Ricerca Avanzata
Visite
3192
Data aggiornamento: 2010/07/18
Domanda concisa
Guardando il mondo attorno a noi ci rendiamo conto che la maggior parte della gente è inclinata al male e alla corruzione...
Domanda
Guardando il mondo attorno a noi ci rendiamo conto che la maggior parte della gente è inclinata al male e alla corruzione; però se la religione, il monoteismo e la predisposizione al bene appartengono alla natura umana e alla sua indole, perché la maggioranza tende al male? e oggi il mondo è ufficialmente secolarizzato? Dovremmo forse dire che la religione non appartiene all’indole umana, e tralasciando ciò, che la maggior parte della gente precipiterà nell’Inferno poiché agisce male ed è irreligiosa?
Risposta concisa

L’essere umano, secondo la sua indole, è alla ricerca di Dio e della verità, infatti, la maggior parte della gente risponde a quest’attrazione [divina]. Gli esseri umani per natura seguono la verità, però in alcuni casi sbagliano nel riconoscerla. In realtà sono alcuni fattori esterni e interni che deviano la gente nel riconoscere la verità e nell’inclinarsi a essa. Il demonio e l’anima maligna (nafs al-ammarah) da una parte e la pesante propaganda degli esseri umani al servizio del diavolo dall’altra, nascondono la verità alla loro vista. La secolarizzazione, non con il significato di laicità bensì con quello della separazione della religione dal campo politico-sociale, si è imposta in Occidente a causa del cattivo operato del cristianesimo alterato, dei suoi rappresentanti e dell’estesa propaganda; tuttavia è degno di nota che oggi gli occidentali mostrano un notevole interesse per la religione. Tramite quest’analisi diviene chiaro che la maggior parte della gente non si dirige verso l’Inferno, poiché è alla ricerca della verità ma ha sbagliato nel riconoscerla e secondo una definizione è “jahil qasir[1].


[1]Ignaro innocente e involontario.

Risposta dettagliata

L’essere umano, secondo la propria indole, è alla ricerca di Dio e della verità ed è incline alla religione e all’etica; inoltre la maggior parte della gente risponde a questo richiamo [divino]. I sapienti musulmani in base al Corano e agli hadìth chiariscono che la gente per natura segue la verità, ma in alcuni casi sbaglia nel riconoscerla. Se un giorno si fermasse l’invasione propagandistica contro i valori e fosse mostrato il vero volto della verità, come tale, diventerebbe chiaro che la maggior parte si schiererebbe da quella parte. Quindi la maggioranza non è predisposta al male ma, o è ingannata nella pratica e nella conoscenza, confondendo il bene col male, oppure nella pratica viene ingannata dal proprio impulso e dal demonio e tende quindi al male.

Negli ultimi tempi, in particolar modo dalla seconda metà del XX secolo, la dimensione propagandistica a dispetto della religione e dell’etica è talmente ampia, che la maggior parte della gente si è allontanata dalla religione e in questo senso è divenuta “secolarizzata”. A causa dell’essenza cristiana, che è una religione alterata e in molti casi irrazionale, e a causa dell’operato negativo dei suoi fautori in Occidente e della vasta propaganda antireligiosa, la religione è stata espulsa dal campo sociale; nonostante ciò la maggior parte della gente è inclinata alla religione. Un esempio pratico sono i paesi governati da un regime comunista. Abbiamo visto e sentito che in seguito a lunghi e violenti conflitti da diverse postazioni contro la religione e le sue esteriorità, appena tali governi sono caduti, la religione ha ripreso vita. Tutto ciò è dovuto all’indole religiosa insita nell’uomo e facente parte della sua natura.[1]

Sostenere che la maggioranza della gente andrà all’Inferno è una conclusione errata, poiché la maggioranza infine andrà in Paradiso giacché l’Islam distingue il miscredente colpevole, che pur sapendo si allontana, da colui che sbaglia inconsapevolmente (jahil qasir). L’Islam è molto flessibile con chi sbaglia involontariamente; allo stesso modo delimita le credenze giuste da quelle errate e si considera la verità assoluta, comprensibile razionalmente, alla portata di tutti e alla quale deve appoggiarsi tutta la gente, oltre a denigrare le credenze errate. Secondo l’Islam solamente il miscredente[2] colpevole merita l’Inferno, ma colui che non ha conosciuto la verità dell’Islam e nella propria religione o prassi si sottomette a ciò che è giusto mettendolo in pratica, farà parte del popolo della salvezza.[3] La verità è che se diamo uno sguardo al creato dall’alto, senza limitarci all’esteriorità, giustamente vedremo che la maggioranza degli esseri umani andrà in Paradiso e solo pochi individui andranno all’Inferno per l’eternità. In altre parole possiamo dire che la maggior parte della gente agisce secondo la propria indole divina, anche se erra nel riconoscerla e quindi per questo stesso motivo commette anche degli sbagli e forse dovrà scontare delle pene per alcuni periodi nel barzakh[4], il Giorno del Giudizio o momentaneamente nell’Inferno stesso. Però alla fine sarà salvata e andrà in Paradiso; solo alcuni seppelliscono la propria indole e questi saranno all’Inferno in eterno.


[1] Per maggiori informazioni: il libro Fetrat, Shahid Allamah Motahhari, Entesharat Sadra; Tafsir-e mouzu'i-e Qor'an-e karim, Fetrat dar Qor'an, Ayatollah Javadi Amoli.

[2] Per miscredente, in senso ampio, s’intende colui che nega i principi della religione. Questo si divide in due gruppi: miscredente colpevole che intenzionalmente e consapevolmente nega la verità e quello incolpevole che non sa quello che dice e se riconoscesse la verità, la accetterebbe.

[3] Shahid Motahhari, 'Adl-e Elahy, ottava parte, pp. 319-427 e in particolar modo il riassunto alle pp. 424-427.

[4] Stadio intermedio tra la morte e il Giorno della Resurrezione, in cui alcuni esseri umani, a seconda delle proprie azioni, assaggeranno le benedizioni del Paradiso e altri le punizioni dell’Inferno.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    24071 Diritto e Precetti
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    22876 Teologia antica
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    20378 Etica pratica
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    17861 Teologia antica
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    14009 Diritto e Precetti
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    13989 Esegesi
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    13747 Etica
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    13119 Diritto e Precetti
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    12896 Teologia antica
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    12490 Filosofia del diritto e dei precetti
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...