Visite
2779
Data aggiornamento: 2010/09/20
Domanda concisa
Dio dice al Suo Profeta (S): “Di’: ‘Io non possiedo da me stesso né danno né profitto all'infuori di ciò che vuole Allah’”; chiedere l’intercessione, la guarigione o fare una richiesta al Profeta (a), non è in contraddizione con questo versetto?
Domanda
Dio dice al Suo Profeta (S): “Di’: ‘Io non possiedo da me stesso né danno né profitto all'infuori di ciò che vuole Allah’”; chiedere l’intercessione, la guarigione o fare una richiesta al Profeta (a), non è in contraddizione con questo versetto?
Risposta concisa

Questo versetto intende dimostrare l’unicità di Dio nelle azioni[i] e negare l’indipendenza del Profeta (S) da Dio nell’essere e negli aspetti dell’essere. Esso non è pertanto in contraddizione con i versetti che attribuiscono il soggetto delle azioni, l’intercessione, ecc., col permesso e il volere di Dio, al Profeta (S) stesso e ci ordinano di rivolgerci ai devoti di Dio e al Profeta (S); infatti la sua intercessione, l’esaudire le nostre richieste e il guarire i malati, come tutte le altre sue azioni, sono continuazione dell’agire divino e vengono compiute col permesso e il volere di Dio.

In realtà, il Profeta (S), con questo versetto e altri simili, nega una sua possibile pretesa di divinità o sovranità, al contrario dei cristiani e dei ghali, che credono rispettivamente nella divinità del profeta Gesù (A) e dell’imam Alì (A), o coloro che considerano propri signori i padri della Chiesa e preferiscono le loro regole a quelle di Dio. Sebbene ci sia stato ordinato di rivolgerci a queste nobili persone e di rispettarle, non dobbiamo mai innalzarle al livello di divinità o sovranità e considerarle sullo stesso piano di Dio. Inoltre, abbiamo l’obbligo di seguire l’esempio del Profeta (s) e considerare la nostra esistenza e le perfezioni un dono divino per non montare in orgoglio.



[i] Cioè Dio è l’unico soggetto da cui provengono le azioni e tutte le azioni, anche quelle umane, non possono essere commesse senza il Suo permesso.

Risposta dettagliata

Il versetto 49 della sura Yunus (10) e altri versetti simili negano solo l’indipendenza del Profeta (s) da Dio nella sua esistenza e nell’essere l’unico soggetto delle sue azioni. Quando viene negata questa indipendenza riguardo alla più importante creatura dell’Universo, essa viene negata anche per gli altri esseri umani e le altre creature.

Questo versetto è una spiegazione dei versetti 64, 79, e 80 della sura Ali 'Imran (3), che nega che i veri Profeti di Dio (a) abbiano avuto pretese di divinità o sovranità e proibisce alla gente di avere simili credenze.

In questo versetto, il Profeta (s) invece di presentarsi come il soggetto e padrone assoluto e indipendente delle sue azioni, con pretese di divinità o sovranità, considera tutti i suoi aspetti esistenziali dipendenti da Dio, citando come esempio il danno e il profitto, per la loro essenzialità nelle azioni umane; infatti, lo scopo della maggior parte degli individui nelle loro azioni è trarre profitto ed evitare il danno. In ogni caso, tutti gli aspetti esistenziali di tutte le creature, tutte le loro azioni e perfezioni provengono da Dio, non solo il profitto e il danno.

La sostanza dell’unicità di Dio nelle azioni e nelle caratteristiche (cioè che tutte le perfezioni esistenziali sono doni di Dio e Lui solo è la perfezione assoluta e la fonte della perfezione) è che l’essere umano consideri se stesso, le sue perfezioni, il suo potere e le sue azioni appartenenti a Dio. Egli non deve considerare se stesso o altri la fonte, e se ottiene un bene:

  1. Non si comporti come Qarun che pensava di essere lui l’unico soggetto di tutte le sue azioni e diceva: “Ho ottenuto tutto ciò grazie alla scienza che possiedo”[1].

  2. Non sia come gli egizi che pensavano fosse tutto in mano ad altri e credevano nella divinità e sovranità del Faraone[2].

  3. Non sia come il Faraone e Namrud che pensavano di essere i padroni e gridavano: “Sono io il vostro signore, l'altissimo”[3].

  4. Non pensi che esso proviene da altri e Dio associati, senza che il primo sia un intermediario di Dio, e non dica: “Prima Dio, e poi il tale hanno risolto il mio problema”, altrimenti in questo caso sarà un politeista e non un monoteista! In ogni situazione deve ringraziare Dio che gli ha donato la capacità, la forza o una perfezione, o gli ha risolto una difficoltà per mezzo di uno dei suoi intermediari.

Ed è questa la lezione che questo versetto e altri simili vogliono darci: il Profeta (s) è per gli esseri umani un nobile esempio, affinché più si innalzano spiritualmente, più aumenti la loro conoscenza e umiltà verso Dio e più di prima siano riconoscenti dei doni divini[4].

Perciò questi versetti, che negano la divinità e la sovranità indipendente del Profeta (s) non sono in contraddizione con quelli che ci ordinano di rivolgerci a lui per fare le nostre richieste, risolvere i nostri problemi, chiedere la guarigione o l’intercessione, ecc., o che dimostrano queste loro facoltà; infatti, nei primi è negata l’indipendenza e nei secondi, l’agire degli esseri umani è una continuazione di quello divino e avviene con il Suo permesso. Allo stesso modo i miracoli del profeta Gesù (a) vengono attribuiti a lui, però specifica la condizione “con il Mio permesso”[5] per negare l’aspetto divino e l’indipendenza che altri gli attribuiscono.

Dobbiamo quindi prestare attenzione a non ritenere essi stessi la fonte, indipendente da Dio, delle loro azioni e atti miracolosi, e, seppur rispettandoli, dobbiamo considerarli altro rispetto al Creatore e dipendenti da Lui, essendoGli riconoscenti e Suoi servi.

 

Fonti per l’approfondimento:

Javadi Amoli Abdollah, Mara'el-e akhlaq da Qor'an, Nashr-e Esra', Qom.

Allamah Tabatabai Mohammad Hosseyn, Barresiha-ye eslami, Nahsr-e hejrat, Qom, pp. 269-277.

Cfr. Tafsir al-Mizan e altri tafsir, concernenti i versetti 10:49, 3:64-79-80.



[1] Sacro Corano 28:76-82.

[2] Sacro Corano 43:54.

[3] Sacro Corano 79:24.

[4] Cfr. Javadi Amoli Abdollah, Mara'el-e akhlaq da Qor'an, Nashr-e Esra', Qom, pp. 86-101.

[5] Sacro Corano, 5:110.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

  • La condanna per apostasia necessita della sentenza dell’autorità religiosa (hakim)?
    3012 Miscredente 2012/06/14
    La sua domanda è stata posta agli uffici dei grandi marja' taqlid e le loro risposte sono le seguenti: Ayatollah Khamenei: L’apostasia non necessita della sentenza dell’autorità religiosa. Se la negazione di qualsiasi principio essenziale della religione conduce al negare la profezia o ...
  • Esistono elementi mutabili nell’Islam?
    2518 Teologia moderna 2010/06/30
    Le religioni divine si compongono di due parti: una parte di elementi religiosi immutabili e un'altra di elementi mutabili. La parte composta di elementi immutabili e universali, uguali per ogni luogo ed epoca, in realtà s’interessa di quella parte dell’identità umana che è sempre stabile.
  • Com’è avvenuto il processo di mutamento del pensiero cristiano e perché questa religione è stata alterata?
    2953 Teologia moderna 2010/06/29
    Quando i seguaci del Messia (A) furono privati della presenza di questo Profeta divino (A), asceso ai Cieli, i suoi Apostoli si dedicarono alla diffusione della religione da lui rivelata e patirono grandi pene.In poco tempo, Paolo, da riconoscere come fondatore del cristianesimo attuale, ne diventò la guida. Egli, ...
  • Com’è possibile la rivelazione di una religione globale atta a soddisfare tutti i bisogni per la beatitudine umana?
    2734 Teologia moderna 2010/06/30
    Per risolvere questo problema dobbiamo riflettere sulla condizione dell’essere umano per concludere se in realtà l’essere umano è in fase di mutamento, e se tutti i suoi aspetti sono soggetti a modifiche; oppure, se dietro questa pelle mutabile, vi è un nucleo stabile; quella stessa essenza che ...
  • Bisogna temere Iddio o amarlo?
    2910 Etica pratica 2010/08/22
    L’unione del timore e della speranza, e a volte l’amore, nei confronti di Dio, l’Altissimo, non è inconsueta, poiché questa, in un certo senso, ha riempito la nostra vita, ma a causa della sua ovvietà, non ci accorgiamo di essa. Bisogna prestare attenzione al fatto che addirittura il nostro movimento ...
  • Il detto del Profeta (S) che invita a memorizzare quaranta hadìth, è autentico? Spiegate cosa s’intende con “quaranta hadìth”.
    3186 Studio delle Tradizioni 2012/04/22
    Il nobile Profeta dell'Islam (S) nel famoso hadìth "Arba'in", che è stato riportato con frasi diverse nelle fonti sciite[1] e alcune sunnite[2], ha esortato a memorizzare quaranta hadìth; per esempio con questa frase: "Tra la mia nazione, chiunque memorizzi quaranta ...
  • Volevo sapere come viene calcolato al giorno d’oggi un nokhod d’oro, ossia a quanti grammi di oro corrisponde?
    2937 مقادیر شرعی(درهم، دینار، نخود و ...) 2012/03/18
    Se il numero dei giorni mestruali di una donna viene diviso in tre parti e l’uomo intrattiene un rapporto sessuale vaginale con la moglie durante la prima parte, per precauzione obbligatoria deve donare diciotto nokhod d’oro ai poveri; se il rapporto avviene nella seconda parte, nove nokhod ...
  • Quale Imam (A) recitava personalmente la du'a del Faraj?
    3219 انتظار فرج 2012/08/16
    Il termine faraj nel lessico arabo significa liberarsi dalla tristezza e dall’afflizione e risolvere le difficoltà[1]; nei libri di hadìth ove sono stati riportati du'a e atti da compiere per ottenere il faraj e risolvere le difficoltà, è stato considerato questo significato del vocabolario.
  • Che cos’è la religione?
    2864 Filosofia della religione 2010/06/30
    Gli occidentali hanno espresso diversi pareri e argomenti riguardo alla definizione di religione. Nelle esplicazioni coraniche il termine “religione” è stato utilizzato in due casi:Ogni tipo di credenza verso una forza occulta, veritiera o non: “A voi la vostra religione e ...
  • Quali sono le norme che un padre e una madre devono rispettare prima di avere un figlio?
    6655 Varie 2012/09/20
    Alcuni degli atti e delle norme che un padre e una madre devono rispettare, prima di avere un bambino, sono i seguenti: osservare i precetti religiosi, rispettare le regole coniugali, mangiare cibi halal (leciti), puri e frutta varia, eseguire esami genetici, evitare stati depressivi, osservare bei paesaggi, ...

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    22278 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    21201 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    17694 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    15705 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    13406 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    12038 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    11879 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    11874 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    11545 Diritto e Precetti 2012/06/09
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    11077 Etica 2011/12/21
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta