Ricerca Avanzata
Visite
2903
Data aggiornamento: 2011/09/17
Domanda concisa
A quale peccato è stato paragonato il ledere l’onore di un credente? In che casi è ammesso? E come ci si può pentire di questo atto?
Domanda
A quale peccato è stato paragonato il ledere l’onore di un credente? È vero che ledere l’onore di un credente è come versare il sangue di una persona? Chi compie quest’azione per rivelare delle verità a un terzo, commette peccato? Come ci si può pentire e liberare dai sensi di colpa? Spiegate secondo i versetti del Corano, gli hadìth e riportando le fonti. Per me è una questione importante. Grazie
Risposta concisa

Negli hadìth l’onore del credente è considerato pari a quello del Profeta (S), la sua Famiglia (A), il Corano e la Ka'bah. Infatti ai beni del credente è dovuto rispetto come al suo sangue e rivelare delle verità non è una scusa sufficiente per ledere l’onore di un credente. Per pentirsi di questo grande peccato bisogna chiedere e ottenere il perdono dell’interessato, rimediare ai danni spirituali che gli sono stati inflitti, compiere buone azioni in vece sua e pregare per lui.

Risposta dettagliata

L’imam Baqir (A) narrò che la notte in cui il Profeta di Dio (S) compì il Mi'raj, egli chiese a Dio che valore avesse il credente presso di Lui. Gli fu replicato: «O Muhammad! Chiunque insulti un Mio amico è come se insorgesse contro di Me e Io Mi affretto immediatamente a soccorrere i Miei amici …»[1].

L’imam Sadiq (A) al riguardo disse: “Iddio sulla terra ha cinque zone protette: quella del Profeta, quella della Famiglia del Profeta (A), quella del Corano, quella della Ka'bah e quella del credente”[2].

L’onore del credente è tale che i suoi beni sono rispettabili come il suo sangue. È stato narrato dal Profeta (S) che ingiuriare un credente rende la persona dissoluta, combattere contro un credente è miscredenza, mangiare la sua carne (cioè sparlarne) è un peccato e ai suoi beni è dovuto lo stesso rispetto del suo sangue[3]. Naturalmente se i suoi beni meritano un simile rispetto, il suo onore, che vale più dei beni, deve anch’esso godere di un tale ossequio.

Gli hadìth riguardanti il rispetto del credente sono talmente numerosi che non è possibile riportarli in questo breve articolo; chi fosse interessato può ricercarli nelle raccolte di hadìth. Per esempio l’allamah Majlesi, a pagina 221 del vol. 71 del Bihar al-Anwar, ha scritto un capitolo intitolato “Abwab huquq al-mu'minin”, dove sono stati trascritti molti hadìth al riguardo.

In merito alla questione se si possa ledere l’onore di un credente al fine di rivelare delle verità, bisogna rispondere che una tale scusa non è sufficiente per diffamare un credente; tranne se questa rivelazione sia molto importante e necessaria, oppure sia implicato il futuro e l’onore di un credente. In questo caso, eccezionalmente e rispettando tutte le precauzioni, si possono svelare alcuni segreti. Tale argomento è trattato nelle eccezioni della maldicenza; consigliarsi riguardo ad un matrimonio, ne è un esempio.

Per pentirsi di un grande peccato come la lesione dell’onore di un credente, in primo luogo bisogna chiedergli scusa e ottenere il suo perdono e altresì sforzarsi di rimediare ai danni spirituali che gli sono stati inflitti con quell’atto. Se ciò non fosse possibile, oppure creerebbe maggiori rancori, si dovrà sperare nella misericordia divina, pregando per lui e compiendo buone azioni in vece sua.



[1] Muhammad ibn Ya'qub Kulayni, Al-Kafi, vol. 2, pag. 352, hadìth 8, Dar al-kutub al-Islamiyyah, Teheran, 1986.

[2] Ivi, vol. 8, pag. 107, hadìth 82.

[3] Ivi, vol. 2, pag. 359, hadìth 2.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    24478 Diritto e Precetti
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    23141 Teologia antica
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    21447 Etica pratica
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    18665 Teologia antica
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    15028 Diritto e Precetti
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    14954 Etica
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    14238 Esegesi
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    13851 Diritto e Precetti
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    13260 Teologia antica
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    12750 Filosofia del diritto e dei precetti
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...