Ricerca Avanzata
Visite
5533
Data aggiornamento: 2011/10/13
Domanda concisa
È necessario un maestro sulla via della purificazione e dell’edificazione del sé?
Domanda
Quanto è necessario avere un maestro sulla via della purificazione e dell’edificazione del sé?
Risposta concisa

Ovviamente una via tanto complicata e importante ha bisogno di un maestro. Il primo maestro dell’essere umano è Iddio, poiché oltre a guidare l’essere umano verso questa questione tramite la sua indole innata, gli ha inviato pure dei profeti. In questo percorso, se l’essere umano gode della grazia di avere un maestro timorato, pio e libero, ne trarrà beneficio; se invece è privo di una tale grazia, non trascurerà questo sentiero né arresterà il proprio avanzamento su di esso, bensì agirà secondo le proprie conoscenze e Iddio gli donerà la conoscenza di ciò che ignora, e compiendo gli atti obbligatori e astenendosi dai peccati, ogni giorno sarà testimone di nuove conoscenze e di progressi su questa via.

Risposta dettagliata

Naturalmente quando scienze esteriori ed empiriche, come la cura del fisico, necessitano di un esperto, anche la cura dello spirito, che è più difficile e precisa, avrà di sicuro bisogno di un medico e di un maestro.

Questa è una via dove il Maestro più grande guida l’essere umano nel suo avanzamento. Il primo maestro per tutta la gente, e la loro guida, è Iddio. Nel sacro Corano è scritto: “Allah è il patrono di coloro che credono, li trae dalle tenebre verso la luce[1] e “Quanto a coloro che fanno uno sforzo per Noi, li guideremo sulle Nostre vie[2]. Quindi richiedendo aiuto e affidandosi a Lui, si può avanzare su questo percorso e se Dio ci dona una persona timorata, pia e libera, possiamo utilizzarla e trarre beneficio dai suoi insegnamenti; se invece non ci fosse tale grazia, questo percorso non viene abbandonato, bensì agendo secondo le nostre conoscenze, Iddio ci donerà la conoscenza di ciò che ignoriamo. In un hadìth è riportato che: “Chiunque metta in pratica le proprie conoscenze, Iddio gli donerà la conoscenza di ciò che gli è ignoto”[3].

All’ayatollah Bahjat fu posta la domanda: “Questo percorso necessita di un maestro?”. Egli replicò: “Il tuo maestro è la tua conoscenza, agisci secondo ciò che conosci, ciò che ti è ignoto ti diventerà chiaro”. Inoltre nel rispondere a una persona che chiedeva: - Voglio intraprendere la via della gnosi e della contemplazione, cosa devo fare? - Rispose: - Astenersi dal peccato per mille anni di vita è sufficiente.[4]

Il primo maestro dell’essere umano è pertanto Iddio, che ha inviato i profeti per guidare il creato; dopo di loro, come maestri, vi sono i puri Imam (A) e poi le persone pie, timorate e che hanno intrapreso questo percorso. Un individuo in assenza di un maestro specifico, può incominciare questa via chiedendo aiuto a Dio l’Altissimo, all’anima del Profeta (A) e dei puri Imam (A), e poi continuare considerando la propria conoscenza un maestro che lo guida al bene e lo allontana dal peccato; l’astensione dal peccato e l’esecuzione degli atti obbligatori determineranno il progresso lungo questo percorso.

Infine è doveroso farle notare che questa risposta è rivolta a un interlocutore di cultura media. Se desidera informazioni più specifiche, la invitiamo a contattarci nuovamente specificando il suo livello d’istruzione.



[1] Sacro Corano, 2:257:

"الله ولی الذین امنوا یخرجهم من الظلمات الی النور".

[2] Sacro Corano, 29:69:

"و الذین جاهدوا فینا لنهدینهم سبلنا".

[3] Al-Muhajjat al-Baidha’, vol. 6, pag. 24; Bihar al-Anwar, vol. 89, pag. 172; Al-Khara’ij, vol. 3, pag. 1058.

[4] Be suye Mahbub, dasturol’amalha va rahnama’iyhaye hazrat ayatollah Bahjat, pag. 58.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    62237 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    39012 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    36599 Etica 2011/12/21
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    33599 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    30236 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    26804 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    23387 Diritto e Precetti 2012/06/09
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è la norma che regola la depilazione femminile delle sopracciglia? E di fronte al marito?
    22672 Diritto e Precetti 2013/12/19
    L'atto di depilare le sopracciglia per le donne, di per sé, non presenta problemi. Nell'Islam è considerato meritorio truccarsi per il marito e una donna che trascuri il trucco e l'abbellirsi per il marito, è biasimata. Pertanto i giurisperiti sciiti, nonostante incitino le donne a rispettare tale ...
  • Vi sono versetti del Corano o du'a per aver successo e aumentare il rendimento nello studio?
    19846 Etica pratica 2011/08/20
    Lo studio consiste nell’osservare una cosa con precisione e attenzione per capire e ottenere informazioni. Perciò ogni lettura priva di queste caratteristiche non è considerata “studiare”. È ovvio che lo studio, come ogni altra azione, richiede il rispetto di certe condizioni tramite cui ottenere un rendimento utile ...
  • Perché l’uomo non può indossare l’oro?
    19650 Filosofia del diritto e dei precetti 2011/05/08
    Questa domanda non ha una risposta concisa; selezionate la risposta dettagliata. ...