Visite
5498
Data aggiornamento: 2011/07/18
Domanda concisa
Per favore citate una du'a al fine di trovare un coniuge adatto e con taqwa (timore reverenziale).
Domanda
Per favore citate una du'a al fine di trovare un coniuge adatto e con taqwa (timore reverenziale nei confronti di Dio).
Risposta concisa

Iddio l’Altissimo ha stabilito delle cause per ogni cosa e, per raggiungere il Suo obiettivo, bisogna agire attraverso le sue cause. Una ricerca accurata è la via per trovare un coniuge adatto. Naturalmente lungo questa via bisogna chiedere anche aiuto a Dio, affinché ci guidi nel riconoscerlo correttamente e i nostri sforzi abbiano un esito positivo.

Tutte le du'a che ci sono pervenute dagli hadìth e dagli Imam (A), devono essere accompagnate dal nostro sforzo e da una ricerca accurata per la scelta del coniuge. Una delle du'a che è stata tramandata dagli Imam (A) al riguardo, è quella del nobile Alì (A); egli disse: “Chiunque di voi voglia sposarsi, innanzitutto esegua una preghiera di due raka'h e ad ogni raka'h reciti le sure Fatihah (1) e la Ya-Sin (36). Quando la preghiera sarà terminata, dopo aver lodato il Signore, pronunci la seguente du'a (la versione araba è riportata nella risposta dettagliata):

«O Signore, donami una sposa benevola, prolifica, grata e premurosa, che se le faccio del bene; sia grata; se le procuro del male, mi perdoni; se ricordo Iddio, mi aiuti; se mi dimentico di Dio, me Lo ricordi; se mi allontano da lei, protegga i miei segreti, beni e dignità; se vado da lei mi renda felice; se le ordino di fare qualcosa, mi obbedisca; se la scongiuro (di compiere una cosa), compia ciò che le ho chiesto affinché il mio giuramento non sia vano, e se mi incollerisco, mi riconcili. O Signore, Detentore di magnificenza e onore, donami una simile sposa! Certamente io l’ho richiesta a Te, e a me non giunge niente se non ciò che Tu ci dai con favore e doni».

Risposta dettagliata

Iddio l’Altissimo ha regolato tutte le cose di questo mondo secondo un ordine e una filosofia particolari, e per ogni fenomeno e realtà ha stabilito delle cause: l’unico modo per raggiungere un obiettivo sono le sue cause.

La questione della scelta del coniuge, e più generalmente il matrimonio, secondo Iddio l’Altissimo è un tema molto importante e per questo motivo nel sacro Corano[1] e negli hadìth degli Infallibili (A), sono stati descritti gli attributi di un/una consorte adatto. Oltre ciò, un individuo che vuole scegliere un coniuge, deve cercare di preferire un compagno simile per istruzione, cultura, status sociale, condizioni economiche, ecc.

La via per trovare un coniuge adatto e con taqwa (timore reverenziale nei confronti di Dio):

1.     Conoscere i criteri del taqwa.

2.     Cercare la presenza di questi criteri nella persona in questione. Questa ricerca può avvenire in vari modi, come parlare con l’individuo stesso, informarsi sulla sua famiglia, i suoi amici intimi, i colleghi di lavoro, i vicini e i familiari. Naturalmente in questo passo bisogna chiedere aiuto anche a Dio l’Altissimo attraverso la du'a, affinché Dio ci assista nel scegliere correttamente. Pertanto prima di tutto bisogna muoversi e poi chiedere a Dio che questo gesto avvenga nella direzione corretta e giunga al giusto fine. In tutti i casi e attività, è questo il significato della du'a e della richiesta d’aiuto a Dio. L’Islam non permette assolutamente che un individuo in cerca di un coniuge, chieda un consorte devoto ed adeguato a Dio con la du'a, senza compiere alcuno sforzo, ricerca e domanda. Una simile du'a non sarà mai esaudita, poiché la du'a viene esaudita quando ci si sforza di ottenere le cause che ci permettono di raggiungere un obiettivo e allo stesso tempo si chiede aiuto a Iddio l’Altissimo per portare a buon fine i nostri sforzi.

