Visite
3047
Data aggiornamento: 2012/03/08
Domanda concisa
La creazione di Gesù (A) senza un padre, non è forse un privilegio? Se è così, perché la più nobile delle creature, ossia il Profeta Muhammad (S), non ha avuto tale privilegio?
Domanda
La creazione di Gesù (A) senza un padre, non è forse un privilegio? Se è così, perché la più nobile delle creature, ossia il Profeta Muhammad (S), non ha avuto tale privilegio?
Risposta concisa

Sebbene il Profeta dell’Islam (S) sia il migliore tra i profeti divini, ciò non vuol dire che possieda tutte le caratteristiche degli altri profeti. Inoltre la nascita senza padre, benché in un determinato tempo storico potesse essere necessaria per comunicare il messaggio divino e portarne a termine la prova (hujjah), di per sé non è considerata una peculiarità per la persona in questione.

Questa caratteristica del nobile Gesù (A), nella sua epoca, era un ottimo strumento per divulgare le regole divine; visto però che nell’era proto-islamica il politeismo era andato diffondendosi tra l’ebraismo e il cristianesimo, e che i politeisti dell’Hijaz praticavano anche con atti materiali l’idolatria, probabilmente la manifestazione di un altro profeta nato miracolosamente, avrebbe indotto i politeisti a considerarlo un nuovo figlio di Dio, creando quindi nuove credenze politeiste sotto una nuova forma, contraddicendo così l’obiettivo di Dio.

Per questo motivo Iddio nel sacro Corano ricorda più volte al Profeta dell’Islam (S), di esporre le proprie caratteristiche umane alla gente.

Risposta dettagliata

Nonostante il Profeta dell’Islam (S) sia il migliore tra i profeti divini, ciò non vuol dire che possieda tutte le caratteristiche degli altri profeti. Alcuni privilegi, come la conoscenza e la vicinanza a Dio, non sono ristretti a un’epoca particolare e, per tali caratteristiche, il Profeta dell’Islam (S) è migliore di tutti i profeti divini, mentre altre caratteristiche sono una peculiarità di un periodo specifico, e per dimostrare la superiorità del Profeta (S) non è necessario che egli le possegga.

Il corso naturale della creazione vuole che le persone nascano da un padre e una madre che vengono riconosciuti come loro genitori. Riguardo a due profeti divini, Iddio ha fatto un’eccezione e li ha creati senza entrambi i genitori (Adamo) e senza padre (Gesù). Iddio in un versetto cita questo fatto dicendo:

"إِنَّ مَثَلَ عيسى‏ عِنْدَ اللَّهِ كَمَثَلِ آدَمَ خَلَقَهُ مِنْ تُرابٍ ثُمَّ قالَ لَهُ كُنْ فَيَكُون"

“In verità, per Allah Gesù è simile ad Adamo che Egli creò dalla polvere, poi disse: «Sii» ed egli fu”[1]. La nascita di questi due profeti divini è segno dell’onnipotenza di Dio. Tale potenza non è ostacolata dalle leggi naturali stabilite da Lui stesso; ossia Iddio, che ha decretato la creazione dell’essere umano in modo che nascesse da un padre e una madre, non è assoggettato a questa legge e, per dimostrare ciò, ha creato due suoi profeti in modo differente dagli altri.

Il Profeta dell’Islam (S) e il privilegio della creazione umana

Ai primordi dell’apostolato del Profeta dell’Islam, la comunità giudaica e i seguaci di Gesù erano diventati politeisti e ognuno di loro credeva in una discendenza di Dio. Iddio dice: “Dicono i giudei: «‘Uzayr è figlio di Allah»; e i nazareni dicono: «Il Messia è figlio di Allah»”[2]. In quella stessa epoca i politeisti dell’Hijaz adoravano molti idoli e consideravano gli angeli figlie di Dio[3].

Queste credenze politeiste si erano diffuse e rafforzate a tal punto fra la gente, che questa non si aspettava un nuovo profeta che camminasse come loro nel mercato[4], si sedesse per terra come loro e dormisse in modo simile a loro, bensì si aspettava una persona nata in modo innaturale, i cui movimenti e qualsiasi aspetto della sua vita fossero fuori dal normale.

In questo ambiente politeista, in cui profeti divini venivano considerati figli di Dio, che conseguenze distruttive avrebbe avuto un altro profeta nato come Gesù o Adamo sulle menti della gente? Non avrebbe rafforzato le loro credenze politeiste? Considerando i precedenti nel credo della gente, un tale profeta avrebbe potuto parlare di monoteismo e di unicità divina e avere poi successo in tale invito?

Allo stesso modo in cui il Corano avversa questi pensieri, più volte ha rammentato esplicitamente la gente in merito a questa chiara verità, contrastando le loro credenze, affermando che il profeta è umano come tutti loro.

Quindi il Profeta (S) si è più volte considerato un essere umano come le altre persone. Il sacro Corano dice: “Di': «Non sono altro che un uomo come voi. Mi è solo stato rivelato (questa è la mia peculiarità rispetto a voi) che il vostro Dio è un Dio Unico»”.[5]

In conclusione se questa virtù del nobile Gesù (A) al suo tempo era un privilegio per divulgare le regole religiose, essa, all’epoca del Profeta dell’Islam (S), avrebbe in realtà potuto rivelarsi un punto debole della religione islamica.

