Ricerca Avanzata
Visite
3806
Data aggiornamento: 2013/05/26
Domanda concisa
Com’è possibile che un profeta a conoscenza di tutti i segreti del mondo fosse illetterato?
Domanda
Alcuni, considerato il termine ummi utilizzato nel Corano, sostengono che il Profeta (S) non era in grado di leggere né di scrivere. 1. Questa informazione è corretta? 2. Com\'è possibile che un profeta in grado di leggere l\'universo e conscio dei misteri del mondo non sappia né leggere né scrivere?
Risposta concisa
È chiamato ummi (illetterato) colui che non ha imparato né a leggere né a scrivere. Anche il nobile Profeta (S) viene definito ummi perché non ha imparato da nessuno né a leggere né a scrivere. Storicamente, questo fatto è chiaro e certo, e viene considerato una perfezione del profeta Muhammad (S), un motivo di elogio e una prova della sua missione e miracolosità. Infatti, l'importanza e il valore della lettura e della scrittura come arte, consistono nel fatto che una persona può utilizzare questi strumenti per usufruire delle idee e dei pensieri altrui - tramite le opere che hanno lasciato - per aumentare le proprie conoscenze. Colui cui Dio ha insegnato tutte le scienze in una volta sola, dalla prima all'ultima, che nessun’altra persona sarebbe in grado di ottenere, che bisogno ha di saper leggere e scrivere?
Tra le caratteristiche del Profeta (S), essere ummi è un segno della sua profezia e una prova della sua missione; grazie ad essa (tale caratteristica) egli possedeva tutte le conoscenze, dalla prima all'ultima, informava in merito all'occulto del cielo e della terra, e invitava la gente alla retta via.
 
Risposta dettagliata
Questa domanda si compone di due parti:
1. Cosa significa che il Profeta (S) era ummi?
2. Se essere ummi significa essere analfabeti, ciò come fa a trovare rispondenza al fatto che il Profeta leggeva l'universo e conosceva i segreti del mondo?
In risposta alla prima parte dobbiamo dire che viene definito ummi (illetterato) chi non ha imparato né a leggere né a scrivere[1]. Anche il Profeta (S) viene definito ummi perché non imparò né a leggere né a scrivere da nessuno[2]. Il fatto che il Profeta dell'Islam (S) era ummi, storicamente, è una questione chiara e certa, poiché la storia testimonia che egli, sia prima che dopo l'investitura profetica, non imparò né a leggere né a scrivere da alcun insegnante. Questo perché, da un lato, la maggior parte della gente dell'Hijaz all'epoca del Profeta (S) era analfabeta e non sapeva quindi né leggere né scrivere, e dall'altro, tra di loro non esisteva una figura professionale dedita all'insegnamento. Pochi di loro possedevano tale scienza: in totale solo diciassette persone. Se il Profeta Muhammad (S) avesse imparato a leggere e scrivere da qualcuno della comunità, certamente la gente l’avrebbe saputo[3].
Inoltre, considerando la presenza di dissidenti che cercavano qualsiasi modo per accusare quel Nobile e attribuirgli caratteristiche improprie, se egli fosse stato alfabeta, naturalmente l'opposizione non l'avrebbe ignorata e avrebbe sostenuto che il Profeta (S), considerata la sua capacità di leggere e scrivere, aveva ottenuto tali insegnamenti da altri e che essi non avevano alcuna origine celeste[4].
Gli eventi storici indicano che il Profeta (S) anche a Medina, dopo l'investitura a profeta, non lesse né scrisse alcun testo; il trattato di Hudaybiyyah ne è uno degli esempi più famosi[5].
Il Santo Corano per questa realtà, oltre al termine ummi, ha utilizzato anche altre espressioni, come: “Prima di questo non recitavi alcun Libro e non scrivevi con la tua destra; [ché altrimenti] coloro che negano la verità avrebbero avuto dubbi[6]. Oppure, in un altro versetto dice: “Tu prima non conoscevi né la Scrittura, né la fede...[7][8].
Come può invece esserci rispondenza tra l'essere ummi e un profeta che conosce tutti i segreti dell'universo? In risposta dobbiamo dire che, sebbene nei versetti riguardanti l’essere ummi, il Profeta (S) e gli altri sono stati citati con un attributo comune[9], tuttavia tra l'essere ummi del Profeta (S) e quello degli altri c'è molta differenza. Quel che è certo è che ummi non ha lo stesso significato in tutti questi, poiché in merito al popolo ebraico è stato utilizzato per rimproverare, il Corano dice: "E tra loro ci sono illetterati (comuni persone mortali), che hanno solo una vaga idea delle Scritture, sulle quali fanno vane congetture"[10], e riguardo agli arabi dice: "E di' a coloro che hanno ricevuto il Libro e agli illetterati: «Vi siete sottomessi?»"[11], anche in questo caso è considerato come un difetto, mentre per il Profeta (S) è un attributo di perfezione, elogio e prova della sua missione e miracolosità. Come l'attributo di orgoglio che per il Signore dell'universo è un attributo di lode, mentre per altri all'infuori di Lui ha una valenza negativa[12], poiché l'importanza e il valore della lettura e della scrittura come arte, sono che una persona possa utilizzare questi strumenti per usufruire delle opinioni e dei pensieri altrui tramandati nelle loro opere, affinché aumenti le proprie conoscenze. Il Profeta (S), che era il più intelligente e sapiente della gente e il più nobile delle creature, non aveva bisogno delle conoscenze umane da necessitare di imparare a leggere e scrivere. Colui cui Dio ha insegnato tutte le scienze, dalla prima all'ultima, in una volta sola, che nessuna persona sarebbe in grado di ottenere, che bisogno ha di saper leggere e scrivere?
Per questo motivo alcuni esegeti hanno detto: “Tra le caratteristiche del Profeta, essere ummi è un segno della sua profezia e una prova della sua missione, grazie ad essa (tale caratteristica) possedeva tutte le conoscenze dalla prima all'ultima, informava in merito all'occulto del cielo e della terra, e invitava la gente alla retta via”[13].
L'utilizzo dell'attributo ummi per il Profeta (S), e ummiyyn (pl. di ummi) per la gente araba è per rendere consapevoli le persone dell'infinita potenza di Dio, che tra gente ignorante e analfabeta, ha elevato un uomo illetterato e senza studi, per leggere loro i versetti di Dio, purificarli dalle loro false credenze e insegnare loro il Libro, la scienza e la saggezza[14]. In tal modo, considerato che il Corano è composto di numerose scienze, il fatto che è stato portato da qualcuno che non ha imparato né a leggere né a scrivere, è considerato un miracolo divino[15].
Per ulteriori informazioni, cfr.: Dayirat al-Ma'arif Farhangh-e Qor'an, lemma ummi.
 

[1] Dizionario Dehkhoda, vol. 2, p. 1901.
[2] Farhangh-e Estelahat va Taˈbirat-e Erfani, p. 135; dizionario Dehkhoda, vol. 2, p. 2902.
[3] Baladhuri, Futuh al-Buldan, p. 459.
[4] Per maggiori informazioni, cfr.: Morteza Motahhari, Majmuˈe-ye Athar, vol. 3, pp. 205 e 206.
[5] Morteza Motahhari, Majmuˈe-ye Athar, vol. 3, p. 219.
[6] Sacro Corano, 29:48:
" وَ ما كُنْتَ تَتْلُوا مِنْ قَبْلِهِ مِنْ كِتابٍ وَ لا تَخُطُّهُ بِيَمينِكَ إِذاً لاَرْتابَ الْمُبْطِلُون."
[7] Sacro Corano, 42:52:
"ما كُنْتَ تَدْري مَا الْكِتابُ وَ لاَ الْإيمان‏."
[8] Morteza Motahhari, Majmuˈe-ye Athar, vol. 3, p. 228.
[9] Il Corano cita l’analfabetismo degli altri con il plurale di ummi: ummiyyun in un versetto (2:78) e ummiyyin in tre versetti (3:20 e 75, e 62:2).
[10] Sacro Corano, 2:78:
"وَ مِنهُمْ أُمِّيُّونَ لَا يَعْلَمُونَ الْكِتَابَ إِلَّا أَمَانِيَّ وَ إِنْ هُمْ إِلَّا يَظُنُّون‏."
[11] Sacro Corano, 3:20:
"وَ قُل لِّلَّذِينَ أُوتُواْ الْكِتَابَ وَ الْأُمِّيِّنَ ءَ أَسْلَمْتُمْ."
[12] Al-Tafsir al-Kabir, vol. 5, pag. 244.
[13] Kashf al-Asrar, vol. 1, pag. 244.
[14] Tafsir-e Novin, p. 7.
[15] Al-Tafsir al-Kabir, vol. 5, pag. 380.
Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    21256 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    19343 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    14522 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    12975 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    12363 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    10962 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    10509 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Come si può curare l’invidia?
    9301 Etica teorica 2011/08/13
    L’invidia è un’inclinazione dell’animo per cui ci si sottovaluta, in seguito alla quale l’individuo desidera che un’altra persona non abbia un bene che possiede.Per guarire da quest’attitudine si consigliano le seguenti soluzioni:1.
  • Cos’è lo sharab tahur (bevanda purificante)?
    9073 Teologia antica 2010/10/07
    Sharab nella terminologia araba significa bevanda e tahur ciò che è puro e purifica. Dai vari versetti del Corano si comprende che in Paradiso sono presenti diverse bevande salubri, pure e di qualità diverse. In un versetto del Corano è stato utilizzato il termine ...
  • Chi era la tribù di Gog e Magog? Che fine ha fatto? Come reagì Zu al-Qarnayn di fronte ad essa?
    8759 Esegesi 2011/05/09
    Dall’insieme dei versetti del Corano, delle informazioni della Bibbia e delle testimonianze storiche, si può concludere che queste popolazioni risiedevano nei territori nord-asiatici e con le loro barbare invasioni sconvolgevano i territori meridionali e occidentali. Grazie alla barriera di Zu al-Qarnayn, la loro invasione fu fermata per ...

Links