Ricerca Avanzata
Visite
4374
Data aggiornamento: 2012/05/17
Domanda concisa
Qual è il significato di unicità di Dio nella creazione?
Domanda
Qual è il significato di unicità di Dio nella creazione?
Risposta concisa

Per unicità nella creazione s’intende che nel mondo del creato non esiste alcun creatore a parte Iddio il Sublime. Le creature contingenti, i loro esiti e azioni, nonché l’essere umano e tutte le invenzioni e scoperte, in realtà e senza esagerazione, sono creature di Dio. Tutto ciò che esiste nell’Universo, è stato creato da Lui, alcune cose con intermediazione e altre senza.

 

Risposta dettagliata

Il significato di unicità nella creazione

L’essere creatore è uno degli attributi di Dio. Questo attributo è una necessità che si ricava dalle argomentazioni che dimostrano l’esistenza di Dio, poiché il risultato di tali argomentazioni è che Iddio è l’origine e la causa delle cause di tutte le creature. Il fatto è che Iddio nell’attributo di essere creatore, non ha soci e nessuno oltre a Dio è il creatore del mondo. Quindi l’essere l’unico creatore è una delle ramificazioni dell’unicità (Tawhid)[1].

In altre parole unicità nella creazione significa che nel Creato non abbiamo più di un Creatore originale e indipendente, e la creazione delle altre cause è una continuazione della sua Creazione poiché avviene con il Suo volere e ordine[2].

L’unicità nella creazione - che a volte viene indicata come l’unicità nelle azioni - nella terminologia filosofica  significa che tutti i sistemi, le leggi, le cause e le conseguenze, sono azioni di Dio e hanno origine dal Suo volere. Le creature dell’universo allo stesso modo che non hanno indipendenza esistenziale da Dio nella propria essenza, anche dal punto di vista dell’influenza e della casualità non sono indipendenti. Quindi Iddio così come non ha soci nella propria essenza,  non ne ha neppure nelle azioni. L’unicità nelle azioni è il referente della formula di glorificazione “la hawla wa la quwwata illa billah”, che in filosofia viene espressa con la legge “la mu'aththir fi al-wujud illa Allah” (non c’è influente nell’esistenza tranne Allah)[3].

L’intelletto approva l’unicità nella creazione?

L’intelletto testimonia chiaramente per l’unicità del Creatore dell’universo, poiché in base alle argomentazioni che dimostrano l’esistenza di Dio – in particolar modo l’argomentazione della contingenza e necessità – tutte le creature sono contingenti e creature dell’Essere necessario nell’essenza (Iddio). In base alle prove dell’unicità nell’essenza, l’Essere necessario nell’essenza, è unico. Quindi il creatore dell’universo non è altri che Dio[4].

Che posizione detiene il Corano al riguardo?

Il sacro Corano in molti versetti ha enfatizzato l’unicità di Dio nella creazione dell’universo. Infatti dice:

  1. Di': “Allah è il Creatore di tutte le cose, Egli è l'Unico, il Supremo Dominatore”[5].
  2. Allah è il Creatore di tutte le cose e di tutte le cose è il Tutore[6].
  3. Questi è Allah, il vostro Signore, il Creatore di tutte le cose. Non c'è altro dio all'infuori di Lui[7].
  4. All'infuori di Lui c'è forse altro creatore ...?[8]
  5. Il nostro Signore è Colui Che ha dato ad ogni cosa il suo proprio essere e poi l'ha guidata ... [9].

Gli hadìth e l’unicità nella creazione

Anche gli hadìth islamici enfatizzano l’unicità nella creazione. L’imam Alì (A) al riguardo disse: «Nella creazione della formica (e simili) Iddio non ha avuto  soci e nessuno Lo ha aiutato»[10].

E disse anche: «Iddio non ha avuto l’aiuto di alcun socio nella creazione delle meraviglie dell’universo»[11], e molti altri hadìth…

L’unicità nella creazione implica la negazione della causalità e del libero arbitrio?

Fin d’adesso bisogna ammettere che la peculiarità dell’essere creatore presente in Dio, non implica la negazione delle leggi vigenti tra i fenomeni naturali, poiché il principio di causalità nelle cose materiali non significa che le cause siano indipendenti nella causalità e generazione. In realtà Iddio ha stabilito questo principio nel mondo materiale e Lui stesso ha generato questa legge. Il sole e il vento influenzano la fertilità del terreno e anche l’acqua aiuta le piante a crescere, però l’esistenza dell’influente e la sua influenza sono possibili con il permesso di Dio e sono manifestazioni delle leggi divine sul Creato. Coloro che interpretano l’unicità nella creazione con la negazione del principio di causalità e i rapporti materiali tra le cose dell’universo, sbagliano, e per questo motivo considerano la religione antitetica e opposta alla scienza[12]. In conclusione l’unicità nella creazione non nega il libero arbitrio; il creatore di tutte le azioni è in generale Dio e il nostro volere ne è un’estensione.

 


[1] Alì Rabbani Golpayegani, Aqaed-e Estedlali, www.andisheqom.com.

[2] Sito www.hawzah.net.

[3] Asfar, vol. 2, p. 216-219; Nahayat al-Hikmah, vol. 3, p. 677; Motahhari, Majmu'e-ye Asar, vol. 2, p. 103; Ehsan Torkashvand, Tohid va Marateb-e an.

[4] Alì Rabbani Golpayegani, Aqaed-e estedlali, www.andisheqom.com.

[5] Sacro Corano, 13:16:

«قُلِ اللَّهُ خالِقُ كُلِّ شَیْ‏ءٍ وَ هُوَ الْواحِدُ الْقَهَّارُ».

[6] Sacro Corano, 39:62:

«اللَّهُ خالِقُ كُلِّ شَیْ‏ءٍ وَ هُوَ عَلى كُلِّ شَیْ‏ءٍ وَكِیلٌ».

[7] Sacro Corano, 40:62:

«ذلِكُمُ اللَّهُ رَبُّكُمْ خالِقُ كُلِّ شَیْ‏ءٍ لا إِلهَ إِلاَّ هُوَ».

[8] Sacro Corano, 35:3:

«هَلْ مِنْ خالِقٍ غَیْرُ اللَّهِ».

[9] Sacro Corano, 20:50:

رَبُّنَا الَّذِی أَعْطى كُلَّ شَیْ‏ءٍ خَلْقَهُ ثُمَّ هَدى

[10] Nahj al-Balaghah, sermone 185.

«لم یشركه فی فطرتها فاطر، و لم یعنه علی خلقها قادر».

[11] Ivi, sermone 91.

[12] Ja'far Sobhani, Syma-ye Aqaed-e Shieh, traduzione Javad Mohaddesi, p. 56, Mash'ar.

 

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    21776 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    19998 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    16113 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    14471 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    12864 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    11374 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    11280 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    10081 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Come si può curare l’invidia?
    9881 Etica teorica 2011/08/13
    L’invidia è un’inclinazione dell’animo per cui ci si sottovaluta, in seguito alla quale l’individuo desidera che un’altra persona non abbia un bene che possiede.Per guarire da quest’attitudine si consigliano le seguenti soluzioni:1.
  • Cos’è lo sharab tahur (bevanda purificante)?
    9638 Teologia antica 2010/10/07
    Sharab nella terminologia araba significa bevanda e tahur ciò che è puro e purifica. Dai vari versetti del Corano si comprende che in Paradiso sono presenti diverse bevande salubri, pure e di qualità diverse. In un versetto del Corano è stato utilizzato il termine ...

Links