Ricerca Avanzata
Visite
6920
Data aggiornamento: 2012/07/15
Domanda concisa
Qual è la norma che regola la depilazione femminile delle sopracciglia? E di fronte al marito?
Domanda
Salam alaykum, perché i sunniti dicono che la depilazione femminile delle sopracciglia è haram, perfino se è fatta per il marito, e bisogna pentirsi? Questa fatwa è corretta? Vorrei giungere a una risposta corretta e soddisfacente in base al parere religioso sciita.
Risposta concisa
L'atto di depilare le sopracciglia per le donne, di per sé, non presenta problemi. Nell'Islam è considerato meritorio truccarsi per il marito e una donna che trascuri il trucco e l'abbellirsi per il marito, è biasimata. Pertanto i giurisperiti sciiti, nonostante incitino le donne a rispettare tale questione, non permettono di mostrare questo trucco a chi non è mahram. Dicono che le donne hanno il dovere di coprire i propri abbellimenti in presenza di non-mahram.
 
Risposta dettagliata
Truccarsi per il marito, non solo non presenta problemi, in realtà nell'Islam è considerato meritorio. Una donna che trascuri di truccarsi e farsi bella per il marito, è biasimata[1]. Questo gesto permette al nucleo famigliare di diventare più accogliente, più gradevole. Probabilmente, quel gruppo di sapienti che considera il trucco e l'abbellirsi della donna (tra cui la depilazione delle sopracciglia) haram in modo assoluto (perfino per il marito), ha dedotto la propria opinione da alcuni hadìth. Per esempio in un hadìth si narra che il Profeta dell'Islam (S) maledisse otto categorie di donne; esse sono: namisah, muntamasah, washirah, mustawsharah, wasilah, mustawsalah, washima e mustawshamah.
Il narratore dice: “Namisah è colei che depila il viso delle altre, mentre muntamasah è la donna il cui viso viene depilato. Washirah è colei che lima i denti di un'altra, li divide e li affila, mentre mustawsharah è la donna su cui viene eseguita tale operazione. È definita wasilah colei che applica i capelli di una donna ai capelli di un’altra, mentre mustawsalah è colei alla quale sono stati applicati i capelli di un’altra donna. Viene definita washimah colei che esegue dei tatuaggi sulle mani o altri parti del corpo femminile. Tale operazione avviene in questo modo: in principio viene applicato un ago su una determinata superficie del palmo o del dorso della mano, oppure un altro punto del corpo femminile, in questo modo si formano dei pori che vengono poi riempiti di kajal o altra sostanza. Il risultato è un colore verde. Mustawshamah è una donna tatuata in questo modo”[2].
In generale, se ci limitiamo a considerare soltanto questo hadìth, esso esprime il seguente concetto: le donne non possono assolutamente truccarsi e abbellirsi. Tuttavia, consultando i discorsi della Famiglia dell'Inviato di Dio (A), si ricava il significato di tale tipo di hadìth. Per esempio in un hadìth all'imam Baqir (A) fu chiesto riguardo al qaramil (ciuffo di capelli finti, composto di capelli, pelo o seta, che le donne indossavano sul proprio capo e applicavano ai propri capelli)[3], quel Nobile rispose: "Non c'è problema se la donna si abbellisce per il proprio marito".
Il tramandatore riporta di aver detto a quel Nobile che era pervenuto un hadìth del Profeta (S) in cui egli malediceva la "wasilah” e la “mawsulah". Quel Nobile rispose: “Non è cosi. L'Inviato di Dio (S) ha maledetto quella wasilah che da giovane si prostituiva e in età avanzata faceva incontrare le donne e gli uomini corrotti”[4].
In un altro hadìth Abu Basir riporta: “Chiesi all'imam Baqir (A) in merito all’abbellirsi delle donne (compresa la depilazione dei peli del viso) per i propri mariti. Egli replicò: «Nessuna di queste cose costituisce un problema»”[5].
Pertanto non può essere considerato haram qualsiasi trucco o abbellimento. In realtà è considerato peccato l'abbellimento che crea corruzione e dissolutezza sociale ed è destinato ad altri che il marito. Quindi i giurisperiti sciiti invitano sì le donne a truccarsi per i propri mariti, ma non ritengono permesso mostrare questo trucco abbellente ai non-mahram, dicendo che le donne hanno il dovere di coprire le proprie bellezze davanti a loro[6].
È degno di nota che la depilazione delle sopracciglia di per sé, non è un problema[7]. Riguardo al fatto che questo gesto sia considerato un abbellimento (da essere obbligatorio coprirlo in presenza di non-mahram) o no, le opinioni dei giurisperiti differiscono:
1. Alcuni[8] permettono di mostrare quella parte dell'abbellimento che è nei limiti dell’uso comune e dicono che non è obbligatorio coprire le sopracciglia in presenza di non-mahram[9].
2. Alcuni[10] considerano la depilazione delle sopracciglia un abbellimento e obbligatorio coprirle di fronte a non-mahram[11].
3. Altri[12] ancora condizionano la questione all'uso comune affermando: se viene considerato un abbellimento, devono coprirlo di fronte ai non-mahram[13].
Nota: Se la depilazione delle sopracciglia e del viso attira l'attenzione di non-mahram, sì da creare corruzione, è obbligatorio coprirli[14].
 

