Visite
5079
Data aggiornamento: 2011/04/30
Domanda concisa
Cosa significa società civile secondo il pensiero politico dell'Islam?
Domanda
Cosa significa società civile secondo il pensiero politico dell'Islam?
Risposta concisa

“Società civile” è uno di quei termini diffusisi in Occidente durante l'illuminismo e i filosofi politici occidentali lo interpretano in vari modi. Basandosi su tali interpretazioni della società civile, si possono definire delle caratteristiche generali di suddetta società che, non solo non sono incompatibili con i concetti islamici, bensì il pensiero politico dell'Islam si è basato su di esse.

Le caratteristiche generali sono:

  1. La legge come criterio di riferimento

  2. Difesa dei diritti personali

  3. La legge è uguale per tutti

  4. Libertà civili

Si può pertanto considerare la città di Medina, al tempo del Profeta (S), un esempio concreto della società civile secondo l'Islam e prendere atto che questa religione fu una precorritrice nella formazione di una società civile.

Risposta dettagliata

“Società civile” è uno di quei termini diffusisi in Occidente durante l'illuminismo e i filosofi politici occidentali ne hanno proposte varie interpretazioni.

I più pessimisti come Thomas Hobbes in base ad una visione oscura dell'essere umano e della società, affermavano che in quest’ultima vigessero le seguenti caratteristiche: ipocrisia, prepotenza, egoismo paura, diffidenza, cupidigia e male.[1] La società civile di Hobbes è una società dove dei mostri succhia sangue controllano una giungla i cui i sobborghi sono in guerra.[2]

Dal punto di vista più equo di Jean-Jacques Rousseau, la società civile si fonda su un accordo sociale, dove ogni individuo perde la propria libertà naturale in cambio di quella civile. La libertà naturale è quella libertà che avrebbe avuto l’essere umano nell’usufruire della natura e nel raggiungere i propri desideri nel caso non fosse esistita la società e fosse stato quindi totalmente solo. La libertà civile è la libertà di possedere ciò che è nelle proprie mani entro i limiti posti dalla società. La libertà naturale è sconfinata, mentre quella civile è limitata dal volere pubblico.

Se considerassimo queste interpretazioni particolari come criterio per definire la società civile, non potremmo farla coincidere con l'Islam e i suoi concetti politici; tuttavia, dalle varie definizioni date per la società civile, possiamo estrarre delle caratteristiche generali per una simile società che, non solo non sono incompatibili con l'Islam, bensì il pensiero politico dell'Islam si è formato in base ad esse.

Queste caratteristiche generali sono:

  1. La legge come criterio di riferimento - La società civile è una società dove i rapporti sociali sono regolati dalla legge. Questa caratteristica è visibile nel pensiero politico dell'Islam che cerca d’instaurare un governo che ha come proprio criterio di riferimento la legge.

  2. La difesa dei diritti del cittadino - I diritti dei cittadini di una società civile devono essere difesi. Il pensiero politico dell'Islam accettando i diritti del cittadino pretende che il governo li difenda.

  3. La legge è uguale per tutti - In una società civile ogni cittadino è pari di fronte alla legge e anche l'Islam conferma questa uguaglianza.

  4. Libertà sociale - La libertà civile è quella libertà all'interno della struttura legale accettata anche dall'Islam.

Pertanto, nonostante nessuna delle interpretazioni particolari della società civile sia in accordo con i concetti islamici, nondimeno le caratteristiche generali di questa società sono conformi ad essi.

In conclusione si può considerare la città di Medina, al tempo del Profeta (S), un esempio concreto della società civile secondo l'Islam e reputare questa religione precorritrice nella fondazione di una simile società. La civiltà che l'Islam ha fondato, sebbene sia stata successivamente deviata nella sua concretizzazione, però sotto l’aspetto dei principi teorici è stata ed è ancora solida.

Per approfondire:

Mahdi Hadavi Tehrani, Welayat va dianat, Muhassese-ye farhanghi-ye khane-ye kherad, Qom, seconda ristampa, 2001.



[1] Muhammad Jamal Barut, Al-Mujtama' al-Madani, pag. 15.

[2] Ivi, pp. 14-18.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    22176 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    20537 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    17363 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    15448 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    13301 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    11878 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    11765 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    11442 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    11002 Diritto e Precetti 2012/06/09
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    10753 Etica 2011/12/21
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta