Ricerca Avanzata
Visite
3828
Data aggiornamento: 2010/09/05
Domanda concisa
Qual è l’obiettivo della creazione? Spiegatene i motivi razionali. Se l’obiettivo è il perfezionamento, perché Dio non ha creato l’uomo già perfetto?
Domanda
Qual è l’obiettivo della creazione? Spiegatene i motivi razionali. Se l’obiettivo è il perfezionamento, perché Dio non ha creato l’uomo già perfetto?
Risposta concisa

Iddio è un Essere Infinito e possiede tutte le perfezioni; il creare è un’emanazione (faydh) e Iddio è il Supremo Emanatore. La perfezione del Suo essere il Supremo Emanatore richiede che crei tutto ciò che è degno di essere creato. Quindi Iddio ha creato perché è il Supremo Emanatore, ed è in questo concetto che troviamo l’obiettivo e il perché della creazione. Dal momento che le caratteristiche intrinseche di Dio non sono esterne alla sua essenza, si può dire che l’obiettivo della creazione è l’ essenza di Dio.

Iddio ha creato l’essere umano con due inclinazioni interne, al bene e al male, e due esortatori esterni, uno al bene (i Profeti) e l’altro al male (i demoni). In questo modo, l’essere umano ha la capacità di raggiungere i più alti livelli di perfezione di una creatura, oppure, degenerare nei livelli più bassi. Se l’essere umano, nonostante le inclinazioni animali e le istigazioni diaboliche, intraprende la retta via, sarà migliore degli angeli, poiché loro non possiedono inclinazioni animali e tentazioni sataniche; mentre se sceglie la strada errata, diventerà inferiore agli animali che non possiedono le capacità spirituali dell’essere umano.

Se Iddio avesse creato, fin dall’inizio, l’essere umano con tutte le perfezioni possibili in lui, non sarebbe stata considerata una perfezione volontaria e Iddio ha già creato prima di lui creature che possiedono tutte le proprie perfezioni dall’inizio. Quindi l’obiettivo della creazione dell’essere umano viene raggiunto quando lui ha la capacità di perfezionarsi e possa farlo tramite il proprio libero arbitrio. I miscredenti e i peccatori che non raggiungono questa perfezione, pur non avendo acquisito l’obiettivo principale della creazione dell’essere umano (cioè il volere legislativo di Dio), tuttavia non sono in contrasto con l’obiettivo cosmologico della Sua creazione, poiché Iddio voleva che potessero scegliere la retta via o quella errata. Se Iddio non avesse reso possibile la scelta della strada deviata all’essere umano, la fede e l’obbedienza a Dio non sarebbero state volontarie.

Risposta dettagliata

Per chiarire la risposta bisogna prestare attenzione ad alcuni punti:

a.     L’obiettivo della creazione da parte di Dio:

1.     Iddio l’Altissimo poiché è un’entità necessaria e la sua esistenza non è legata ad alcunché, non ha nessun limite o carenza, e possiede tutte le perfezioni.

2.     Il Suo essere il Sommo Emanatore e il Generoso sono alcune delle Sue perfezioni. Iddio nel Corano dice: “E la concessione del tuo Dio non è stata ostacolata”[1].

Iddio l’Altissimo, da parte Sua, non ha limiti nel concedere, quindi dove non concede, il motivo va ricercato nella limitatezza di chi riceve, non di chi concede, e ogni cosa degna di essere concessa, sarà donata.

3.     Ogni bene e perfezione provengono dall’esistenza e ogni male e difetto derivano dal nulla. Per esempio il sapere è bene e perfezione, mentre l’ignoranza è male e difetto. Allo stesso modo la potenza di fronte all’incapacità, è perfezione e bene. Diventa dunque chiaro che l’esistenza è bene e, dal lato opposto, ogni male e difetto sono il nulla.

4.     In base al terzo preliminare si può comprendere che l’essere Iddio il Sommo Emanatore e il Generoso si realizza con la creazione. Quindi la necessità dell’essere il Supremo Emanatore è il creare.

