Ricerca Avanzata
Visite
3222
Data aggiornamento: 2010/12/05
Domanda concisa
Che legame esiste tra lo sforzo dell’essere umano e il sostentamento che Iddio ha stabilito per lui?
Domanda
Che legame esiste tra lo sforzo dell’essere umano e il sostentamento che Iddio ha stabilito per lui?
Risposta concisa

Il pane quotidiano è di due tipi: il sostentamento che cerchiamo e quello che ci è dato. Negli hadìth il sostentamento che riceviamo viene definito “al-rizq al-talib”, mentre quello che cerchiamo di ottenere, “al-rizq al-matlub”. Del sostentamento che riceviamo fanno parte: l’esistenza, i mezzi a disposizione, l’ambiente, la famiglia, le capacità, ecc.; da questo sostentamento si ottengono la capacità e la forza necessaria per compiere azioni e svolgere un lavoro che aprano la porta all’altro tipo di sostentamento.

Per procurarsi quest’ultimo tipo di sostentamento, ogni individuo deve elevare le mani al cielo (con solerzia e sforzo); anche il neonato che si sforza piangendo e gridando, in questo modo ottiene il proprio sostentamento (il latte materno). Tuttavia anche nel bambino, una volta cresciuto, il suo sforzo e la sua solerzia cambiano diventando pensieri, azioni e movimenti degli arti; a sua volta cambiano anche la quantità e la qualità del sostentamento. In conclusione in seguito al sostentamento ricevuto senza condizioni, si creano lo sforzo, il pensiero e il lavoro, e questi danno origine al sostentamento richiesto e condizionato.

Il sostentamento ottenuto senza condizioni non è modificabile, mentre il sostentamento ricercato, in base a come vengono predisposti i suoi preliminari, può essere diminuito o aumentato.

Risposta dettagliata

La risposta può essere data tramite un sillogismo.

Prima premessa - Il sostentamento quotidiano che Dio garantisce, costituisce la quantità necessaria alle creature per sopravvivere. Certamente il patto e la garanzia divina, cioè questo sostentamento che attribuiamo a lui, differisce dalle garanzie umane. Se nel sacro Corano è stato detto che: “Non c’è animale sulla terra, cui Allah non provveda il cibo”[1], dobbiamo prestare attenzione che colui che si occupa di ciò non è una creatura, bensì Allah. Lui è Colui che ha creato l’universo e le creature, quindi il patto divino è diverso da quello di una creatura che è parte di questo sistema ed è influenzata dalle sue creature. Conoscere il Suo agire e il Suo sostentare vuol dire conoscere il sistema universale. Noi stessi siamo parte dell’universo e come gli altri componenti abbiamo dei doveri. Certamente i doveri che noi abbiamo riguardo ai beni e ai diritti, e che ci sono stati imposti dalla legge della creazione o della religione, sono aspetti del sostentamento divino. La forza attrattiva e nutritiva esistente nella flora, come gli istinti della fauna che li guida verso il cibo, sono tutte manifestazioni del sostentamento divino. È Iddio che spinge ogni forma di vita, attraverso gli istinti che ha posto in essa, a sforzarsi di trovare ciò di cui ha bisogno. Questo sforzo è la base per il sostentamento divino ed è Dio che ha creato un’attrazione reciproca tra il sostentamento e il sostentato. Esiste una relazione speciale che lega i componenti del creato tra di loro. Fin quando un individuo è bambino e non è in grado di ottenere il proprio sostentamento, quest’ultimo gli viene messo a disposizione già pronto. In seguito, man mano che la sua forza per ottenerlo autonomamente aumenta, non sarà più così facile procurarselo: è come se il sostentamento gli fosse sottratto e posto lontano da lui affinché vada verso di esso e una volta raggiunto lo utilizzi. In generale la preparazione del sostentamento, la capacità del sostentato e la quantità di aiuto che gli viene concessa per arrivare al sostentamento sono bilanciati tra loro. Per questo motivo l’essere umano è migliore e più avanzato della flora e della fauna e ciò che è sufficiente per la loro vita non lo è per lui. La questione concernente l’ottenimento del sostentamento per lui è differente. La distanza tra il sostentamento e il sostentato, nella vita umana è maggiore; infatti per lui sono stati predisposti maggiori mezzi e la sua guida è stata rafforzata. Gli sono stati donati l’intelletto, la conoscenza e il pensiero; la rivelazione e la profezia lo hanno aiutato; inoltre sono stati definiti dei doveri per lui e tutto ciò è una manifestazione del sostentamento divino.

Nella creazione esiste un legame tra il sostentamento; il sostentato; i mezzi con cui si ottiene, mangia, digerisce e assorbe il sostentamento; e i mezzi con cui si viene guidati verso di esso. Colui che in natura ha creato l’essere umano e lo ha provvisto di denti, gli ha creato pure il cibo adatto. Lo ha fornito anche del pensiero, della forza di agire, ottenere e percepire il proprio dovere; anche tutto ciò è una manifestazione del sostentamento divino.[2]

Seconda premessa - Il sostentamento è di due tipi: il sostentamento che cerchiamo e il sostentamento che otteniamo.[3]

