Ricerca Avanzata
Visite
2963
Data aggiornamento: 2012/07/29
Domanda concisa
In passato copiavo le cassette e i CD appartenenti ad alcune aziende. Dal momento che non conosco le aziende in questione, come posso risarcire loro i danni?
Domanda
Salam alaykum, negli anni passati copiavo le cassette e i CD di alcune aziende, non sapendo che questo lavoro fosse religiosamente proibito. La mia domanda è: “Dato che non conosco le aziende in questione, come posso risarcire loro i danni e liberarmi da ogni debito nei loro confronti?”
Risposta concisa

In merito al copyright e ai diritti spirituali, le opinioni dei marja' taqlid sono differenti:

Gli ayatollah Khomeini, Tabrizi, Sistani e Safi sostengono che: “Fondamentalmente la creazione di software non stabilisce alcun diritto per il produttore e la loro duplicazione senza il permesso dei produttori è consentita”.

Gli ayatollah Khamenei, Bahjat e Vahid: “Per precauzione obbligatoria i produttori ne possiedono i diritti e la loro duplicazione senza permesso,  per precauzione obbligatoria, non è consentita.

Gli ayatollah Fazel, Makarem e Nuri Hamedani: “La produzione di software crea dei diritti e la loro duplicazione senza il consenso del produttore non è permessa”.

Tutti questi marja', nella questione citata, non distinguono i software che in precedenza sono già stati craccati da altre persone, dai software che un individuo intende violare per la prima volta.

Tuttavia se durante l’acquisto del software, il venditore (il produttore originale) mette come condizione il divieto di duplicazione o basa lo scambio su di esso, tutti i marja' considerano vietata la duplicazione e inoltre dichiarano che: “Se esiste una legge che vieta la duplicazione dei software, essa deve essere rispettata”.

Quindi se consideriamo vietata la duplicazione e che un individuo ha recato dei danni al proprietario dell’opera, bisogna dire che:

Nel caso di debiti o danni che una persona deve pagare o rimediare, ma il proprietario non è noto, oppure non raggiungibile, è necessario donare una parte dei propri beni a nome del creditore ai poveri, con il permesso del mujtahid competente (che possiede tutte le condizioni)[1].

In via generale ogni bene e diritto che una persona deve a persone terze che non conosce, vengono considerati casi majhul al-malik (proprietario sconosciuto) per cui bisogna sforzarsi di trovare i proprietari e una volta persa ogni speranza di riuscire a rintracciarli, per precauzione obbligatoria, bisogna donarli come elemosina ai poveri con il permesso dell’hakim religioso.

In ogni caso la vostra domanda è stata posta ai marja' taqlid e le loro risposte sono le seguenti:

Ayatollah Sistani e Khamenei:

“Se era per uso personale, non c’è problema e lei non ha alcuna responsabilità”.

Ayatollah Safi Golpayegani:

 “Se durante l’acquisto dei CD o delle cassette è stata posta la condizione di divieto di duplicazione, la trasgressione della condizione è haram, e quindi è necessario pentirsi del proprio peccato per risolvere la questione, e in caso contrario (nessuna condizione) non c’è problema”.

Ayatollah Mahdi Hadavi Tehrani:

“Le aziende che proibiscono l’utilizzo dei loro prodotti culturali senza il loro permesso (cioè le aziende musulmane oppure quelle di nazioni che hanno contratti per il rispetto reciproco dei diritti), se si conoscono in modo generico bisogna pagare i loro diritti.

Se ad esempio lei sa che è debitore verso le aziende A e B e conosce la quantità minima del proprio debito, deve pagarlo a queste aziende.

Se però queste aziende non sono a lei conosciute neanche approssimativamente, ma conosce la quantità  minima certa del proprio debito, deve pagare quella quantità ai poveri a nome di quelle aziende come rimedio”.

 


[1] Mohammad Fazel Movahhedi Lankarani, Resale-ye Tawdhih al-Masa'il, p. 542, Qom,  1426 AH.

 

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    24079 Diritto e Precetti
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    22882 Teologia antica
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    20399 Etica pratica
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    17888 Teologia antica
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    14025 Diritto e Precetti
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    13994 Esegesi
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    13781 Etica
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    13131 Diritto e Precetti
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    12905 Teologia antica
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    12497 Filosofia del diritto e dei precetti
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...