Visite
2850
Data aggiornamento: 2011/09/17
Domanda concisa
L’hadìth: “O Alì, in tre casi la menzogna è positiva: in guerra, nel fare una promessa alle donne e nel riconciliare la gente”, è contrario al punto di vista persiano in merito alla menzogna, per esempio il detto di Ciro: “L’uomo persiano non mente, anche quando sta morendo in guerra”?
Domanda
Punto di vista arabo: Muhammad (S) disse ad Alì (A): “O Alì, in tre casi la menzogna è positiva: in guerra, nel fare una promessa alle donne e nel riconciliare la gente” (Wasa’il al-Shi'ah, vol. 12, pag. 252).
Domanda: l’hadìth citato è corretto? È contrario ai detti seguenti?
Punto di vista persiano:
Dario achemenide: “Che Ahura Mazda allontani la menzogna dalla mia terra e dalla mia gente”.
Ciro il Grande: “L’uomo persiano non mente neanche mentre sta morendo in guerra”.
Risposta concisa

Sebbene la sincerità e la lotta alla menzogna rivestano una grandissima importanza negli insegnamenti islamici e normalmente (almeno apparentemente o esteriormente) siano considerate un principio nella maggior parte delle civiltà umane, tuttavia in alcune circostanze, se dalla bugia dipende un interesse che è più importante della bassezza della menzogna, è permesso mentire e quindi questi detti attribuiti a Ciro e Dario non possono essere accettati in modo assoluto.

Risposta dettagliata

In merito all’hadìth cfr. le risposte alle domande “I casi in cui è permesso mentire” e “Il marito che mente alla moglie”.

Confrontando gli insegnamenti islamici con i detti attribuiti a Dario e Ciro bisogna dire che la sincerità e la lotta alla menzogna rivestono una grandissima importanza nell’Islam. L’imam Sadiq (A) disse: “Non guardate le lunghe genuflessioni e prosternazioni delle persone, poiché è possibile che sia diventata una loro abitudine e se la trascurano si irritino; guardate invece la loro sincerità e la loro affidabilità nel custodire le cose”[1]. Questo vuol dire che la sincerità e l’affidabilità sono i criteri della positività e della fede delle persone.

Nonostante la sincerità e la lotta alla menzogna rivestano una grandissima importanza negli insegnamenti islamici e normalmente (almeno apparentemente ed esteriormente) siano considerate un principio nella maggior parte delle civiltà umane, però in alcune circostanze, se dalla bugia dipende un interesse che è più importante della bassezza della menzogna, è permesso mentire e quindi questi detti attribuiti a Ciro e Dario achemenide, non possono essere accettati in modo assoluto. Per esempio:

Se un’informazione totalmente vera e corretta data a un assassino professionista causasse la morte di un individuo assolutamente innocente, lei o qualsiasi altro individuo razionale, accetterebbe ciò?!

Se con un’informazione veridica si rovinasse una vita famigliare, anche se vi fosse chiesto qualcosa al riguardo, rispondereste correttamente rovinando quella famiglia?!

Se grazie a una piccola menzogna si potesse stabilire la pace tra due paesi o gruppi che da anni sono in contrasto e in guerra, evitereste di mentire con la scusa di affermare il vero?! Ecc.

È molto difficile che re intelligenti come Ciro o qualsiasi altro individuo razionale, non vedano queste sottigliezze basate sulla menzogna e affermino delle cose illogiche.

Se in alcuni hadìth troviamo il permesso per mentire in alcuni casi, certamente si tratta di casi simili a quelli citati, dove le conseguenze positive della menzogna sono più rilevanti della bassezza del mentire stesso.

Per approfondire cfr. le domande:

“I casi in cui è permesso mentire”.

“Il marito che mente alla moglie”.



[1] Safinat al-Bihar, voce “sidq”; Al-Kafi, vol. 2, pag. 104, Dar al-kutub al-islamiyyah, Teheran, 1986.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    22267 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    21100 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    17653 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    15679 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    13395 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    12025 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    11868 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    11825 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    11496 Diritto e Precetti 2012/06/09
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    11050 Etica 2011/12/21
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta