Ricerca Avanzata
Visite
4450
Data aggiornamento: 2010/07/18
Domanda concisa
Noi conosciamo molti individui al mondo che non sono musulmani o non sono sciiti, eppure sono persone probe e giuste...
Domanda
Noi conosciamo molti individui al mondo che non sono musulmani o non sono sciiti, eppure sono persone probe e giuste. Molte invenzioni appartengono agli scienziati non musulmani. È giusto pensare che costoro, non essendo musulmani, meritino l’Inferno e la punizione divina?
Risposta concisa

Coloro che non prestano fede alla religione islamica si dividono in due gruppi:

1.     Coloro che vengono definiti ignari colpevoli (jahil muqassir) e miscredenti. Cioè hanno conosciuto l’Islam e hanno compreso che è la vera religione, però a causa della loro ostinazione e arroganza, non lo accettano. Essi meritano di essere puniti e di rimanere per sempre all’Inferno.

2.     Coloro che vengono definiti ignari innocenti (jahil qasir), ovvero non hanno ricevuto il messaggio dell’Islam o gli è stato esposto in modo incompleto o irreale; essi considerano l’Islam al livello delle religioni induiste o cinesi o al massimo pari all’ebraismo o al cristianesimo. Costoro, poiché praticano la propria religione con sincerità, saranno salvati.

Risposta dettagliata

L’Islam è la religione vera, approvata dal sano intelletto, semplice e facilmente accessibile attraverso due prove (hujjat), una esteriore e una interiore, che sono state donate all’essere umano[1]: i Profeti e i devoti di Dio (a), e l’intelletto.

L’Islam è completamente in contrasto con il pluralismo religioso, poiché quest’ultimo si basa sul concetto che tutti i credi siano pari gli uni agli altri, quindi i musulmani, gli indù, i cristiani, gli ebrei, ecc., sono tutti allo stesso livello e non c’è motivo di considerare nulli i loro credi. Infatti, secondo questa teoria, la verità non è accessibile, e la religione è una questione relativa e una scelta personale. Non solo la verità della religione non è accessibile e ognuno può interpretarla a proprio piacere, ma esistono più religioni vere e numerose, e giuste vie, per raggiungere la salvezza e la beatitudine.

Questa teoria è in assoluto contrasto con l’Islam, che è un insieme di principi di fede, norme pratiche ed etiche.[2] Nonostante ciò l’Islam ha trattato un certo tipo di pluralismo, che è però pratico, cioè l’indulgenza verso chi è lontano dalla verità dell’Islam. In altre parole coloro che non prestano fede alla religione islamica si dividono in due gruppi:

1.     Coloro che vengono definiti ignari colpevoli (jahil muqassir) e miscredenti. Cioè hanno conosciuto l’Islam e hanno compreso che è la vera religione, però a causa della loro ostinazione e arroganza, non lo accettano. Essi sono miscredenti ostinati e perciò meritano la punizione dell’Inferno; pur avendo compreso che l’Islam è la vera religione, essi vi si oppongono, abusando intenzionalmente della loro libertà di scelta e sapendo cosa stanno facendo. Tali individui, che avrebbero potuto salvarsi, anche se esteriormente si comportano bene, tuttavia hanno occultato la verità e, dimostrando ostinazione e dispetto, hanno chiuso a se stessi la via della salvezza e si sono scelti il loro posto.

2.     Coloro che vengono definiti ignari innocenti (jahil qasir), ovvero non hanno ricevuto il messaggio dell’Islam o gli è stato esposto in modo incompleto o irreale; essi considerano l’Islam al livello delle religioni induiste o cinesi o al massimo pari all’ebraismo o al cristianesimo.

È ovvio che costoro, sia che vivano in zone sperdute, sia che abitino in Europa, in America o nel fulcro della civiltà, non essendo colpevoli della propria mancanza di fede, non subiranno la punizione dell’Inferno. Infatti, la punizione è per coloro che sono responsabili dei propri peccati, invece, gli individui che non hanno ricevuto il messaggio dell’Islam e la sua veridicità, o gli è stato esposto in modo irreale, non sanno che esso è la vera religione e non sono colpevoli della loro mancata fede da essere considerati peccatori.

Purtroppo la propaganda anti-islamica è talmente vasta da non permettere a molte persone la libertà di pensiero e la ricerca della verità riguardo all’Islam, esse non sono quindi in grado di distinguere il vero dal falso. La verità è che l’uomo moderno, nonostante il suo progresso, è regredito spiritualmente: ciò è dovuto alla dittatura mondiale e ai suoi mezzi di comunicazione propagandistici e artistici che si sforzano di alterare la verità.

Perciò molta gente, persino nel fulcro della civiltà, non è al corrente dell’Islam e della scuola salvifica dell’Ahl al-Bayt (A) o, peggio ancora, le sono state fornite notizie errate e irreali riguardo alla religione islamica, tale che la religione della misericordia, della bontà e della giustizia, viene presentata come la religione della violenza, oppressione e ingiustizia.

Tali individui se sono sinceri nel mettere in pratica la loro religione – secondo ciò che è basato sulla natura innata dell’essere umano -, per esempio evitando di mentire e compiere azioni contro l’umanità, saranno salvati e potranno sperare nella misericordia divina.

Questo discorso vale anche per i sapienti monoteisti e credenti in Dio cui l’Islam non è stato esposto correttamente e per i fratelli sunniti cui non è stata chiarita la verità dello sciismo.

In modo riassuntivo, chiunque non gli sia giunta la verità e non ne abbia colpa, non merita l’Inferno, poiché esso è il luogo dei peccatori, e non di coloro che non conoscono la Verità.[3]


[1] Usul al-Kafi, vol. 1, pag. 25, hadìth 22 della sezione “Intelletto e ignoranza”.

[2] Per approfondire il pluralismo religioso, cfr. periodico stagionale Ketab-e naqd, n. 4, autunno 1997, dedicato al pluralismo religioso, in particolare l’intervista a Legenhausen, intitolata “Mafhum-e nobovvat ra kharab nakonim” e l’articolo “Javadi Amoli va peluralism-e dini”; Nasri, Abdollah, Yaqin-e gomshade, Entesharat-e Sourush, intervista a Hodi Sadeqi, pp. 319-427.

[3] Motahhari Shahid Morteza, 'Adl Elahi, Entesharat-e eslami, Teheran, 8a parte, pp. 319-427 e il libro che ne discute; l’articolo “Kafer-e mosalman wa mosalman-e kafer” di Mohammad Hasan Qaramaleki.  

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    24478 Diritto e Precetti
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    23141 Teologia antica
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    21447 Etica pratica
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    18665 Teologia antica
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    15028 Diritto e Precetti
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    14954 Etica
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    14238 Esegesi
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    13851 Diritto e Precetti
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    13260 Teologia antica
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    12750 Filosofia del diritto e dei precetti
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...