Ricerca Avanzata
Visite
3071
Data aggiornamento: 2010/11/22
Domanda concisa
Anche i comuni esseri umani possono essere infallibili?
Domanda
Anche i comuni esseri umani possono essere infallibili?
Risposta concisa

Infallibilità ('ismat) significa essere immuni, al sicuro e impedirsi di compiere peccati e avere dimenticanze; essa possiede vari livelli, di cui quelli più alti sono una prerogativa dei Profeti e dei loro Successori (A) ed è dimostrabile solo per essi, giacché versetti, hadìth e il fatto che siano stati scelti in qualità di guide della società e vicereggenti di Dio lo provano. Riguardo agli altri, anche se un certo livello di infallibilità è raggiungibile ed essa è riconoscibile, costoro non possono tuttavia arrivare al livello dei Profeti e dei loro Successori (A) e comunque la loro infallibilità non può essere dimostrata attraverso le fonti o una loro investitura, ma solo attraverso la manifestazione di segni come il compiere atti miracolosi, essere in grado di conoscere le intenzioni altrui, ecc.

Risposta dettagliata

L’essere umano è una creatura dotata di libero arbitrio ed è stato creato in modo tale che, operando la scelta giusta, avendo fede, compiendo azioni probe ed evitando di disobbedire agli ordini e alle proibizioni divine, può raggiungere lo stadio di Vicereggente di Iddio, vale a dire ottenere tutte le perfezioni consone a un essere umano, essere immune da tutti i difetti ignobili e terreni e possedere altresì la wilayah cosmologica e l’influenza sui cuori[1].

La scelta giusta dell’essere umano si basa sulla conoscenza e su una forte volontà, seguendo l’intelletto, la natura primordiale innata e la religione, e più sono vasta la conoscenza e forte la volontà, più egli sarà al sicuro dagli errori. Inoltre, poiché la ragione della dimenticanza risiede nella disattenzione, se gli ordini e le proibizioni divine avessero importanza per l’individuo ed egli fosse sempre in uno stato di rievocazione, non sbaglierebbe nemmeno a causa della disattenzione e questo è il livello definito infallibilità ('ismat) che eleva gradualmente l’essere umano al ruolo di wali e vicereggente (khalifah) di Iddio.

I Profeti e i loro Successori (A) poiché sono i fiduciari di Iddio e sono gli imam e i modelli per la gente, devono possedere il più alto livello di infallibilità affinché:

a.     Il messaggio divino arrivi alla gente completo e corretto.

b.    La gente possa fidarsi della loro parola e comportamento.

c.     Gli individui possano prendere come modello il loro comportamento ed etica, edificarsi come loro e intraprendere il cammino verso la perfezione e il ruolo di vicereggente di Iddio, raggiungendo così il loro scopo che è l’incontro con Lui.

È per questo quindi che i fiduciari di Dio sono, per mezzo della grazia divina e la loro volontà sin da bambini, immuni da qualsiasi peccato ed errore, cosicché la gente possa ciecamente fidarsi di loro, siano una prova definitiva per tutti e li incitino a seguire la propria via.

Ogni essere umano può pertanto seguire il percorso che porta all’infallibilità e raggiungere lo stadio della wilayah e di vicereggente: più si sforza su questa via e più rispetta la taqwa, più sarà oggetto della grazia divina. Infatti, Dio ha promesso: “Temete Allah, è Allah che vi insegna”[2], “Quanto a coloro che fanno uno sforzo per Noi, li guideremo sulle Nostre vie. In verità Allah è con coloro che fanno il bene”[3], “Se temete Allah, vi concederà la capacità di distinguere [il bene dal male], cancellerà le vostre colpe e vi perdonerà”[4] e “Daremo una vita eccellente a chiunque, maschio o femmina, sia credente e compia azioni probe. Compenseremo quelli che sono stati costanti con qualcosa di meglio delle loro azioni migliori”[5].

In un hadìth qudsi[6], Dio dice: “Se il dedicarsi a me predomini nel mio servo, io gli dono lo zelo e il piacere del ricordarMi, perciò egli s’innamora di Me ed Io di lui, tolgo allora i veli che ci separano. Quando la gente sbaglia o dimentica, lui non sbaglia e non dimentica (e non pecca né erra), se parla, parla come i Profeti (A). Essi sono veramente i migliori del loro tempo, e se decido di punire gli abitanti della terra, quando penso a loro, (per loro) annullo la mia punizione”.[7]

L’infallibilità dei Profeti e degli Imam (A), come è stato citato e dimostrato con varie prove razionali e tramandate, è dunque necessaria[8], però non è una loro prerogativa e chiunque, in base al proprio sforzo, taqwa, conoscenza e forza di volontà può acquisirne, fino a manifestarne i segni.

Nei Profeti e Imam (A), oltre alla manifestazione di questi segni, anche le fonti scritte divine e la loro investitura al ruolo della profezia e della wilayah sono prova della loro infallibilità al più alto livello; altrimenti il contrario non si concilierebbe con la saggezza e conoscenza divina e lo scopo della profezia e della wilayah, cioè la guida e l’educazione degli esseri umani e il comunicare, eseguire e difendere la religione[9].

Invece per stabilire se gli altri siano infallibili, ciò dev’essere dimostrato attraverso la manifestazione di certi segni, tra i quali:

  1. Evitino di peccare in un ambiente in cui la maggior parte della gente tende generalmente a sbagliare o peccare: come quando si ottiene un certo rango sociale o fama, ricchezza, ecc.

  2. Siano in grado di compiere atti miracolosi, come la conoscenza delle intenzioni e pensieri degli individui, la guarigione delle malattie, la risoluzione dei problemi altrui che non avrebbero potuto risolvere in altro modo, ecc.

  3. Le loro richieste o le loro maledizioni siano esaudite da Dio.

  4. Capacità di influenzare i cuori e creare un cambiamento in essi.

  5. Siano pazienti, calmi e sappiano prendere la giusta decisione nelle difficoltà personali e sociali.

  6. Siano oggetto della grazia divina, e perciò gli vengano donate benedizioni e annullate le calamità.

È necessario però prestare attenzione al fatto che il livello di infallibilità del nobile Profeta (S) non è raggiungibile per nessuno e tra i Profeti (A) stessi sono presenti vari livelli di infallibilità, di cui il più alto appartiene al Sigillo dei Profeti (S), quelli successivi agli Imam (A), poi agli altri Profeti (A) e gli ultimi livelli spettano agli altri. Cioè l’ascensione all’infallibilità e allo status di Vicereggente di Iddio possiede livelli ascensionali, ognuno dei quali è ampio, e non tutti sono allo stesso livello e solo Dio ne ha conoscenza[10].

Fonti:

  1. Sacro Corano.

  2. Javadi Amoli Abdollah, Tahrir Tamhid al-Qawa'id, Entesharat-e al-Zahra (A), prima ristampa, 1993, Teheran.

  3. Javadi Amoli Abdollah, Velayat dar Qor'an, Esra', prima ristampa, 2000, Qom.

  4. Javadi Amoli Abdollah, Hekmat-e 'Ebadat, Esra', seconda ristampa, 1999, Qom.

  5. Hosseyni Tehrani Mohammad Hosseyn, Tuhid-e 'Elmi va 'Eyni, Nashr-e allameh Tabatabai, seconda ristampa, 1996, Mashhad.

  6. Ayatollah Sadr, Seyyed Mohammad Baqir, Khelafat-e Ensan va Gavahi-e Payambaran, trad. di Jamal Musavi, 1980, Teheran.

  7. Kyashemshaki Abolfazl, Velayat dar 'Irfan, Dar al-Sadiqin, prima ristampa, 1999, Teheran.

  8. Motahhari Morteza, Ensan-e Kamel, Nashr-e Sadra, ottava ristampa, 1993, Qom.

  9. Motahhari Morteza, Velaha va velayatha, Daftar-e entesharat-e eslami, Qom.

  10. Maleki Tabrizi Javad, Resaleye Leqa' Allah, Torbat, seconda ristampa, 2000, Teheran.



[1] Cfr. indice: Farsi amare da Dio, La beatitudine e la perfezione dell’essere umano, La vicinanza a Dio …

[2] Sacro Corano 2:282; 64:11.

[3] Sacro Corano 29:69.

[4] Sacro Corano 8:29.

[5] Sacro Corano 16:97.

[6] Hadìth in cui un Profeta o Imam (A) tramanda la parola divina.

[7] Hosseyni Tehrani Mohammad Hosseyn, Tuhid-e 'Elmi va 'Eyni, pag. 337

[8] Cfr. Mesbah Yazdi Mohammad Taqi, Rah va rahnamashenasi, pp. 147-212.

[9] Cfr. Ibidem.

[10] Cfr. Indice: L’infallibilità dei Profeti (a) dal punto di vista coranico, L’infallibilità e il peccato dei Profeti (A) nel significato apparente dei versetti.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    21963 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    20219 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    16685 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    14975 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    13076 Esegesi 2010/11/08
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    11595 Teologia antica 2011/01/20
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    11566 Filosofia del diritto e dei precetti 2012/06/06
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    10728 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    10239 Diritto e Precetti 2012/06/09
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Come si può curare l’invidia?
    10109 Etica teorica 2011/08/13
    L’invidia è un’inclinazione dell’animo per cui ci si sottovaluta, in seguito alla quale l’individuo desidera che un’altra persona non abbia un bene che possiede.Per guarire da quest’attitudine si consigliano le seguenti soluzioni:1.

Links