In altre parole se una cosa è degna di essere creata e Iddio non la crea, questo non creare in base alla positività dell’esistenza, costituirà un ostacolo per il bene e sarà considerato avarizia che, da parte di Dio, è impossibile. Da questi preliminari deduciamo che alla domanda: cosa ha causato la creazione da parte di Dio? La risposta sarà: il Suo essere il Sommo Emanatore ha causato la creazione.

5.     Gli attributi di Dio non sono addizionali alla Sua essenza. Le caratteristiche dell’essere umano e di altri corpi, sono addizionali alla loro natura. Per esempio la mela ha un’essenza e il colore rosso e la dolcezza sono sue caratteristiche. Il colore e la dolcezza sono esterni all’essenza della mela, poiché può essere anche acida e verde, senza con ciò modificare la propria natura.

La questione dell’unità dell’essenza e degli attributi di Dio è una profonda questione teologica che si può analizzare tramite la scienza del kalam (teologia islamica) nella sezione dedicata all’unicità degli attributi di Dio. Ciò che adesso è importante è il fatto che l’essere il Supremo Emanatore (che è la causa finale della creazione) appartiene all’essenza di Dio e non è esterna a essa. Quindi alla domanda: perché Iddio ha creato? Risponderemo: Poiché è Dio. Perciò la causa finale in realtà è Dio stesso. Questo è lo stesso discorso dei nostri filosofi che dicono: “La causa finale e quella efficiente, nelle azioni di Dio, sono un’unica causa”[2]. Forse possiamo ricavare questo significato da alcuni versetti del Corano[3]: “Tutte le azioni tornano a Lui”[4].

b.     L’obiettivo della creazione umana da parte di Dio:

Ciò che è stato detto era l’obiettivo dell’agente nel principio della creazione; però l’obiettivo dell’agente nella creazione di una creatura caratteristica come l’essere umano, necessita di un punto particolare che, nel caso dell’uomo, è la perfezione esclusiva che Dio voleva creare con la creazione dell’essere umano.

Spiegazione: L’essere il Sommo Emanatore da parte di Dio esige che Egli crei ogni perfezione possibile. Egli prima della creazione umana, aveva creato altre creature chiamate angeli che fin dall’inizio della loro creazione possiedono tutte le eccellenze possibili, in altre parole possiedono già tutte le proprie perfezioni “in atto”; perciò non raggiungeranno mai una nuova perfezione e il loro livello esistenziale non si evolverà. Iddio nel Corano ha riportato alcune parole da parte degli angeli: “Tra noi angeli non c’è nessuno che non possieda un determinato livello e siamo noi che siamo schierati in ranghi e siamo noi che glorifichiamo Allah“[5].

Il nobile Alì (A) disse: “Quindi ha espanso gli alti cieli tra di loro e li ha riempiti di angeli vari. Un gruppo di angeli è sempre in prosternazione senza fare il rukuh, un gruppo esegue continuamente il rukuh senza soffermarsi, un gruppo è fermo in ranghi e non si disperde e un gruppo glorifica perennemente [Allah] senza stancarsi”[6]. Essi adorano Dio e questa è una perfezione che Dio ha donato loro, inoltre non possono disobbedire. Iddio l’Altissimo disse: “Gli angeli non precedono la Sua parola ed essi lavorano per Suo ordine”[7]. Inoltre disse: “Su quel fuoco vegliano angeli violenti e severi che non disobbediscono a ciò che Allah comanda loro ed eseguono quello che viene loro ordinato”[8].