Il sostentamento talib, ovvero quello che otteniamo, ci segue sempre, anche se cerchiamo di evitarlo. Non è possibile che ci lasci come non è possibile scappare dalla morte. “Se l’essere umano fuggisse dal sostentamento allo stesso modo che dalla morte, il sostentamento giungerebbe ancora a lui come la morte”.[4] Questo tipo di sostentamento si basa sulla predestinazione divina e non sarà mai modificato. A tale proposito l’allamah Tabatabai disse: “Il sostentamento e il sostentato sono reciprocamente necessari l’uno all’altro; non ha senso che il sostentato nella sua vita necessiti di sopravvivere ma non esista sostentamento per vivere, come non è possibile che venga fornito un sostentamento ma non vi sia chi ne usufruisca o sia maggiore del suo bisogno; perciò il sostentamento è parte della predestinazione divina”.[5]

Il sostentamento matlub, ovvero quello che ricerchiamo, è stato predisposto proprio per questo fine. Se lo richiediamo e rispettiamo le condizioni e le cause che ci permettono di raggiungerlo, lo otterremo. In realtà il nostro sforzo per il suo ottenimento è una parte delle cause e se viene completato dalle altre cause del mondo occulto, lo raggiungeremo certamente. Al riguardo il Principe dei Credenti (A) disse: “Richiedete il sostentamento che è garantito e vario, ma solo per chi lo richiede”[6].

Allo stesso modo della richiesta che senza garanzia non ha significato, non è possibile garantire il sostentamento (quello ricercato) senza richiesta. Per questo motivo tra i due tipi di sostentamento che sono stati forniti da Dio ai suoi servi, uno è incondizionato (sostentamento talib) e l’altro condizionato (sostentamento matlub). Il sostentamento incondizionato in ogni circostanza richiede l’essere umano e fin quando l’essere umano è in grado di riceverlo non giungerà la sua morte. Il grande Inviato dell’Islam (A) disse: “Nessuno muore fin quando non si completi il suo sostentamento”[7]. Il sostentamento matlub e condizionato, invece, dipende dal compimento di alcune cose e prendere in considerazione alcune questioni; senza l’ordine e il compimento di queste condizioni non si ottiene.[8]

Il sostentamento talib (ricevuto) equivale all’esistenza, i mezzi a disposizione, l’ambiente familiare, le capacità, ecc.; da questo tipo di sostentamento vengono fornite la forza e la capacità per impegnarsi e compiere un lavoro; questi fenomeni aprono la porta al sostentamento matlub, ovvero ricercato. Per questo tipo di sostentamento ogni individuo deve in qualche modo elevare le mani al cielo con solerzia e impegno verso il supremo Sostentatore (Dio); anche il lattante il cui sforzo consiste nel piangere, lamentarsi e strillare, in seguito a queste azioni ottiene il proprio sostentamento ricercato (il latte materno). Tuttavia crescendo e raggiungendo altre età, il suo sforzo e solerzia cambiano e si trasformano in pensiero, azione e movimento degli arti, allo stesso modo del sostentamento che cambia qualità e quantità.

In conclusione grazie al sostentamento ricevuto e incondizionato si creano lo sforzo, il pensiero e l’azione che a loro volta concedono il sostentamento ricercato e condizionato. Il sostentamento incondizionato non è modificabile, non può essere quindi né diminuito né aumentato. Le sensazioni umane non lo influenzano.[9] Al contrario il sostentamento ricercato, in conformità a come si sviluppano i preliminari e alla modalità del loro ordine, può essere aumentato o diminuito. Per esempio, l’intenzione e la permanenza in stato di purità spirituale (abluzione) è uno dei fenomeni che aumenta il sostentamento ricercato.

Una persona disse al nobile Inviato dell’Islam (S) che voleva aumentare il proprio sostentamento. Lui gli rispose: “Mantieni la purità affinché il tuo sostentamento aumenti”[10].

Il Principe dei Credenti, Alì (A), disse: “Colui la cui intenzione è positiva, il suo sostentamento aumenterà”[11].

Dopo aver compreso che esiste un nesso tra il sostentamento e il sostentato, che sono stati creati dei mezzi per ottenere il sostentamento e che noi abbiamo il dovere di ottenerlo, è necessario sforzarci per capire qual è la migliore e più sana via per raggiungerlo, investendo la nostra forza in esso e ricorrendo a Dio che l’ha creata.


[1] Sacro Corano, 11:6.

[2] Motahhari Morteza, Bistgoftar, Goftar-e sheshom, pag. 127.

[3] Nahj al-Balaghah, lettera 31.

[4] Mohammad Rey Shahri, Hosseyni seyyed Hamid, Muntakhab Mizan al-Hikmah, hadìth 2564.

[5] Allamah Tabatabai, seyyed Mohammad Hosseyn, Tafsir al-Mizan, vol. 18, sezione 27, pag. 377.

[6] Mohammad Rey Shahri, Hosseyni seyyed Hamid, Muntakhab Mizan al-Hikmah, hadìth 2555.

[7]Ivi, hadìth 2561.

[8] Il termine sostentamento in arabo, ovvero rizq, è ciò di cui si può usufruire; Aqrab al-Mawarid.

[9] Majlesi, Bihar al-Anwar, vol. 77, pag. 68, hadìth 7 del Profeta (S).

[10] Mohammad Rey Shahri, Hosseyni seyyed Hamid, Muntakhab Mizan al-Hikmah, hadìth 2574.

[11] Ivi, hadìth 2579.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    22460 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    22108 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    18169 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    16316 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    13573 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    12463 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    12269 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    12050 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    12035 Diritto e Precetti 2012/06/09
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    11546 Etica 2011/12/21
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta