Ricerca Avanzata
Visite
4403
Data aggiornamento: 2011/09/18
Domanda concisa
Perché alcuni eventi che ci accadono nella vita, pensiamo di averli già visti in precedenza?
Domanda
Perché alcuni eventi che ci accadono nella vita, sembra di averli già visti pari in precedenza. Prima di venire al mondo ci è stata forse mostrata la vita che faremo o esiste un altro motivo?
Risposta concisa

Benché alcuni psicologi escludano che questo fenomeno e altri simili abbiano un legame con l’immaterialità dell’anima, la verità è che queste cose mostrano la consapevolezza extratemporale dell’essere umano in merito ad alcuni eventi che accadono in ambito spaziotemporale. In alcuni casi però non si può distinguere la realtà dall’immaginazione; inoltre non si può giudicare tutti i casi con precisione scientifica.

Risposta dettagliata

Oggi la maggior parte degli psicologi considera questo stato e molte questioni legate ai sogni, un evento normale e dovuto al processo naturale del cervello e della memoria; negano assolutamente ogni tipo di legame da parte di questo fenomeno con l’immaterialità dell’anima e le questioni soprannaturali. È tuttavia possibile che in alcuni casi abbiano ragione, perché in pratica non è possibile stabilire un confine tra le realtà dell’anima e le immaginazioni mentali. Nonostante ciò, altri hanno connesso questo fenomeno alle questioni riguardanti i sogni e sono convinti che questo fenomeno sia un ricordo dei sogni che vediamo e che normalmente, per buona parte, non ricordiamo. Dalle zone attive del cervello durante i sogni, si può capire che in quei momenti è usata la memoria a lungo termine (MLT). Si pensa che i sogni, evitando la memoria a breve termine (MBT), siano registrati direttamente nella MLT. Quindi questo fenomeno può essere il ricordo di un sogno dimenticato che presenta degli elementi comuni con ciò che accade nella realtà.

A tale proposito bisogna dire che dal punto di vista delle religioni la questione del “sogno veritiero” esiste veramente, e anche l’esperienza umana al riguardo è notevole; tutto ciò non lascia dubbi in merito alla realtà del “sogno veritiero”.

Nonostante molti sogni siano un’immaginazione della persona (sogni falsi), alcuni sono tuttavia il risultato del distanziamento dell’anima dal predominio temporale. Quindi i sogni visti in questo stato, si avverano di norma nella realtà. Alcuni di questi sogni rimangono nella memoria dell’uomo, altri vengono dimenticati completamente e altri ancora vengono ricordati quando si ripetono nella realtà. Infatti a volte una persona sa chiaramente di aver visto una scena in sogno, ma a volte non conosce il motivo di questa familiarità.

Alcuni considerano questa questione e quelle simili una testimonianza del mondo zar, dove l’essere umano in quello stadio fu testimone della propria creazione[1]. Sebbene nella spiegazione di questa questione c’imbattiamo in molte complicazioni, questa teoria non può essere considerata del tutto sbagliata. In particolar modo questo tema può essere affrontato in merito a ciò che sembra familiare e al rapporto affettivo tra i credenti, ecc.

In conclusione è importante evidenziare che il mondo definito zar, è superiore al mondo dell’immaginazione. Il mondo dell’immaginazione è un livello esistenziale in cui hanno luogo i sogni. Quindi non ci sono contraddizioni se le questioni extratemporali e occulte, in principio possono essere viste in un mondo superiore, poi nel mondo dell’immaginazione (sogno) e infine avvengono nel mondo reale con la volontà della persona. Possiamo pertanto considerare questi fenomeni, in un livello superiore, il risultato di osservazioni involontarie da parte dell’anima nel mondo zar, e in un livello inferiore, le percezioni nei sogni; infatti il sogno veritiero rappresenta realtà discese dai mondi superiori che si manifestano in modo immaginale.

Per approfondire leggere la domanda “Il mondo zar”.



[1] Sacro Corano, 7:172:

"وَ إِذْ أَخَذَ رَبُّکَ مِنْ بَنی‏ آدَمَ مِنْ ظُهُورِهِمْ ذُرِّیَّتَهُمْ وَ أَشْهَدَهُمْ عَلى‏ أَنْفُسِهِمْ أَ لَسْتُ بِرَبِّکُمْ قالُوا بَلى‏ شَهِدْنا أَنْ تَقُولُوا یَوْمَ الْقِیامَةِ إِنَّا کُنَّا عَنْ هذا غافِلینَ".

E quando il Signore trasse, dai lombi dei figli di Adamo, tutti i loro discendenti e li fece testimoniare contro loro stessi[disse]: «Non sono il vostro Signore?» Risposero: «Sì, lo attestiamo», [Lo facemmo] perché nel Giorno della Resurrezione non diciate: «Veramente eravamo incoscienti»”.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    26561 Etica pratica
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    25620 Diritto e Precetti
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    23909 Teologia antica
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    23034 Diritto e Precetti
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    22314 Teologia antica
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    20492 Etica
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    16282 Diritto e Precetti
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    15358 Esegesi
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    15005 Teologia antica
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Vi sono versetti del Corano o du'a per aver successo e aumentare il rendimento nello studio?
    13584 Etica pratica
    Lo studio consiste nell’osservare una cosa con precisione e attenzione per capire e ottenere informazioni. Perciò ogni lettura priva di queste caratteristiche non è considerata “studiare”. È ovvio che lo studio, come ogni altra azione, richiede il rispetto di certe condizioni tramite cui ottenere un rendimento utile ...