Ricerca Avanzata
Visite
2586
Data aggiornamento: 2012/03/04
Domanda concisa
Dal punto di vista degli insegnamenti islamici, anche per le creature diverse dagli esseri umani, sono stati stabiliti dei diritti?
Domanda
Salam alaykum, per favore, citando la fonte, spiegate se solamente l’essere umano possiede dei diritti o se anche le altre creature, come gli oggetti inanimati, la flora e la fauna, ne fruiscono? In altre parole, dal punto di vista degli insegnamenti islamici, sono stati stabiliti dei diritti anche per le altre creature che non siano l’essere umano? Grazie infinite
Risposta concisa

Nei testi religiosi esistono molti hadìth dai quali si deduce che gli esseri umani non sono i soli a possedere dei diritti, bensì anche le altre creature divine godono di diritti che devono essere rispettati. Per esempio nel libro Man la yahdhuruhu al-faqih, nella sezione intitolata “Diritti degli animali e doveri del loro padrone”, sono riportati degli hadìth che comprendono i diritti degli animali e i doveri che i proprietari hanno nei loro confronti. Vi possiamo leggere che:

“Il Profeta (S) disse: ‘Gli animali hanno dei diritti che il loro padrone deve rispettare, ossia ogni volta che smonta da essi deve dargli del fieno, se trova dell’acqua deve abbeverarlo, non deve caricarlo più di quanto possa sopportare ed inoltre non deve farlo camminare più delle sue forze e non deve mai picchiarlo sul muso, poiché esso glorifica Iddio’”.[1]

Anche nel libro Bihar al-anwar, nella sezione “Diritti degli animali e doveri del loro padrone”, sono stati riportati degli hadìth riguardanti questo tema, per esempio:

L’imam Sadiq (A) disse: «Per gli animali vi sono sette diritti che il padrone deve rispettare: 1. Non caricarlo più della sua tolleranza. 2. Ogniqualvolta smonti da esso deve dargli del fieno. 3. Se trova dell’acqua deve abbeverarlo. ...»[2]

In conclusione, conforme agli hadìth riguardanti le creature diverse dagli esseri umani, si deduce che l’uomo non è l’unica creatura che possiede dei diritti, al contrario, anche le altre creature ne hanno.

Questa domanda non ha una risposta dettagliata

 


[1] Cfr.: Shaykh Saduq, Man la Yahdhuruh al-Faqih, Daftar-e entesharat-e eslami, Qom, 1413 AH.

[2] Mohammad Baqer Majlesi, Bihar al-Anwar, Mu'assisat al-wafa', Beirut, 1404 AH.

 

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

  • Che cosa sono il principio pratico e la motivazione ijtihadica e qual è il loro rapporto?
    2424 مبانی فقهی و اصولی 2012/04/15
    Il principio pratico (al-asl al-'amali) Il principio pratico è un termine utilizzato nella scienza dei principi di giurisprudenza (usul al-fiqh) islamica, concernente le regole che in caso di dubbio nello stabilire una norma religiosa, chiariscono il dovere di una persona dopo che ...
  • Perché l’essere umano non può privarsi del dono della vita?
    2366 Etica pratica 2011/07/18
    Questa domanda non ha una risposta concisa; selezionate la risposta dettagliata. ...
  • L’influenza della du'a è condizionata dalla sua recitazione in arabo?
    3412 Etica pratica 2011/07/18
    Questa domanda non ha una risposta concisa; selezionate la risposta dettagliata. ...
  • Cos’è la rivelazione e come si manifesta ai profeti?
    4277 Il Sacro Corano 2010/10/13
    Il termine “wahy” (rivelazione) in arabo significa indicazione veloce; questa può essere verbale, codificata, un suono uniforme, oppure un gesto o simili. I vari significati e utilizzi di questa parola nel sacro Corano attirano la nostra attenzione su alcuni punti:Primo. ...
  • Cos’è l’i'tikaf (ritiro spirituale)?
    4685 Etica teorica 2010/10/13
    Il significato terminologico della parola araba i'tikaf è: risiedere, rimanere in un luogo e attenersi a determinate prescrizioni; però nella religione islamica significa risiedere in un luogo sacro con l’intenzione di avvicinarsi a Dio l’Altissimo. L’i'tikaf non è una specificità della religione islamica, al contrario era presente ...
  • È lecito castrare un gatto per impedirgli di girovagare e di esporsi ai pericoli dell’ambiente circostante?
    2357 Diritto e Precetti 2012/01/23
    Ufficio dell’ayatollah Khamenei:Se è causa di sofferenza per l’animale, non è concesso.Ufficio dell’ayatollah Makarem Shirazi: Se ciò è necessario, non c’è problema.Risposta dell’ayatollah Mahdi Hadavi Tehrani:Se ciò avviene senza far soffrire l’animale e ...
  • Che cosa dobbiamo fare per non subire la “pressione della tomba”?
    4204 Etica pratica 2011/07/14
    Per “tomba” non s’intende la vera e propria tomba fisica, infatti non avviene alcun cambiamento nel luogo in cui viene sepolto il defunto, inoltre, alcuni muoiono in situazioni in cui nulla rimane del loro corpo oppure non saranno mai seppelliti. Sono stati citati vari fattori negli hadìth per ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    20122 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Fin ora chi ha resistito nella lotta contro Satana e qual è il metodo per lottare?
    2925 Etica teorica 2011/07/10
    Secondo il Corano, Satana può dominare tutti, eccetto i servi mukhlas di Dio. I mukhlasin sono coloro che hanno raggiunto un livello nel quale Satana non trova più spazio per insinuarsi in loro. Per lottare con Satana sono necessari degli strumenti attraverso i quali è possibile insorgere contro ...
  • Che cos’è la religione?
    2639 Filosofia della religione 2010/06/30
    Gli occidentali hanno espresso diversi pareri e argomenti riguardo alla definizione di religione. Nelle esplicazioni coraniche il termine “religione” è stato utilizzato in due casi:Ogni tipo di credenza verso una forza occulta, veritiera o non: “A voi la vostra religione e ...

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    21871 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    20122 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    16349 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    14718 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    12984 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    11481 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    11434 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    10382 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Come si può curare l’invidia?
    10008 Etica teorica 2011/08/13
    L’invidia è un’inclinazione dell’animo per cui ci si sottovaluta, in seguito alla quale l’individuo desidera che un’altra persona non abbia un bene che possiede.Per guarire da quest’attitudine si consigliano le seguenti soluzioni:1.
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    9771 Diritto e Precetti 2012/06/09
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...

Links