Ricerca Avanzata
Visite
3660
Data aggiornamento: 2011/07/10
Domanda concisa
Fin ora chi ha resistito nella lotta contro Satana e qual è il metodo per lottare?
Domanda
Satana e i suoi soldati jinn molte volte attaccano l’essere umano che ha fede in Dio, affinché egli diventi miscredente e associ altri a Lui. Fino ad ora chi è riuscito a resistere nella lotta contro di loro e qual è il metodo per combatterli? Grazie
Risposta concisa

Secondo il Corano, Satana può dominare tutti, eccetto i servi mukhlas di Dio. I mukhlasin sono coloro che hanno raggiunto un livello nel quale Satana non trova più spazio per insinuarsi in loro. Per lottare con Satana sono necessari degli strumenti attraverso i quali è possibile insorgere contro di lui e avere la meglio. Ne citiamo alcuni come esempio:

1.     Fede - Il Corano considera la fede il fattore determinante per ostacolare l’egemonia di Satana.

2.     Affidarsi a Dio - Un altro dei fattori che permettono di sconfiggere Satana e i suoi soldati è fare affidamento su Dio.

3.     Cercare rifugio - Chiedere rifugio a Dio.

4.     Il ricordo di Dio - Il ricordo di Dio dona perspicacia, allontana dalle tentazioni e chiude le vie d’accesso a Satana.

5.     Taqwa o timore reverenziale - L’ottenimento del taqwa in qualità di virtù stabile e il suo rafforzamento, consentono all’anima di riconoscere le tentazioni di Satana e di difendersi dalle sue insidie.

Risposta dettagliata

Secondo il Corano Satana può dominare chiunque, salvo i servi mukhlas. Satana ha giurato che devierà tutti i servi tranne i mukhlasin.

"قَالَ فَبِعِزَّتِکَ لَأُغْوِیَنَّهُمْ أَجْمَعِینَ ‏‏ إِلاَّ عِبَادَکَ مِنْهُمُ الْمُخْلَصِینَ"

Disse: «Per la Tua potenza, tutti li travierò, eccetto quelli, fra loro, che sono Tuoi speciali (mukhlas)».[1]

Iddio invece, in un altro punto dice:

"إِنَّ عِبادی لَیْسَ لَکَ عَلَیْهِمْ سُلْطانٌ إِلاَّ مَنِ اتَّبَعَکَ مِنَ الْغاوینَ"

Non avrai alcun potere sui Miei servi, eccetto i perduti che ti obbediranno[2]

Secondo questi versetti il gruppo dei mukhlasin[3] è estraneo al dominio di Satana; questa è una realtà che Satana stesso confessa e Iddio manifesta dicendo:

"إِنَّ عِبادی لَیْسَ لَکَ عَلَیْهِمْ سُلْطانٌ"

Non avrai alcun potere sui Miei servi[4]

Le vie per resistere e lottare contro il Diavolo

I mukhlasin sono coloro che hanno raggiunto un livello tale, che Satana non ha modo d’insinuarsi in loro. Per resistere al Diavolo sono necessari degli strumenti grazie ai quali si può reagire al suo attacco e sconfiggerlo. In questa risposta per fare un esempio ne citeremo alcuni:

1.     Il sacro Corano considera la fede il primo fattore che ostacola la dominazione del Diavolo:

‏"إِنَّهُ لَیْسَ لَهُ سُلْطَانٌ عَلَى الَّذِینَ آمَنُواْ وََ..."

Egli non ha alcun potere su quelli che credono e …”[5].

2.     Un altro dei fattori che portano alla vittoria contro Satana e i suoi servi è affidarsi a Dio:

"إِنَّهُ لَیْسَ لَهُ سُلْطَانٌ عَلَى الَّذِینَ ... وَعَلَى رَبِّهِمْ یَتَوَکَّلُونَ"

Egli non ha alcun potere su quelli che … e confidano nel loro Signore[6].

La fede in Dio e nei Suoi segni impediscono pertanto la dominazione dei demoni sugli esseri umani. E su coloro che si sono rifugiati nella fede e si sono affidati a Dio, non avranno nessun tipo di dominio.

Quest’egemonia prevarrà solo su coloro che accettano la guida di Satana e associano altri a Dio:

"إِنَّمَا سُلْطَانُهُ عَلَى الَّذِینَ یَتَوَلَّوْنَهُ وَالَّذِینَ هُم بِهِ مُشْرِکُونَ"

Ma ha potere solo su chi lo prende per patrono, su quelli che per causa sua diventano associatori[7].

3.     Isti'azah - Tale termine significa richiesta di rifugio a Dio, rifugio che a volte è cosmologico e a volte shariatico.

Per eliminare i mali naturali dobbiamo utilizzare il rifugio cosmologico di Dio che consiste nell’insieme di regole e tradizioni divine che si sono stabilite sotto forma di cause naturali nell’ordine del Creato. Per rimanere immuni dai mali dell’animo, com’è riportato nella sura al-Nas (114), bisogna cercare il rifugio shariatico di Dio che consiste nell’insieme degli insegnamenti divini stabiliti come basi del credo e dei programmi educativi nella sacra sharia:

"وَ إِمَّا یَنْزَغَنَّکَ مِنَ الشَّیْطانِ نَزْغٌ فَاسْتَعِذْ بِاللَّهِ إِنَّهُ سَمیعٌ عَلیم‏"

E se ti coglie una tentazione di Satana, rifugiati in Allah. Egli è Colui che tutto ascolta e conosce![8].

