Visite
2398
Data aggiornamento: 2011/05/15
Domanda concisa
Negli hadìth è stato riportato: “I credenti quando s’incontrano hanno un viso affabile e sorridente”, questo vale anche per la vita matrimoniale?
Domanda
Considerando che il credente è chi ha un viso affabile e allegro, quando si rattrista, è meglio che nasconda questo dispiacere al consorte e si confidi con Dio, oppure condivida la sensazione di dolore e tristezza? Secondo voi, qual è la cosa migliore?
Risposta concisa

Una delle caratteristiche del credente citata negli hadìth, è di mostrarsi con un viso affabile e sorridente agli altri e nascondere i propri dispiaceri. Da questa caratteristica nascono attrazione e amicizia. Nella vita matrimoniale questo concetto è diverso, poiché marito e moglie condividono sia i dispiaceri che le gioie. Più è profondo il loro legame affettivo, maggiormente saranno al corrente dei propri problemi e non vi sarà motivo di nascondersi le avversità della vita.

Lo scopo del mostrarsi sereni e nascondere i dispiaceri, è di aumentare la confidenza e l’affetto tra gli individui; poiché questi elementi sono già presenti in una coppia, conoscere i segreti dell’altro permette agli sposi di aiutarsi a vicenda nel risolvere i problemi.

Naturalmente questo vale per i coniugi che rispettino i principi etici e religiosi nella propria vita comune. Se invece, Dio non voglia, moglie e marito non condividono un’armonia etica e religiosa, è meglio che celino i propri dispiaceri.

Risposta dettagliata

Una delle cose che influenza maggiormente il nostro perfezionamento è il buon comportamento. Esso è la ragione più importante per la quale è stato inviato il Profeta (S). Egli dice: “Io sono stato inviato per perfezionare le caratteristiche etiche gradevoli”[1]. Il Profeta, tra tutte le caratteristiche positive, cita il viso affabile e sereno come esempio di un buon comportamento; negli hadìth è stato descritto in questo modo:

caratteristica del credente[2], caratteristica degli individui liberi e misericordiosi, la prima virtù, estinguitore del fuoco dell’Inferno, corda dell’amicizia, fonte di confidenza ed è come invitare un ospite, vale a dire un viso affabile ha la stessa ricompensa dell’ospitare la gente[3].

Un'altra caratteristica raccomandata negli insegnamenti religiosi, è che il credente trattenga le avversità e i dispiaceri nel proprio cuore e li nasconda agli altri. Dal rispetto di questa esortazione scaturiscono molti esiti positivi. L’imam Baqir (A) disse: “Ci sono quattro cose che sono inestimabili tesori: nascondere il bisogno, nascondere l’elemosina, nascondere la malattia e nascondere le avversità”[4].

Informare o meno il coniuge del proprio dispiacere, dipende dal tipo di legame che unisce la coppia. Più marito e moglie sono vicini dal punto di vista del credo e dell’etica, più sarà utile conoscere i rispettivi problemi, poiché condividono una vita comune e possono aiutarsi a risolvere le carenze della vita e condurre un’esistenza più gradevole.

Informare il coniuge consapevole dei doveri islamici, in merito ai problemi della vita, rafforza la famiglia, e il risultato sarà il compiacimento di Iddio e l’ingresso nel Paradiso. Al riguardo c’è un hadìth a cui è necessario prestare attenzione: “Un uomo andò presso il Profeta (S) e disse: «O Inviato di Allah! Ho una moglie che quando torno a casa mi viene incontro e quando esco, mi accompagna all’uscita. Se mi vede triste mi dice: ‘Non preoccuparti; se ti preoccupi del pane quotidiano, Iddio si è incaricato di provvedere, se invece pensi e ti preoccupi dell’Aldilà, che Iddio aumenti la tua preoccupazione e pensiero’». Il Profeta (S) disse: «Annunciale la lieta novella che andrà in Paradiso e dille che lei è un’aiutante di Dio e per ogni giorno le sarà data la ricompensa di settanta martiri»”[5].



[1] Mohammad Baqer Majlesi, Bihar al-Anwar, vol. 67, pag. 371, Mu'assasat al-Wafa', Beirut, 1404 AH.

[2] Ivi, vol. 64, pag. 305.

[3] 'Abd al-Wahid Amidi, Ghurar al-Hikam, vol. 1, pag. 434, Entesharat-e daftar-e tablighat, Qom, 1987.

[4] Mohammad Baqer Majlesi, Bihar al-Anwar, vol. 75, pag. 175, Mu'assasat al-Wafa', Beirut, 1404 AH.

[5] Hasan ibn al-Fadhl Tabarsi, Makarim al-Akhlaq, vol. 1, pag. 200, Entesharat-e Sharif-e Razi, Qom, 1412 AH.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    22176 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    20536 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    17363 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    15447 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    13301 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    11878 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    11765 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    11441 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    11001 Diritto e Precetti 2012/06/09
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    10752 Etica 2011/12/21
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta