Ricerca Avanzata
Visite
9801
Data aggiornamento: 2010/09/12
Domanda concisa
Cosa s’intende per resurrezione degli animali nel versetto: “E [saranno] radunate le belve”? Anche gli animali resusciteranno e saranno interrogati?
Domanda
Cosa s’intende per resurrezione degli animali nel versetto: “E [saranno] radunate le belve”? Anche gli animali resusciteranno e saranno interrogati?
Risposta concisa

Il significato letterale e tecnico di hashr:

Il termine arabo hashr letteralmente significa raccogliere e tecnicamente si riferisce alla raccolta delle creature da parte di Dio l’Altissimo nel Giorno della Resurrezione per interrogarle e giudicarle.

La resurrezione degli animali:

In questa questione, in linea generale, sono state avanzate due opinioni:

1.     La resurrezione non riguarda gli animali e l’hashr di ogni animale è la sua morte, poiché gli animali non hanno doveri, infatti saranno interrogati e giudicati solo coloro che hanno dei doveri.

2.     Dal lato opposto alcuni sono convinti che anche per gli animali, come per gli esseri umani, esista una resurrezione, e in tale Giorno essi saranno resuscitati, dato che tutti gli animali sono dotati di comprensione e saranno interrogati secondo tale capacità.

L’intelligenza e la sapienza degli animali:

Oltre ai vari versetti e hadìth che fanno riferimento all’intelligenza e alla sapienza degli animali, anche le esperienze e la scienza umana moderna confermano questa affermazione. Tra i versetti vi è la storia della fuga da parte delle formiche di fronte all’esercito di Salomone (A); la storia dell’upupa che portò notizie dal regno di Saba (nello Yemen) per Salomone (A); la collaborazione dei volatili nella manovra di guerra del nobile Salomone (A); ecc. Questi versetti accennano all’intelligenza superiore degli animali rispetto al loro istinto. Allo stesso modo gli hadìth che attribuiscono dei gradi ad alcuni animali, indicano l’intelligenza e la comprensione degli animali, altrimenti non avrebbe senso attribuire loro un grado. Ad esempio un hadìth dell’imam Sajjad (A), dice: “Un cammello che resta sette anni nel deserto di Arafah è tra gli animali del Paradiso”. Dal punto di vista empirico e scientifico vediamo che la maggior parte degli animali percepisce ciò che è vantaggioso per se stesso e ciò che non lo è, riconosce l’amico e il nemico, fugge dal pericolo, agisce nel proprio interesse, può essere addomesticato ed è predisposto a compiere varie missioni. Tutto ciò indica che l’intelligenza e la capacità di comprensione degli animali sono più rilevanti del loro istinto. Quindi la comprensione e l'intelligenza, oltre ad essere il criterio della resurrezione e del ritorno dell'essere umano presso Dio, sono anche il criterio della resurrezione e del ritorno degli animali. Coloro che credono nella resurrezione degli animali si basano sul nobile versetto “e [saranno] radunate le belve” e dichiarano che esso si riferisce al raduno degli animali nel Giorno della Resurrezione. Quest’opinione è altresì rafforzata dal nobile versetto: “Non c’è animale sulla terra, né volatile che voli con le proprie ali, che non siano nazioni come voi. Noi in questo libro non abbiamo omesso nulla, quindi tutti vengono resuscitati presso il proprio Dio”. Questo versetto paragona gli animali all’essere umano, “nazioni come voi”, e in base alla continuazione del versetto: “quindi vengono resuscitati presso il proprio Dio”, denota che gli animali muoiono come gli esseri umani e dopo la morte vengono suscitati nuovamente presso Iddio. Questo significato è stato confermato anche dagli hadìth islamici; tra questi c’è un hadìth del Profeta (S) che viene tramandato dai sunniti e riguardo all’esegesi del versetto citato dice: “Dio susciterà tutti questi animali il Giorno della Resurrezione e punirà con il qisas[i] alcuni di loro, anche quelli che hanno colpito senza motivo con le proprie corna un animale sprovvisto di corna”.



[i] Legge del taglione in base alle regole islamiche.

Risposta dettagliata

Il significato letterale e tecnico:

Il termine arabo hashr significa raccogliere[1] e nel versetto “questo raduno sarà facile per noi”[2], è usato con lo stesso significato. In campo religioso significa la raccolta delle creature da parte di Dio nel Giorno della Resurrezione per interrogarle e giudicarle. “Temete Iddio e sappiate che (un giorno) sarete radunati presso di Lui”[3].