Fondamentalmente il concetto di Unicità di Dio esige che l’essere umano chieda aiuto a Dio per ottenere benefici e bene, incominciando le proprie azioni con “Bismillah-ir-Rahman-ir-Rahim” . Inoltre chieda aiuto a Lui per evitare il male, incominciando le proprie azioni con “A'uzubillahi min ash-Shaytan-ir-rajim” (Mi rifugio in Dio da Satana il reietto); questo dal momento che secondo il concetto di Unicità di Dio nessuno esercita la propria influenza sul  mondo, se non Dio.

4.     Il ricordo di Dio - Il ricordo di Dio dona perspicacia all’essere umano e lo allontana dalle tentazioni e chiude le vie d’infiltrazione a Satana:

"... تَذَکَّرُوا فَإِذا هُمْ مُبْصِرُون"

Lo ricordano ed eccoli di nuovo lucidi[9].

L’imam Sadiq (A) disse: “Satana non ha il potere di tentare l’essere umano, se non quando questi ignora il ricordo di Dio”[10]. Il Principe dei Credenti, Alì (A), considera il ricordo di Dio un modo per allontanare Satana: “Il ricordo di Dio allontana Satana”[11].

5.     Taqwa o timore reverenziale - L’ottenimento del taqwa e il suo consolidamento, rendono l’animo consapevole di fronte alle tentazioni di Satana e difendono l’essere umano dalle sue insidie:

"إِنَّ الَّذینَ اتَّقَوْا إِذا مَسَّهُمْ طائِفٌ مِنَ الشَّیْطانِ تَذَکَّرُوا فَإِذا هُمْ مُبْصِرُون‏"

In verità coloro che temono [Allah], quando li coglie una tentazione di Satana, Lo ricordano ed eccoli di nuovo lucidi[12].

La parola ta'if significa colui che compie una circumambulazione. È come se le tentazioni allo stesso modo girassero continuamente intorno allo spirito e al pensiero umano per trovare una via per insinuarsi.

Satana non ha il potere d’influenzare un’anima che si è rafforzata con la fede e il timore reverenziale, egli è però sempre in attesa di un’occasione e risveglia alcuni degli istinti dell’animo come la concupiscenza, la collera, la gelosia e la vendetta, per infiltrarsi nel momento giusto e deviarlo.

Altre vie per resistere a Satana sono le seguenti: ricordare la Gente della Casa (A), fare del bene a coloro che amano l’Ahl al-Bayt(A), sforzarsi per diventare un individuo nel quale Satana non può insinuarsi, ecc.

Conclusione

La fede in Dio è un inibitore condizionante per allontanare l’essere umano dai mali e dai peccati. Anche prestare attenzione alla magnificenza e alla saggezza di Dio e rivolgersi alla Sua sacra Essenza possono rafforzare l’anima del servo nella resistenza e lotta al Diavolo. Inoltre il rafforzamento della fede, del confidare in Dio, del timore reverenziale, della persistenza del ricordo di Dio e il compimento di azioni che infastidiscono e allontanano Satana, e infine il richiedere veramente rifugio a Dio quando ci s’imbatte nel male e nella corruzione che proviene da Satana, sono passi influenti e utili per prevenire l’infiltrazione di Satana. Bisogna ricordare che tutto ciò non è possibile se non si fa ricorso alla Gente della Casa e non si gode dell’attenzione di questi Nobili (A).



[1] Sacro Corano, 38:82 e 83.

[2] Sacro Corano, 15:42.

[3] Mukhlas è chi ha liberato il proprio animo dalle catene e dagli inganni del mondo e ha eliminato tutto ciò che è all’infuori di Dio dal proprio cuore e lo ha colmato di amore divino.

[4] Sacro Corano, 15:42.

[5] Sacro Corano, 16:99.

[6] Ibidem.

[7] Ivi, 100.

[8] Sacro Corano, 7:200 e 41:36.

[9] Ivi, 7:201.

[10] Muhaddith Nuri, Mustadrakal-Wasa'il, vol. 1, pag. 178, Moassese-ye Al al-Bayt, Qom, 1408 AH; Mohammad Baqer Majlesi, Bihar al-Anwar, vol. 72, pag. 124, Moassese-ye al-Wafa', Beirut, 1404 AH.

[11] Abdul Wahid Amidi Tamimi, Ghurar al-Hikam wa Durar al-Kalim, pag. 188, Maktab al-A'lam al-Islami, Qom, 1987.

[12] Sacro Corano, 7:201.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    24564 Diritto e Precetti
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    23189 Teologia antica
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    21917 Etica pratica
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    18993 Teologia antica
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    15419 Diritto e Precetti
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    15277 Etica
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    14287 Esegesi
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    14083 Diritto e Precetti
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    13372 Teologia antica
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    12792 Filosofia del diritto e dei precetti
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...