Iddio a causa del Suo essere il Supremo Emanatore, voleva creare, oltre alla perfezione che possiedono gli angeli, una perfezione maggiore che è quella volontaria dell’essere umano, cioè creare un essere che ottenga tutte queste perfezioni con il libero arbitrio. Ha dunque creato l’essere umano, che non possiede tutte le perfezioni di cui è degno fin dall’inizio, però può raggiungerle. È chiaro che la perfezione che l’essere umano ottiene tramite la propria libera scelta, è superiore a quella donata agli angeli. Il Principe dei Credenti (A) disse: “Iddio, il Sublime, ha creato gli angeli dotandoli d'intelletto e non ha posto in loro istinti animali; ha creato invece gli animali provvedendoli dell’istinto animale e non ha posto in loro l’intelletto; infine ha creato l’essere umano con l’intelletto e l’istinto animale. Quindi chi con il proprio intelletto reprime il proprio istinto sarà migliore degli angeli e chi lascia che il proprio istinto domini l’intelletto, sarà inferiore agli animali”.[9]

Pertanto anche nella creazione dell’essere umano la causa efficiente e quella finale, sono l’essere il Sommo Emanatore da parte di Dio. La necessità di questo attributo è che crei anche questo tipo di perfezione possibile, che è la migliore tra esse.

c.     Perché Iddio non ha creato l’essere umano già perfetto:

Prestando attenzione a quanto detto, possiamo comprendere che l’obiettivo della creazione umana viene raggiunto quando l’essere umano ha la capacità di raggiungere la perfezione e la ottiene con le proprie azioni volontarie. Se invece avesse posseduto questa perfezione fin dall’inizio, non sarebbe stata considerata la sua perfezione volontaria e non si sarebbe raggiunto neanche l’obiettivo principale della sua creazione.

Bisogna tenere in considerazione che anche salire un solo gradino della perfezione da parte dell’essere umano, viene considerata perfezione volontaria, raggiungendo così parte dell’obiettivo principale della creazione.

d.     L’essere umano miscredente e peccatore:

Se un essere umano non sale neanche un gradino della perfezione e tutta la sua vita è miscredenza e peccato, non uscirà ancora dall’obiettivo della creazione; poiché egli ha messo in pratica le proprie capacità. L’essere umano ha la capacità di raggiungere anche i livelli più bassi; Iddio l’ha creato in modo che potesse scegliere la via della perfezione o dell’errore. Perciò anche il peccatore e il miscredente non si muovono in direzione opposta al volere cosmologico di Dio. Sì, Iddio preferisce l’elevazione dell’essere umano ai livelli della perfezione e non ama la sua caduta nell’abisso della deviazione. In altre parole Iddio l’Altissimo, nella creazione dell’essere umano, possiede un volere cosmologico e uno legislativo. Il primo è che l’esser umano possa praticare le proprie capacità, siano esse buone o cattive. Il secondo è che l’essere umano pratichi le proprie capacità solamente sulla via della perfezione.

Con questa spiegazione si può dire che il credente ottiene sia l’obiettivo legislativo che cosmologico, ma l’individuo miscredente e peccatore, nonostante non raggiunga l’obiettivo legislativo, non perde quello cosmologico.

N.B: Data l’importanza dell’argomento e la presenza di molte motivazioni, esiste la possibilità di approfondire e continuare l’argomento in questione.



[1] Sacro Corano, 17:20.

[2] Cfr. Tabatabai Mohammad Hosseyn, Al-Mizan, vol. 8, pag. 44; Mesbah Yazdi Mohammad Taqi, Ma’aref-e Qor’an, vol. 1, pag. 154.

[3] Sacro Corano, 2:210; 3:109; 8:44; 22:76; 35:4 e 57:5.

[4] Sacro Corano, 11:123.

[5] Sacro Corano, 37:164-166.

[6] Nahj al-Balaghah, sermone 1.

[7] Sacro Corano, 21:27.

[8] Sacro Corano, 66:6.

[9] Wasa’il al-Shiah, vol. 11, pag. 164.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    24478 Diritto e Precetti
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    23141 Teologia antica
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    21445 Etica pratica
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    18664 Teologia antica
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    15028 Diritto e Precetti
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    14954 Etica
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    14238 Esegesi
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    13851 Diritto e Precetti
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    13260 Teologia antica
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    12750 Filosofia del diritto e dei precetti
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...