Ricerca Avanzata
Visite
5083
Data aggiornamento: 2012/04/04
Domanda concisa
Quando il padre caccia di casa la madre in seguito a problemi famigliari, che ruolo devono avere i figli?
Domanda
Quando il padre caccia di casa la madre in seguito a problemi famigliari, che ruolo devono avere i figli?
Risposta concisa

Si deve tenere presente che nei versetti del sacro Corano e negli hadìth degli Infallibili (A), il fare del bene al padre e alla madre e il rispetto nei loro confronti sono stati affiancati ai principi fondamentali dell’Islam, ossia il monoteismo e la conoscenza di Dio. Questo dimostra l’importanza del ruolo paterno e materno nella vita dell’essere umano e l’influenza diretta delle loro suppliche per una fine propizia dei figli. Pertanto, in caso di conflitto padre-madre, è necessario che i figli, con rispetto e un’attenzione particolare per la posizione di entrambi i genitori, si comportino in modo adeguato affinché questo conflitto sia risolto e altresì non infastidisca nessuno. Infatti il Profeta dell’Islam (S) disse: “L’obbedire al padre equivale all’obbedire a Dio e l’infastidire il padre corrisponde all’infastidire Iddio”.

È degno di nota che il modo migliore di ordinare il bene e vietare il male, consiste nell’approccio non verbale, cioè insegnare al prossimo la giusta condotta comportandoci a nostra volta correttamente. Le nostre guide religiose agivano proprio in questo modo.

Alla luce degli insegnamenti religiosi, consigliamo alcune soluzioni:

1) I figli intervengano direttamente, rispettando i genitori e, con il massimo della tranquillità, risolvano il loro conflitto. 2) Coinvolgere qualcuno che il padre e la madre accettano, invitandolo a svolgere il ruolo di anziano e a risolvere questo problema. 3) Invitarli a rivolgersi ai centri di consulenza per ottenere i consigli necessari da professionisti delle scienze formative. 4) Se il padre e la madre sono dei lettori, procurare loro dei libri educativi e religiosi.

In ogni caso i figli, valutando i pro e i contro, analizzando il problema dei genitori e considerando le soluzioni proposte, possono intervenire nel conflitto padre-madre e porvi fine con il massimo del rispetto.

Risposta dettagliata

Gli esegeti del sacro Corano, gli psicologi e i professionisti del campo educativo, in merito alla modalità di approccio da parte dei figli in caso di conflitto tra i genitori e considerando fonti religiose attendibili, hanno avanzato alcune soluzioni:

  1. Primo metodo: i figli agiscano direttamente. Per procedere con questo metodo i figli devono considerare l’età e la cultura del padre e della madre, al fine di ottenere un risultato adeguato con un comportamento corretto. Maggiore è l’età del padre e della madre, più saranno infastiditi dalle critiche dei figli. Bisogna perciò fare attenzione affinché l’atteggiamento dei figli non infastidisca il padre e la madre, infatti secondo i nostri insegnamenti religiosi l’infastidire il padre equivale al fuoco dell’Inferno[1]; inoltre Iddio, nel sacro Corano, ha proibito di infastidire il padre e la madre[2]. Anche la posizione del figlio presso i genitori è una condizione da tenere presente, cioè un figlio deve considerare anche la propria posizione nel caso si facesse avanti per dare un consiglio: sarebbe accettato o la situazione degenererebbe ancor di più? Per esempio se in una famiglia vi sono quattro figli, si deve valutare quale dei quattro è più amato dai genitori affinché sia quello a farsi avanti e a spiegare le soluzioni adatte, poiché ha più possibilità di successo rispetto agli altri figli. Al riguardo non c’è differenza tra maschio o femmina, anche se si trattasse del figlio minore.
  2. Secondo metodo: coinvolgere qualcuno che il padre e la madre accettano, invitandolo a svolgere il ruolo di anziano e a risolvere questo problema. Questa persona può essere un parente prossimo, come un nonno, una nonna o uno zio, oppure un caro amico del padre e della madre. In ogni caso invitatelo a farsi avanti e a trovare una soluzione.
  3. Terzo metodo: invitarli a rivolgersi ai centri di consulenza per ottenere i consigli necessari da professionisti delle scienze formative.
  4. Quarto metodo: la lettura. Con questo metodo, se il padre e la madre sono dei lettori, procurate loro dei libri educativi e religiosi che possano influenzarli, affinché li studino o i figli stessi, leggendoli, possano trovare dei metodi adeguati sul come rivolgersi ai genitori in questi casi.
  5. Quinto metodo: ascoltare file audio. Secondo questo metodo il padre e la madre possono procurarsi le registrazioni di discorsi educativi realizzati da sapienti o professionisti del campo, ascoltarli e risolvere così il proprio problema. Anche i figli possono procurarsi questo tipo di registrazioni e ascoltarle per trovare una soluzione adeguata e agire direttamente in prima persona, compiendo ciò che è necessario per risolvere il problema.

In ogni caso i figli, valutando i pro e i contro, analizzando il problema dei genitori e considerando le soluzioni proposte, possono intervenire nel conflitto padre-madre e porre fine a quest’ultimo con il massimo del rispetto.

 


[1] Kulayni, Usul al-Kafi, traduzione Mostafavi, vol. 4, p. 49, capitolo “Huquq va azardan-e pedar va madar”, Ketab forushi 'elmiyyeh eslamiyyeh, Teheran, prima stampa.

[2] Sacro Corano, 17:23.

 

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    21780 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    20002 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    16123 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    14478 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    12869 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    11377 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    11285 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    10094 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Come si può curare l’invidia?
    9885 Etica teorica 2011/08/13
    L’invidia è un’inclinazione dell’animo per cui ci si sottovaluta, in seguito alla quale l’individuo desidera che un’altra persona non abbia un bene che possiede.Per guarire da quest’attitudine si consigliano le seguenti soluzioni:1.
  • Cos’è lo sharab tahur (bevanda purificante)?
    9642 Teologia antica 2010/10/07
    Sharab nella terminologia araba significa bevanda e tahur ciò che è puro e purifica. Dai vari versetti del Corano si comprende che in Paradiso sono presenti diverse bevande salubri, pure e di qualità diverse. In un versetto del Corano è stato utilizzato il termine ...

Links