Ricerca Avanzata
Visite
4864
Data aggiornamento: 2012/05/29
Domanda concisa
Una persona ha espresso la volontà di lasciare una parte (juz\') dei propri beni a una determinata persona, senza però specificarne la quantità. Come si può stabilire la quota di cui si può disporre liberamente nel testamento?
Domanda
Una persona ha lasciato in eredità una parte dei propri beni, senza però specificarne la quantità. In alcuni hadìth sono state illustrate differenti soluzioni, per esempio: per parte (juz\') s’intende un decimo poiché Allah dice: \"فَخُذْ أَرْبَعَةً مِّنَ الطَّیْرِ فَصُرْهُنَّ إِلَیْکَ ثُمَّ اجْعَلْ عَلىَ‏ کلُ‏ِّ جَبَلٍ مِّنهُنَّ جُزْءًا ...\" “Prendi quattro uccelli e falli a pezzi, poi mettine una parte su ogni monte e chiamali …” (Sacro Corano, 2:260); in un altro hadìth è stato riportato che una parte equivale ad un settimo perché Allah dice: \"لَهَا سَبْعَةُ أَبْوَابٍ لِّکُلِّ بَابٍ مِّنْهُمْ جُزْءٌ مَّقْسُومٌ\" “[l’Inferno] ha sette porte, e una parte di essi [coloro che andranno all’Inferno] è stata divisa per ognuna di esse” (Sacro Corano, 15:44). Considerando questi hadìth, com\'è possibile stabilire la parte di cui si può liberamente disporre nel testamento?
Risposta concisa

Giacché le fonti di entrambi i gruppi di hadìth sono state approvate dai sapienti, essi hanno proposto alcune soluzioni per non escludere nessuno dei due:

I proprietari dei beni, in passato, dividevano questi in parti: alcuni li dividevano in dieci parti, altri in sette. Il testamento di un uomo viene pertanto eseguito secondo la sua abitudine nel dividere i beni. Un'opzione più accettata è quella di agire secondo il primo gruppo di hadìth, poiché il principio è quello di mantenere la proprietà per l'erede cui spetta una quota legittima; in altre parole il principio è quello di prevenire perdite all'erede legittimo. Queste perdite avvengono quando si agisce secondo gli hadìth che interpretano "una parte" come "un settimo". L'opinione degli hadìth del primo gruppo la consideriamo obbligatoria e quella del secondo gruppo, meritoria; cioè "una parte" corrisponde a "un decimo" e ciò viene considerato obbligatorio, però per gli eredi è meritorio, per via del numero degli hadìth, utilizzare "un settimo" dei beni come disposto nel testamento.
Risposta dettagliata

Se il dubbio è dovuto alla superficialità delle parole, per esempio qualcuno ha disposto un lascito con le parole "una parte (juz') dei beni" del proprio patrimonio sia utilizzata per beneficenza, e dal contesto non si evinca il volere del testatore, la regola vuole che questo testamento sia considerato nullo. Bisognerà pertanto consultare le regole giuridiche riguardanti il testamento, poiché il significato di quella frase non può essere compreso secondo il costume e il normale parlare della gente.

Considerando tuttavia che a tale proposito, alcune prove shariatiche e hadìth attendibili hanno interpretato alcuni termini incerti, diventa obbligatorio consultarli per pura obbedienza[1]. Nel caso sia stato redatto un testamento come quello oggetto della domanda, riguardo alla quantità di beni del testatore che la persona, per cui sono stati disposti, riceve, esistono due gruppi di hadìth.

Primo gruppo: secondo alcuni hadìth, una "parte" (juz') è stata interpretata come un decimo, cioè un decimo dei beni dev'essere dato a chi eredita la quota disponibile nel testamento.

Fu chiesto all'imam Sadiq (A) rispetto a un uomo che aveva dato disposizioni per una parte dei propri beni nel testamento; egli rispose: "Il suo significato è un decimo". Molti sapienti basandosi su tali hadìth nella disposizione testamentaria di una "parte" dei beni, considerano obbligatorio un decimo[2].

Secondo gruppo: dalla parte opposta vi sono degli hadìth che interpretano una "parte" nel testamento come un settimo. Tra di essi:

Muhammad ibn Alì ibn Mahbub narra da parte di Ahmad ibn Muhammad ibn Abi Nasr Bazanti che quest'ultimo chiese all'imam Kazim (A) delucidazioni in merito a un uomo che aveva liberamente disposto una parte dei propri beni lasciati in eredità. L'Imam rispose che il significato era un settimo perché Allah dice: "[l'Inferno] ha sette porte, e una parte di essi [coloro che andranno all'Inferno] è stata divisa per ognuna di esse"[3] [4]; quindi la gente dell'Inferno deve essere costituita da sette gruppi affinché come dice il nobile versetto ogni gruppo sia definito "una parte".

Alcuni, basandosi su questo tipo di hadìth, se nel testamento si fa riferimento a "una parte", considerano obbligatorio un settimo[5].

Considerando che le fonti di entrambi i gruppi di hadìth sono state approvate dai sapienti, in un primo momento si ha l'impressione che questi due gruppi si contraddicano. I giurisperiti hanno tuttavia proposto alcune soluzioni, per non escludere nessuno dei due, che riportiamo di seguito:

I proprietari dei beni, in passato, suddividevano questi in parti, alcuni li dividevano in dieci parti, altri in sette. Le volontà testamentarie di un uomo saranno dunque eseguite secondo la sua abitudine nel dividere i beni.[6] Un'opzione più accettata è quella di agire secondo il primo gruppo di hadìth, poiché il principio è quello di mantenere la proprietà per l'erede a cui spetta la quota legittima; in altre parole il principio è quello di prevenire perdite all'erede legittimo. Queste perdite avvengono quando si agisce secondo gli hadìth che interpretano "una parte" come "un settimo".[7] L'opinione degli hadìth del primo gruppo la consideriamo obbligatoria e quella del secondo gruppo, meritoria; cioè "una parte" corrisponde a "un decimo" e ciò viene considerato obbligatorio, però per gli eredi è meritorio, per via del numero degli hadìth, utilizzare "un settimo" dei beni come disposto nel testamento[8].

In ogni caso bisogna considerare che se il defunto ha liberamente disposto di una quantità superiore a un terzo dei propri beni nel testamento, quest'ultimo è valido solamente nel caso che gli eredi accettino tale disposizione[9].

Degna di nota è la risposta dell'ayatollah Mahdi Hadavi Tehrani alla domanda in questione:

"Nel testamento il defunto può disporre liberamente fino a un terzo dei propri beni, senza aver bisogno del permesso degli eredi; per stabilire la quantità è sufficiente basarsi su quella certa, anche se è precauzione meritoria utilizzare il massimo della quantità ipotizzabile per il volere del testamento".

 

[1] Seyyed Hasan Musavi Bojnurdi, Al-Qawa'id al-Fiqhiyyah, vol. 6, pag. 291, Nashr al-Hadi, Qom-Iran, prima stampa, 1419 AH.

[2] Mohammad Taqi Shushtari, Al-Naj'at fi Sharh al-Lum'ah, vol. 8, pag. 230, Ketabforushi-e Saduq, Teheran, prima stampa, 1406 AH.

[3] Sacro Corano, 15:44.

[4] Abu Ja'far  Muhammad ibn Hasan Tusi, Tahzib al-Ahkam, vol. 9, pag. 209, hadìth 828, Dar al-kutub al-islamiyyah, Teheran-Iran, quarta ristampa, 1407 AH.

[5] Mohammad Taqi Shushtari, Al-Naj'at fi Sharh al-Lum'ah, vol. 8, pag. 233, Ketabforushi-e Saduq, Teheran, prima stampa, 1406 AH.

[6] Muhammad ibn Alì ibn Babavayh Qumi Saduq, traduttore Alì Akbar Ghaffari, Man la Yahdhuruh al-Faqih, vol. 6, pag. 50, Saduq, Teheran, prima stampa, 1409 AH.

[7] Miqdad ibn Abdullah Hilli, traduttore Abdul-Rahim 'Aqiqi Bakhshayeshi, Kanz al-'Irfan fi Fiqh al-Qur'an, vol. 2, pag. 585, Qom-Iran, prima stampa; Seyyed Mohammad Hoseyn 'Amili, Al-Zubdah al-Fiqhiyyah fi Sharh al-Rawdhat al-Bahiyyah, vol. 6, pag. 38, Dar al-fiqh lil-tiba'at wa al-nashr, Qom-Iran, quarta ristampa, 1427 AH.

[8] Mohammad Taqi Shushtari, Al-Naj'at fi Sharh al-Lum'ah, vol. 8, pag. 233, Ketabforushi-e Saduq, Teheran-Iran, prima stampa, 1406 AH.

[9] Seyyed Ruhallah Musavi Khomeini, Tawdhih al-Masa'il (Imam Khomeini), pag. 578, questione 2589, prima stampa, 1426 AH.

 

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

  • Le scoperte scientifiche sono incompatibili con gli insegnamenti religiosi?
    5651 Epistemologia 2011/05/15
    La contraddizione tra scienza e religione è una questione importata e riguarda la religione cristiana. Per risolvere questo dubbio all'interno della chiara religione islamica, bisogna considerare alcuni aspetti:1. L'intelletto, nell'Islam, è considerato una prova di Dio e se la scienza dimostra una teoria ...
  • Hammadah era un uomo o una donna? Che genere di personalità era?
    4583 تاريخ بزرگان 2012/05/16
    Nei libri di ilm al rijal[1] è stato riportato che sono vissute due donne col nome di “Hammadah”: una “Hammadah bint Raja'” e l’altra “Hammadah bint al-Hasan”; però, in realtà, pare che questi due nomi appartengano alla stessa persona. Questa donna faceva parte dei ...
  • Quali sono le caratteristiche di una religione rivelata?
    13976 Filosofia della religione 2010/06/30
    1.     Le religioni rivelate sono pari al numero dei Messaggeri di Allah (a).2.     Le religioni rivelate sono la conseguenza del bisogno umano di ricevere il Messaggio divino.
  • Nel nobile versetto “e verranno il tuo Signore e gli angeli schiere su schiere”, qual è il significato di schiera o fila (saff)?
    5369 Esegesi 2012/04/04
    Questo vocabolo e i suoi derivati sono stati utilizzati anche in altri versetti del Corano[1]. Il significato di saff è: collocare delle cose o delle persone su una linea retta come le file della gente o gli alberi di un viale[2].
  • Che età avranno gli abitanti dell’Inferno e quelli del Paradiso?
    5836 Esegesi 2012/05/16
    Il mutamento di aspetto e di età è un fenomeno riguardante questo mondo, mentre l’Aldilà e in particolar modo il Paradiso, non possono essere immaginati come luoghi dove gli esseri umani presentano caratteristiche diverse gli uni dagli altri, ad esempio un gruppo di bambini, uno di adulti, ...
  • La frase “Ogni giorno è Karbalà, ogni luogo è Ashurà” è un hadìth? Qual è la sua fonte di trasmissione e quanto è attendibile?
    7071 Le vite degli Infallibili (S) 2010/12/19
    Non abbiamo trovato nessuna fonte di hadìth che citasse la frase “Ogni giorno è Karbalà, ogni luogo è Ashurà” come hadìth di un Infallibile (A). Tuttavia essa costituisce un’interpretazione corretta dell’insieme degli avvenimenti di Karbalà, della linea di condotta dell’imamato e contiene alcuni messaggi educativi e colmi di ...
  • Come si può definire e dimostrare il miracolo?
    8812 Scienze Coraniche 2013/05/26
    Con miracolo s’intende un atto soprannaturale che da una parte è accompagnato da una sfida e dall’altra corrisponde all’affermazione presentata da colui che compie il miracolo. Un atto è soprannaturale quando supera i limiti delle leggi ordinarie della natura. Quando diciamo che il miracolo è un atto ...
  • Qual è la cura per la riya’?
    8244 ریا 2012/10/21
    La riya’ consiste nel voler mettere in mostra le proprie buone azioni davanti agli altri per ottenere stima e considerazione nella società. La riya’ è l’opposto della devozione sincera. Alcune cure per la riya’ sono: considerare l’ira divina riguardo alla riya’; la nullità della ricompensa ...
  • Guardando il mondo attorno a noi ci rendiamo conto che la maggior parte della gente è inclinata al male e alla corruzione...
    5042 Teologia moderna 2010/07/18
    L’essere umano, secondo la sua indole, è alla ricerca di Dio e della verità, infatti, la maggior parte della gente risponde a quest’attrazione [divina]. Gli esseri umani per natura seguono la verità, però in alcuni casi sbagliano nel riconoscerla. In realtà sono alcuni fattori esterni e interni ...
  • Quali sono i tipi di svelamenti mistici?
    5159 Gnosi pratica 2011/12/21
    Attraverso la manifestazione delle luci divine nel cuore e nelle facoltà sensitive interiori ed esteriori, all’essere umano si aprono le porte degli svelamenti (mukashifah) e delle contemplazioni mistiche. Secondo l’entità della manifestazione di queste luci e proporzionatamente a quanto il cuore e i sensi ne usufruiscano, incominciano ...

Le più visitate

  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    44048 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    32812 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    28588 Etica 2011/12/21
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    28055 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    27527 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    25675 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    20026 Diritto e Precetti 2012/06/09
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è la norma che regola la depilazione femminile delle sopracciglia? E di fronte al marito?
    18420 Diritto e Precetti 2013/12/19
    L'atto di depilare le sopracciglia per le donne, di per sé, non presenta problemi. Nell'Islam è considerato meritorio truccarsi per il marito e una donna che trascuri il trucco e l'abbellirsi per il marito, è biasimata. Pertanto i giurisperiti sciiti, nonostante incitino le donne a rispettare tale ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    17395 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    17276 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...