[1] Rasul Jafaryan, Rasa'il Hijabiyyah, vol. 2, p. 1128, Dalil-e ma, Qom, 2a ed., 1428 AH. Per maggiori informazioni potete consultare l'indice: 850, (I doveri delle donne nei confronti degli uomini) in questo stesso sito (in persiano).
[2] Muhammad ibn Alì Ibn Babiwayh, Ma'ani al-Akhbar, p. 249, revisore Ali Akbar Ghaffari, Daftar-e entesharat-e eslami, Qom, prima stampa, 1403 AH.
[3] Mubarak ibn Muhammad Jazari ibn Kathir, Al-Nihayat fi Gharib al-Hadith wa al-'Athar, vol. 4, p. 51, Mo'assese-ye matbu'ati Esma'ylyan, Qom, prima stampa, s.d.
[4] Muhammad ibn Ya'qub Kulayni, Al-Kafi, correttore Alì Akbar Ghaffari e Mohammad Akhundi, vol. 5, p. 118, capitolo 119, hadìth 3, Nashr-e Dar al-kutub al-islamiyyah, quarta, Teheran, 1407 AH.
[5] Shaykh Muhammad ibn Hasan Hurr 'Amili, Wasa'il al-Shi'ah, vol. 20, p. 189, hadìth 25390, Nashr-e Mu'assisat Al al-Bayt, prima, Qom, 1409 AH.
[6]  Mohammad Taqi Bahjat, Istifta'at, vol. 4, p. 175, quesito 5201, Ufficio dell'ayatollah Bahjat, Qom, prima, 1428 AH.
[8]  Gli ayatollah: Khomeini, Sistani, Makarem Shirazi, Nuri Hamedani e Tabrizi.
[9] Sito dell'ayatollah Sistani (sistani.org), sezione dei quesiti, voce zinat (abbellimento), quesito 17; Naser Makarem Shirazi, Estefta'at-e Jadid, vol. 2, p. 351 quesito 151 e 1034, Entesharat-e Madrese-ye Emam Alì ibn Abi Talib (A), Qom, seconda, 1427 AH; ayatollah Nuri Hamedani, Estefta'at, vol. 1, quesito 491 e 542; Seyyed Ruhallah Khomeini, Estefta'at, vol. 3, p. 257, quesiti 33 e 34, Daftar-e Entesharat-e Eslami vabaste be Jame'e-ye modaressin, Qom, quinta, 1422 AH; Javad Tabrizi, Estefta'at-e Jadid, vol. 2, p. 360, quesito 1490, Qom, prima, s.d.
[10] Ayatollah Safi Golpayegani.
[11] Lotfollah Safi Golpayegani, Jami' al-Ahkam, vol. 2, p. 163, quesito 1683, Entesharat-e Hazrat-e Ma'sumeh (a), Qom, quarta 1417 AH; Ufficio dell'ayatollah Bahjat.
[12] Gli ayatollah: Khamenei, Fazel Lankarani, Bahjat e Vahid Khorasani.
[13] Responso dell'ayatollah Khamenei estratto dall'indice 598; Mohammad Fazel Lankarani, Jami' al-Masa'il, vol. 1, p. 451, quesito 1708, Entesharat-e Amir-e Qalam, Qom, undicesima, s.d.; Mohammad Taqi Bahjat, Estefta'at, vol. 4, p. 208, quesito 534, Daftar-e hazrat-e ayatollah Bahjat, Qom, prima 1428 AH; quesito posto all'ufficio dell'ayatollah Vahid Khorasani.
[14] Seyyed Ruhallah Musavi Khomeini, Estefta'at, vol. 3, p. 256, Daftar-e entesharat-e eslami, Qom, quinta, 1422 AH.
Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    21776 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    19997 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    16110 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    14462 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    12861 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    11373 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    11277 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    10076 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Come si può curare l’invidia?
    9880 Etica teorica 2011/08/13
    L’invidia è un’inclinazione dell’animo per cui ci si sottovaluta, in seguito alla quale l’individuo desidera che un’altra persona non abbia un bene che possiede.Per guarire da quest’attitudine si consigliano le seguenti soluzioni:1.
  • Cos’è lo sharab tahur (bevanda purificante)?
    9637 Teologia antica 2010/10/07
    Sharab nella terminologia araba significa bevanda e tahur ciò che è puro e purifica. Dai vari versetti del Corano si comprende che in Paradiso sono presenti diverse bevande salubri, pure e di qualità diverse. In un versetto del Corano è stato utilizzato il termine ...

Links