Tutte le du'a che ci sono pervenute dagli hadìth e dagli Imam (A), devono essere accompagnate dal nostro sforzo e da una ricerca accurata per la scelta del coniuge. Una delle du'a che è stata tramandata dagli Imam (A) al riguardo, è quella del nobile Alì (A); egli disse: “Chiunque di voi voglia sposarsi, innanzitutto esegua una preghiera di due raka'h e ad ogni raka'h reciti le sure Fatihah (1) e la Ya-Sin (36). Quando la preghiera sarà terminata, dopo aver lodato il Signore, pronunci la seguente du'a:

"اللَّهُمَّ ارْزُقْنِی زَوْجَةً وَدُوداً وَلُوداً شَکُوراً غَیُوراً إِنْ أَحْسَنْتُ شَکَرَتْ وَ إِنْ أَسَأْتُ غَفَرَتْ وَ إِنْ ذَکَرْتُ اللَّهَ تَعَالَى أَعَانَتْ وَ إِنْ نَسِیتُ ذَکَّرَتْ وَ إِنْ خَرَجْتُ مِنْ عِنْدِهَا حَفِظَتْ وَ إِنْ دَخَلْتُ عَلَیْهَا سُرَّتْ وَ إِنْ أَمَرْتُهَا أَطَاعَتْنِی وَ إِنْ أَقْسَمْتُ عَلَیْهَا أَبَرَّتْ قَسَمِی وَ إِنْ غَضِبْتُ عَلَیْهَا أَرْضَتْنِی یَا ذَا الْجَلَالِ وَ الْإِکْرَامِ هَبْ لِی ذَلِکَ فَإِنَّمَا أَسْأَلُکَه و لا آخِذ اِلاّ ما مَنَنْتَ و اَعْطَیْتَ"

Allahumma-rzuqni zawjatan wadudan waludan shakuran ghayuran in ahsantu shakarat wa in asa'tu ghafarat wa in zakartu-llaha ta'ala a'anat wa in nasitu zakkarat wa in kharajtu min indiha hafizat wa in dakhaltu 'alayha surrat wa in amartuha ata'atni wa in aqsamtu 'alayha abarrat qasami wa in ghadhibtu 'alayha ardhatni ya zal-jalali wal-ikram hab ly zalika fa-innama as'alukahu wa la akhiz illa ma mananta wa a'tait.

Il nobile Alì (A) in seguito disse: “Colui che compie questa preghiera e du'a, Iddio gli donerà ciò che voleva[2].

Traduzione della du'a:

«O Signore, donami una sposa benevola, prolifica, grata e premurosa, che se le faccio del bene; sia grata; se le procuro del male, mi perdoni; se ricordo Iddio, mi aiuti; se mi dimentico di Dio, me Lo ricordi; se mi allontano da lei, protegga i miei segreti, beni e dignità; se vado da lei mi renda felice; se le ordino di fare qualcosa, mi obbedisca; se la scongiuro (di compiere una cosa), compia ciò che le ho chiesto affinché il mio giuramento non sia vano, e se mi incollerisco, mi riconcili. O Signore, Detentore di magnificenza e onore, donami una simile coniuge! Certamente io l’ho richiesta a Te, e a me non giunge niente se non ciò che Tu ci dai con favore e doni».

 



[1] Sacro Corano, 24:26 e 66:5.

[2] Ja'fariat, pag. 110 (riportato dal software “Jami' al-Ahadith”). Questa du'a è stata citata dal libro Bihar al-Anwar, vol. 100, pag. 269 con alcune modifiche:

"اللَّهُمَّ ارْزُقْنِی زَوْجَةً صَالِحَةً وَدُوداً وَلُوداً شَکُوراً قَنُوعاً غَیُوراً إِنْ أَحْسَنْتُ شَکَرَتْ وَ إِنْ أَسَأْتُ غَفَرَتْ وَ إِنْ ذَکَرْتُ اللَّهَ تَعَالَى أَعَانَتْ وَ إِنْ نَسِیتُ ذَکَّرَتْ وَ إِنْ خَرَجْتُ مِنْ عِنْدِهَا حَفِظَتْ وَ إِنْ دَخَلْتُ عَلَیْهَا سُرَّتْ وَ إِنْ أَمَرْتُهَا أَطَاعَتْنِی وَ إِنْ أَقْسَمْتُ عَلَیْهَا أَبَرَّتْ قَسَمِی وَ إِنْ غَضِبْتُ عَلَیْهَا أَرْضَتْنِی یَا ذَا الْجَلَالِ وَ الْإِکْرَامِ هَبْ لِی ذَلِکَ فَإِنَّمَا أَسْأَلُکَ وَ لَا أَجِدُ إِلَّا مَا قَسَمْتَ لِی‏."

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    22225 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    20792 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    17519 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    15583 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    13348 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    11963 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    11828 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    11659 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    11296 Diritto e Precetti 2012/06/09
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    10940 Etica 2011/12/21
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta