Ricerca Avanzata
Visite
6886
Data aggiornamento: 2011/05/22
Domanda concisa
Che cosa significa taqwa?
Domanda
Che cosa significa taqwa?
Risposta concisa

Il taqwa (timore reverenziale) è una forza inibitrice interiore che si crea all’interno dell’essere umano e lo protegge dal compiere atti illeciti. La perfezione del taqwa consiste nell’astenersi, oltre da ciò che è peccato e vietato, anche da ciò che è ambiguo. Il taqwa possiede livelli, ramificazioni ed effetti che riportiamo nella risposta dettagliata.

Risposta dettagliata

Il termine arabo taqwa, in origine, deriva dalla radice “waqa-waqi-wiqayah”, che significa porre se stessi in un rifugio[1]. In ambito religioso significa astenersi dai peccati.

In altre parole il taqwa (timore reverenziale) è una forza inibitrice che si manifesta come uno stato permanente dell’anima e si crea all’interno dell’essere umano, proteggendolo dallo sprofondamento nella concupiscenza e dal commettere atti illeciti. La perfezione del taqwa consiste nell’astenersi, oltre da ciò che è peccato e vietato, anche da ciò che è ambiguo.

Nei versetti e negli hadìth, tra cui i detti dell’imam Alì (A), sono utilizzate diverse metafore e similitudini per il taqwa, ne citeremo una parte:

1.     Provvista – Il Corano paragona il taqwa a una provvista considerandola la migliore: “Fate provviste, ma la provvista migliore è il timor di Allah, e temete Me, voi che siete dotati di intelletto[2].

2.     Veste – Il Corano paragona il taqwa a una veste considerandola la migliore: “Ma l'abito del timor di Allah è il migliore[3].

3.     Fortezza inespugnabile (di fronte al pericolo del peccato) – L’imam Alì (A) disse: “O servi di Dio! Sappiate che il taqwa è una fortezza salda e inespugnabile”[4].

4.     Cavallo domato – Il Principe dei Timorati, Alì (A), in un altro punto dice: “Il taqwa è come un cavallo domato, le cui redini sono nelle mani di chi lo cavalca, e lo guida fino al cuore del Paradiso”[5].

5.     Alcuni sapienti hanno paragonato il taqwa allo stato di una persona che attraversando un terreno ricoperto di piante spinose, cerca di alzare il più possibile i propri abiti e cammina prudentemente affinché le spine non gli feriscano le gambe e non gli strappino il vestito[6]. Da questo paragone si può dedurre chiaramente che il taqwa non consiste nello scegliere di isolarsi, bensì essere presenti nel cuore della società, e se quest’ultima è corrotta, proteggere se stessi[7].

Il taqwa è segno di fede nell’Origine e nel Ritorno, ossia Iddio e la Resurrezione, ed è considerato il criterio di orgoglio dell’essere umano e il metro per misurare la sua personalità nell’Islam[8]. Secondo il Corano, il taqwa è luce divina che dona sapienza dove penetra[9].

 

I livelli del taqwa

Il taqwa possiede dei livelli. Alcuni sapienti affermano che siano tre:

1.     Proteggere l’anima dall’eterno castigo acquisendo le credenze corrette.

2.     Astenersi da ogni tipo di peccato, sia che si tratti di trascurare un obbligo che compiere un atto proibito.

3.     Astenersi da ciò cui viene attirato l’essere umano e lo allontana da Dio. Questo è il taqwa dei servi speciali, ossia il taqwa speciale[10].

 

Le ramificazioni del taqwa

Il taqwa possiede diverse ramificazioni, ad esempio: economico, sessuale, sociale, politico, etico, ecc. L’essere umano timorato e che possiede taqwa, è colui che rispetta tutti questi aspetti del taqwa.

 

Gli esiti del taqwa

Il taqwa genera molti esiti positivi nella vita umana; ne citiamo alcuni:

1.     Auto-edificazione – L’imam Alì (A) disse: “Il taqwa è una qualità ed educazione spirituale attraverso la quale viene formata e curata l’anima umana”[11].

2.     Senso di responsabilità – Colui che è dotato di taqwa non volta le spalle alle responsabilità religiose, bensì le accetta volentieri e ne sopporta le difficoltà e i problemi.

3.     Libertà – Il taqwa è un mezzo per liberarsi da ogni schiavitù. Colui che è dotato di taqwa non s’inginocchia di fronte alla concupiscenza, non si arrende di fronte al potere e altri appetiti del proprio istinto, quindi è al sicuro da ogni rovina.

4.     Beatitudine nell’Aldilà – Il taqwa è la chiave per essere guidati e colui che ne è dotato, compiendo azioni positive e percorrendo il giusto sentiero, oltre ad essere beato in questo mondo, riuscirà ad ottenere e raccogliere delle ricompense per l’Aldilà.



[1] Husayn ibn Muhammad Ragheb Esfahani, Mufradat fi gharib al-Qur'an, vol. 1, pag. 881, voce “wa-qa-ia”, Dar al-'ilm al-Dar al-Shamiyyah, Damasco, Beirut, 1412 AH.

[2] Sacro Corano, 2:197.

[3] Sacro Corano, 7:26.

[4] Nahj al-Balaghah, sermone 157.

[5] Nahj al-Balaghah, sermone 16.

[6] Husayn ibn Alì Abu al-Futuh Razi, Rawdh al-Jinan wa Ruh al-Jinan fi tafsir al-Qur'an, vol. 1, pag. 101, Boniad-e pejuheshha-ye eslami astan-e qods-e razavi, Mashhad, 1408 AH; Naser Makarem Shirazi, Tafsir-e Nemune, vol. 1, pag. 80, Dar al-kutub al-islamiyyah, prima stampa, Teheran, 1995.

[7] Naser Makarem Shirazi, Tafsir-e Nemune, vol. 22, pag. 204.

[8] Presso Allah, il più nobile di voi è colui che più Lo teme. (Sacro Corano, 49:13).

[9] “Temete Allah, è Allah che vi insegna”. (Sacro Corano, 2:282).

[10] Naser Makarem Shirazi, Tafsir-e Nemune, vol. 22, pag. 205; Allamah Majlesi, Bihar al-Anwar, vol. 70, pag. 136, Mu'assisat al-Wafa', Beirut – Libano, 1404 AH.

[11] Nahj al-Balaghah, sermone 193 (sermone dei timorati).

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    24169 Diritto e Precetti
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    22945 Teologia antica
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    20636 Etica pratica
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    18065 Teologia antica
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    14243 Diritto e Precetti
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    14092 Etica
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    14048 Esegesi
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    13285 Diritto e Precetti
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    12978 Teologia antica
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    12549 Filosofia del diritto e dei precetti
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...