Ricerca Avanzata
Visite
2870
Data aggiornamento: 2011/05/22
Domanda concisa
Se la religione è stata rivelata per far prosperare la vita terrena e ultraterrena dell’essere umano, perché la vita terrena di alcune civiltà laiche è più prospera?
Domanda
Voi dite che la religione è stata rivelata per far prosperare la vita terrena e ultraterrena dell’essere umano; in realtà però vediamo che alcune civiltà laiche hanno una vita terrena più prospera; com’è possibile?
Risposta concisa

L’Islam è stato rivelato per regolare i rapporti tra gli esseri umani. La città di Medina al tempo del Profeta (S), fu l’esempio di una società disciplinata, dove tutti i rapporti tra gli individui si formarono secondo la legge. Come disse shahid Sadr (ra), l’Islam, per rendere effettivo questo concetto, ha stabilito due tipi di garanzie. Delle garanzie esteriori, ossia un’istituzione che sorvegli l’applicazione delle leggi, e delle garanzie interne, cioè le motivazioni e i valori che intimamente spingono l’essere umano a rispettare la legge. Purtroppo le civiltà islamiche si sono allontanate da questa verità della religione e dei suoi concetti, e la società religiosa non è riconosciuta come una civiltà basata sulla legge, mentre in Occidente, al contrario, un evento particolare ha fatto sì che si formasse una simile civiltà.

Risposta dettagliata

Riguardo a ciò, bisogna prestare attenzione a un punto molto importante, ovvero il fatto che l’Islam è stato rivelato per regolare i rapporti tra la gente. La città di Medina al tempo del Profeta (S), fu l’esempio di una società disciplinata, dove tutti i rapporti tra gli individui si formarono secondo la legge. Come disse shahid Sadr (ra), l’Islam, per rendere effettivo questo concetto, ha definito due tipi di garanzie. Delle garanzie esteriori, vale a dire un ordine e un’istituzione che sorveglino l’applicazione delle leggi, e delle garanzie interne, cioè le motivazioni e i valori che intimamente spingono l’essere umano a rispettare la legge. Purtroppo le civiltà islamiche, per motivi che non possono essere elencati in questa sede, si sono allontanate da questa verità della religione e dei suoi concetti, e la società religiosa non è riconosciuta come una civiltà basata sulla legge, mentre in Occidente, al contrario, un evento particolare è stato molto influente. Durante il Rinascimento (prima di questo vi furono le Crociate e per anni i musulmani e i cristiani furono impegnati in guerre sanguinose), gli occidentali che conobbero la cultura islamica, si resero conto del progresso della civiltà islamica e si chiesero quale ne fosse la causa. In Occidente si diffuse pertanto il pensiero della civilizzazione e degli argomenti pertinenti. Ciò che è in discussione, è il risultato ottenuto in Occidente dalla fine del Rinascimento fino ad oggi, ossia la regolamentazione della società. Certamente le civiltà laiche utilizzano solamente le garanzie esteriori, cioè voi vedete solo l’esteriorità. In una società laica occidentale è un dato di fatto che la gente rispetta la legge. Il motivo di ciò è che i tutori della legge, sono molto severi nell’applicare le regole. Per questo motivo se si trova un posto, dove questa severità scompare, vedrete che a un tratto anche la legge viene meno. Tra le civiltà islamiche è noto che gli occidentali rispettano molto il codice stradale, al contrario dei paesi islamici. È vero. Il motivo è che in Occidente si è molto severi nell’applicare il codice stradale al punto che si è trasformato in una sorveglianza pubblica. Per esempio in certi paesi non esistono né le telecamere né la polizia, ciononostante la gente rispetta la legge. Quando s'indaga sul motivo, viene spiegato che se un individuo passa con il semaforo rosso e commette un’infrazione, la gente che si trova nei paraggi: negozianti, pedoni, ecc., telefona alla Polizia e riferisce la targa dell’auto in questione e l’infrazione compiuta. In questo modo l’autista riceverà una multa salatissima. Infatti in questi paesi la legge dice che se una persona afferma una cosa, è la verità, salvo dimostrare il contrario. Se qualcuno telefona dicendo che un’auto è passata con il semaforo rosso, la multa viene notificata, tranne se l’autista può dimostrare il contrario, che di solito è impossibile. Inoltre dopo un certo periodo, la multa raddoppia. In un tale ambiente la gente sente che deve rispettare la legge, però tutto ciò è causato solo in minima parte dalla garanzia interna; poiché i loro conti sono mondani. Infatti se un giorno, ad esempio durante una tempesta di neve, in Europa ci si imbattesse in una coda di traffico, vedreste che tutti rispettano il codice della strada, fermandosi ai semafori rossi e mantenendosi nella propria corsia. Trascorso un po’ di tempo tuttavia, la gente inizierebbe a guardare l’orologio poiché sta ritardando al lavoro, quindi quegli stessi individui incomincerebbero tutto d’un tratto a commettere infrazioni, perché? Poiché calcolano che commettendo un’infrazione verrebbero multati di cinquanta euro, mentre se arrivassero tardi al lavoro ne perderebbero cento. Calcolano che gli conviene commettere un’infrazione e arrivare al lavoro in orario: in realtà tutto è basato sul profitto terreno. Ciò che l’Islam voleva fare e che purtroppo non è stato portato a termine nelle civiltà islamiche, era la formazione di una civiltà disciplinata, dove la gente rispettasse la legge, non solo per timore della Polizia e della Giustizia, ma perché più in alto di questi organi c’è Iddio che vigila. È secondo questa sorveglianza divina che vengono regolate le azioni di tutti. Se ciò fosse accaduto, avremmo visto un nuovo rinascimento dell’Islam. Allo stesso modo di come all’epoca del Profeta (S), in una società molto regredita, in dieci anni, attraverso i suoi stessi insegnamenti, egli riuscì a trasformare totalmente la città di Medina: quali condizioni, individui e ambienti straordinari si formarono!

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    22548 Teologia antica
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    22476 Diritto e Precetti
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    18401 Etica pratica
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    16552 Teologia antica
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    13661 Esegesi
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    12722 Diritto e Precetti
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    12405 Teologia antica
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    12252 Diritto e Precetti
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    12132 Filosofia del diritto e dei precetti
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    11840 Etica
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta