 Teologia antica
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    12735 Filosofia del diritto e dei precetti
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...