Gesù, la Parola di Dio

Nel Corano, il nobile Gesù (A) viene definito la “Parola di Dio”[6] e viene onorato così come sono stati lodati gli altri profeti per la loro pazienza e resistenza[7], veridicità[8], essere stato purificato[9], ricompensa[10] e discernimento[11]. Tuttavia in nessun versetto né hadìth della Gente della Casa (A), il nobile Gesù (A) è stato lodato perché nato senza padre.

Iddio in alcuni versetti cita le eccellenze e le grazie che ha donato a Gesù (A) e a sua madre dicendo:

 “E quando Allah disse: «O Gesù figlio di Maria, ricorda la Mia grazia su di te e su tua madre e quando ti rafforzai con lo Spirito di Santità! Tanto che parlasti agli uomini dalla culla e in età matura. E quando t’insegnai il Libro, la saggezza, la Torah e il Vangelo. Quando forgiasti con la creta la figura di un uccello, quindi vi soffiasti sopra e col Mio permesso divenne un uccello. Guaristi, col Mio permesso, il cieco nato e il lebbroso. E col Mio permesso risuscitasti il morto. E quando ti difesi dai Figli d'Israele allorché giungesti con le prove. Quelli di loro che non credevano, dissero: Questa è evidente magia»".[12]

La nascita di Gesù da una madre senza un padre, non è stata vana, e all’epoca del nobile Gesù (A), oltre a dimostrare l’onnipotenza di Dio (in cui i Bani Isra'il avevano fede o almeno non era il loro problema principale), costituiva un segno per guidare la gente, ma alcuni non superarono quella prova.

Il sacro Corano dice: “E [ricorda] colei che ha mantenuto la sua castità! Insufflammo in essa del Nostro Spirito e facemmo di lei e di suo figlio un segno per i mondi”.[13]

L’allamah Tabatabai in merito a questo versetto disse: «In questa frase Gesù e sua madre sono stati considerati un segno, poiché il significato di “segno” inteso in esso, è tale tipo di nascita e riguarda entrambi. Giacché Maria precede Gesù nel rappresentare questo segno, è stata nominata lei per prima, “facemmo di lei e di suo figlio”, e non è stato detto ‘facemmo di suo figlio e di lei un segno’».[14]

Tutto ciò era quindi solamente un segno della potenza divina e un mezzo per guidare e mettere alla prova la gente[15], nonostante si possa dire che questo miracolo della nascita di Gesù (A) dal punto di vista della gente di quell’epoca, che conosceva le questioni mediche e naturali, oltre ad essere una prova della potenza divina ed un miracolo, era altresì un privilegio per Gesù (A), che quel nobile utilizzò al meglio per  diffondere la religione divina.

 


[1] Sacro Corano, 3:59.

[2] Sacro Corano, 9:30.

[3] Sacro Corano, 6:100: “Hanno associato ad Allah i jinn, mentre è Lui che li ha creati. E Gli hanno attribuito, senza nulla sapere, figli e figlie. Gloria a Lui: Egli è superiore a quello che Gli attribuiscono”.

[4] Sacro Corano, 25:7: “E dicono: «Ma che Inviato è costui che mangia cibo e cammina nei mercati? Perché non è stato fatto scendere un angelo, che fosse ammonitore assieme a lui?»”.

[5] Sacro Corano, 18:110 e 41:6.

[6] Sacro Corano, 4:171.

[7] Sacro Corano, 38:41.

[8] Sacro Corano, 19:41.

[9] Sacro Corano, 19:51.

[10] Sacro Corano, 38:17.

[11] Sacro Corano, 38:45.

[12] Sacro Corano, 5:110.

[13] Sacro Corano, 21:91.

[14] Mohammad Hosseyn Tabatabai, traduzione dell’esegesi Al-Mizan, vol. 14, pag. 447, Daftar-e entesharat-e eslami, Qom, 1995.

[15] In alcuni hadìth questa caratteristica del nobile Gesù (A) è stata indicata come mezzo per mettere alla prova la gente. Cfr.: Abu al-Hasan Mas'udi, Tarjame-ye Ithbat al-Wasiyyat li-l-Imam Alì ibn Abi Talib, traduzione di Mohammad Javad Najafi, pag. 136, Entesharat-e islamiyyah, Teheran, 1983. È stato tramandato che quando nacque Gesù (A), Satana andò a cercarlo e quando lo trovò, vide che gli angeli lo avevo accerchiato; allorché Satana cercò di avvicinarsi a lui, gli angeli gridarono (e gli impedirono di avvicinarsi a Gesù). Satana chiese: “Chi è il padre di Gesù?!”. Gli angeli risposero: “Gesù è come Adamo (poiché anche il nobile Adamo fu creato senza la presenza di un padre)”. Satana replicò: “Giuro su Dio che (se dividiamo le genti in cinque parti) devierò quattro parti di loro perché Gesù è nato senza padre”.

 

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    22176 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    20537 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    17366 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    15450 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    13302 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    11881 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    11766 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    11444 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    11004 Diritto e Precetti 2012/06/09
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    10754 Etica 2011/12/21
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta