Ricerca Avanzata
Visite
4316
Data aggiornamento: 2011/11/21
Domanda concisa
Un peccato maggiore può essere perdonato?
Domanda
Un peccato maggiore può essere cancellato?
Risposta concisa

Un peccato è maggiore se nel Corano o negli hadìth ne è stata promessa la punizione in caso di compimento (sono stati citati anche altri criteri per definire un peccato maggiore). Inoltre anche il peccato minore, se ripetuto, diventa maggiore.

Iddio nel Corano ha promesso di perdonare tutti i peccati a condizione che il pentimento sia sincero. Pentirsi consiste nel rimediare al passato e nel chiedere perdono, se il diritto calpestato è quello di Dio, mentre se il diritto è quello di un’altra persona, oltre a chiedere e ottenere il suo perdono, bisogna rimediare al torto inflittole.

Risposta dettagliata

In merito ai criteri dei peccati maggiori e quali siano tali peccati, vi sono diverse opinioni:

1.     Ogni peccato che è stato definito maggiore nel Corano e negli hadìth.

2.     Ogni peccato per il quale, se commesso, nel Corano e negli hadìth attendibili, è stato promesso il fuoco dell’Inferno.

3.     Ogni peccato che nel Corano e nella sunna è stato considerato più grave di un peccato noto per essere maggiore.

4.     Ogni peccato considerato maggiore presso le persone che mettono in pratica la religione, purché sussista la certezza che tale considerazione risale all’epoca di un Infallibile (A)[1].

5.     Tutti i peccati sono maggiori, poiché com’è stato riportato dagli hadìth non bisogna mai pensare alla piccolezza del peccato, ma alla grandezza di Colui al Cui cospetto viene commesso il peccato[2]. L’imam Sadiq (A) disse: “Non pensate alla piccolezza del peccato, bensì pensate a chi avete disobbedito”[3].

Certamente anche chi ha suddiviso i peccati in maggiori e minori, alle seguenti condizioni, considera maggiori anche i peccati minori[4]:

1.     Ripetere un peccato minore. Il Profeta (S) disse: “Con il chiedere perdono (per un peccato maggiore) il peccato maggiore non ha senso (il peccato maggiore è perdonato) e con l’insistenza (ripetere un peccato minore) il peccato minore non ha senso (diventa un peccato maggiore)[5].

2.     Considerare piccolo il peccato. Il nobile Alì (A) disse: “Il peccato più grande è quello che viene considerato piccolo da chi lo commette”[6].

3.     Provare felicità per il peccato. Il Profeta (S) disse: “Colui che pecca sorridendo, entrerà nel fuoco dell’Inferno piangendo”[7].

In merito al perdono dei peccati maggiori, Iddio nel Corano dice: “O Miei servi, che avete ecceduto contro voi stessi (avete peccato), non disperate della misericordia di Allah. Allah perdona tutti i peccati[8].

L’Allamah Tabatabai riporta che l’imam Baqir (A) definì questo versetto come quello che dona più speranza di tutti i versetti[9].

Da una parte il versetto contempla tutti i peccati, compresa l’associazione di altri ad Allah, e dall’altra sappiamo che l’associazione di altri ad Allah sarà perdonata solo se accompagnata dal pentimento, quindi in ogni caso non abbiamo altra scelta salvo quella di aggiungere il pentimento come requisito del versetto. Il perdono dei peccati di qualsiasi persona necessita di una motivazione e non succede senza ragione; il Corano presenta due fattori come motivazione del perdono: una è l’intercessione e l’altra il pentimento. In questo versetto, che come abbiamo detto è indirizzato a tutti i servi di Dio, sia coloro che associano altri a Dio sia i credenti, ovviamente non può trattarsi dell’intercessione, poiché, secondo alcuni versetti del sacro Corano, essa non è per chi associa altri a Dio. Tra le due cause rimane il pentimento. La parola di Dio l’Altissimo è chiara sul fatto che Iddio perdona tutti i peccati, anche l’associazione di altri a Lui, se vi è pentimento[10].

Il modo per pentirsi è differente per i vari peccati, poiché i peccati maggiori, in base ai diritti che vengono violati, cioè quelli di Dio o quelli altrui, sono di due tipi.

Per pentirsi dei peccati per i quali sono stati calpestati i diritti di Dio bisogna pentirsi realmente e avere l’intenzione di non ripetere assolutamente l’atto in questione, e in caso ve ne sia la possibilità, recuperare l’atto obbligatorio tralasciato; per esempio recuperare le preghiere o i digiuni persi. Se invece sono stati violati i diritti altrui, oltre a pentirsi, bisogna restituire a quell’individuo ciò di cui è stato privato, salvo che rinunci ai propri diritti e perdoni chi gli ha perpetrato il torto.

L’imam Baqir (A) disse: “Chiunque diventi martire sulla via di Dio, sarà purificato da ogni peccato, tranne il debitore (chi ha calpestato i diritti altrui) per il quale non è prevista una kaffarah: o deve pagare il debito o essere condonato dal creditore”[11].

Il martire Dastgheyb (ra), utilizzando i versetti e gli hadìth sull’argomento, disse: “Il pentimento di un peccato richiede l’impegno a rimediarlo, cioè se sono stati violati i diritti di Dio - per esempio se non sono stati eseguiti la preghiera, il digiuno o il pellegrinaggio obbligatorio, oppure non è stata pagata la zakah - devono essere recuperati. Se invece sono stati calpestati i diritti altrui, gli devono essere restituiti i suoi beni, e nel caso l’individuo interessato fosse morto, ai suoi eredi. Se si lede la dignità di qualcuno, bisogna ottenere il suo perdono e nel caso sia prevista una punizione o il pagamento di un’ammenda, occorre sottostarvi o ottenere il suo condono[12].

Quindi, se Dio vuole, tutti i peccati sono perdonati a patto che il pentimento sia sincero e ogni peccato sia rimediato conformemente.



[1] Abdol-Hoseyn Dastgheyb, Gonahan-e kabireh, vol. 1, pag.26.

[2] Sahib Qarani, Al-Lawami', vol. 2, pag. 368.

[3] Rey Shahri, Mizan al-hikmah, hadìth 6602:

"لا تنظرو الی صغر الذنب و لکن انظروا الی من اجتر أثم".

[4] Abdol-Hoseyn Dastgheyb, Gonahan-e kabireh, vol. 2, pag.273 e 279.

[5] Rey Shahri, Mizan al-hikmah, hadìth 6617:

"لا کبیر مع الاستغفار و لا صغیر مع الاصرار".

[6] Ivi, hadìth 6562:

"اشدا لذنوب عندالله سبحانه ما استهان به راکبه".

[7] Abdol-Hoseyn Dastgheyb, Gonahan-e kabireh, pag. 280; Bihar al-Anwar, vol. 6, pag. 36:

"من اذنب ذنباً و هو ضاحک دخل النار".

[8] Sacro Corano, 39:53:

"یا عبادی الذیناسرفوا علی انفسهم لا تقنطوا من رحمة الله ان الله یغفر الذنوب جمیعاً".

[9] Traduzione persiana di Al-Mizan, vol. 20, pag. 526.

[10] Ivi, vol. 17, pag. 425.

[11] Abdol-Hoseyn Dastgheyb, Gonahan-e kabireh, vol. 2, pag. 6:

"کل ذنب یکفره القتل فی سبیل الله الا الدین لاکفاره له الا ادائه او یقضی صاحبه او یعفوا الذی له الحق".

Usul al-Kafi, vol. 5, pag. 93 e 94, Bab al-din.

[12] Abdol-Hoseyn Dastgheyb, Gonahan-e kabireh, vol. 2, pag. 434.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    24342 Diritto e Precetti
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    23057 Teologia antica
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    21111 Etica pratica
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    18394 Teologia antica
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    14715 Diritto e Precetti
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    14633 Etica
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    14152 Esegesi
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    13594 Diritto e Precetti
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    13127 Teologia antica
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    12668 Filosofia del diritto e dei precetti
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...