Wuhush è il plurale di wahsh e significa animali selvatici, ossia il contrario di domestici.[4] Gli animali che non hanno familiarità con l’essere umano vengono definiti selvatici.[5]

La resurrezione degli animali:

Questa è una delle questioni controverse tra teologi ed esegeti. Alcuni credono che poiché il giudizio e l’interrogatorio riguardano solo chi ha dei doveri, e gli animali non ne hanno, la resurrezione non li riguardi. L’hashr di ogni animale è la sua morte, mentre per il jinn e l’essere umano, è rinviato al Giorno della Resurrezione. Dall’altra parte la maggior parte dei sapienti crede che tutti gli animali siano dotati di comprensione e il Giorno della Resurrezione resusciteranno e saranno interrogati in base a tale capacità.

La capacità di comprensione e la sapienza degli animali:

Esistono diversi versetti e hadìth che accennano alla comprensione e alla sapienza degli animali. Inoltre le esperienze e la scienza umana moderna confermano quest’affermazione. Tra i versetti del sacro Corano si può ricordare la storia della fuga da parte delle formiche di fronte all’esercito di Salomone (a)[6]; la storia dell’upupa che portò notizie dal regno di Saba (nello Yemen) per Salomone (A)[7]; la partecipazione dei volatili in una manovra di guerra del nobile Salomone[8] (A); la conversazione tra i volatili e la fierezza di Salomone (A) perché Dio gli aveva insegnato il linguaggio dei volatili[9]. Tutti questi versetti denotano che la comprensione degli animali supera il loro istinto. Il Corano dice: “Tutte le creature glorificano Iddio ma voi non capite”[10]. Secondo l’allamah Tabatabai questo versetto è la miglior prova che il significato della glorificazione da parte delle creature deriva dal sapere ed è vocale, poiché se faceva riferimento alla lingua degli animali e al loro essere un segno della presenza di un creatore, non avrebbe avuto senso dire: “Voi non capite la loro glorificazione”[11]. In alcuni hadìth sono stati attribuiti dei gradi agli animali, come il cammello che in caso si diriga tre volte alla Mecca entra in Paradiso[12]; oppure l’imam Sajjad (A) disse: “Un cammello che resta sette anni nel deserto di Arafah è tra gli animali del Paradiso”[13]. Anche questo tipo di hadìth esprime la capacità di comprensione da parte degli animali, altrimenti attribuire loro un grado non avrebbe senso. Inoltre l’esperienza e la scienza mostrano che la maggior parte degli animali conosce ciò che è a loro vantaggio e ciò che non lo è, conoscono il proprio amico e nemico, fuggono dal pericolo e agiscono nel proprio interesse, oppure possono essere addestrati e sono predisposti a compiere diverse missioni.

La resurrezione degli animali e la sua somiglianza con quella dell’essere umano:

Dai versetti e dagli hadìth si può comprendere che anche gli animali possiedono capacità di comprensione simile a quelle dell’essere umano, nonostante sia di un livello inferiore e in misura relativa; ma siccome questo è il criterio della resurrezione e del ritorno dell’essere umano presso Dio, anche loro hanno una resurrezione e ritornano presso Dio. Tra i versetti citati c’è il nobile versetto “e [saranno] radunate le belve”[14] per il quale è stato detto che il significato è il radunamento degli animali nel Giorno della Resurrezione. Anche se alcuni hanno avanzato che questo versetto riguarda i preliminari della resurrezione e l’inizio della fine del mondo[15], molti esegeti in base al nobile versetto: “Non c’è nessun animale sulla terra, né volatile che voli con le proprie ali, che non siano nazioni come voi. Noi in questo libro, non abbiamo tralasciato niente, quindi tutti vengono resuscitati presso Iddio”[16], confermano la resurrezione degli animali nel Giorno della Resurrezione. Alcuni sono convinti che in questo versetto, quando gli animali vengono paragonati all’essere umano (nazioni come voi), si faccia riferimento al fatto che loro, similmente all’essere umano, sono stati creati da Dio, l’Unico, e ognuno di essi è il segno e la prova della potenza, grandezza, sapienza e saggezza del proprio Creatore.[17] Secondo altri invece il significato è che anche loro, come l’essere umano, nel cibarsi e nel coprirsi, nel sonno e nella veglia, nell’essere guidati come vivere, hanno bisogno della pianificazione di Dio affinché tracci le linee della vita più adatta a loro.[18] Molti in base alla continuazione del versetto, “quindi verrete resuscitati presso Dio”, dichiarano: “Il significato è che gli animali, come voi, muoiono e dopo la morte vengono suscitati nuovamente presso Dio”.[19] Questo significato è stato confermato anche dagli hadìth islamici; ad esempio è stato tramandato da Abuzahr che: “Noi eravamo in presenza del grande Profeta (S) e due capre lottavano con le corna di fronte a noi. Il Profeta (S) disse: ‘Sapete perché queste due hanno lottato tra di loro?’. I presenti negarono. Il Profeta (S) spiegò: ‘Però Dio lo sa e presto giudicherà tra loro’”.[20] In un hadìth tramandato dai sunniti si dice che il Profeta (S) riguardo all’esegesi di questo versetto disse: “Dio susciterà tutti questi animali il Giorno della Resurrezione e punirà con il qisas[21] alcuni di loro, anche quelli che hanno colpito senza motivo con le proprie corna un animale sprovvisto di corna.”[22] [23]



[1] Qurashi seyyed Alì Akbar, Qamus-e Qor'an, vol. 2, pag. 145.

[2] Sacro Corano, 50:44.

[3] Sacro Corano, 2:203.

[4] Qurashi seyyed Alì Akbar, Qamus-e Qor'an, vol. 7, pag. 189.

[5] Mofradat-e Qor'an, la voce wahsh.

[6] Sacro Corano, 27:18.

[7] Sacro Corano, 27:22.

[8] Sacro Corano, 27:17.

[9] Sacro Corano, 27:16.

[10] Sacro Corano, 17:44.

[11] Allamah Tabatabai Mohammad Hosseyn, Tafsir al-Mizan, traduzione di Musavi Hamedani (edizione in due volumi), vol. 17, pag. 609, Boniad 'elmi va fekri-e Tabatabai, 1984.

[12] Al-'Arusi al-Huwayzi, Tafsir Nur al-Thaqalayn, vol. 1, pag. 715, hadìth 68, Mo'assese-ye Matbu'ati-e Esma'ilyan, stampa 1994.

[13] Ivi, hadìth 70.

[14] Sacro Corano, 81:5.

[15] Makarem Shirazi Naser, Tafsir-e Nemune, vol. 26, pp. 173-174.

[16] Sacro Corano, 6:38.

[17] Tabarsi, Tafsir Majma' al-Bayan, Dar al-Ma'refah, seconda stampa, 1408 AH, vol. 3 e 4, pag. 461.

[18] Ibidem.

[19] Ibidem.

[20] Ibidem; al-'Arusi al-Huwayzi, Tafsir Nur al-Thaqalayn, vol. 1, pag. 715, hadìth 69, Mo'assese-ye Matbu'ati-e Esma'ilyan, stampa 1994.

[21] Legge del taglione in base alle regole islamiche.

[22] Mohammad Rashid Reza, Tafsir al-Minar, vol. 7, pag. 326.

[23] Cfr. Bihar al-Anwar, vol. 7, pp. 353-377.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

  • Numerosi versetti del sacro Corano elogiano i compagni del Profeta (S), perché dunque gli sciiti li biasimano?
    6348 Teologia antica 2012/04/04
    Senza dubbio i versetti che lei ha utilizzato e molti altri sono stati rivelati per elogiare i veri seguaci del Profeta (S). Analizzando però attentamente questi versetti e altri punti del Corano dove alcuni compagni vengono biasimati, e parimenti, se studiamo la storia dei popoli che ...
  • È permesso tradire la fiducia di miscredenti e ingannatori quando si costudisce un loro deposito?
    6058 Etica pratica 2011/12/21
    Ciò che ci dicono gli insegnamenti delle nostre guide religiose è che un operaio o chiunque altro di cui un’altra persona si fida e gli affida un deposito, non deve tradire la fiducia dell’altra parte, anche se questa (il datore di lavoro o altri) fosse una persona ...
  • A che condizioni una supplica sarà sicuramente esaudita?
    7589 Etica pratica 2011/08/13
    Il termine du'a significa chiamare, richiedere un desiderio e aiuto; a volte, invece, s’intende il solo chiamare in generale. Nella terminologia religiosa significa “avanzare una richiesta a Iddio l’Altissimo”. La parola du'a e i suoi derivati, nel sacro Corano, sono stati utilizzati con tredici significati diversi.
  • Anche i comuni esseri umani possono essere infallibili?
    6971 Teologia antica 2010/11/22
    Infallibilità ('ismat) significa essere immuni, al sicuro e impedirsi di compiere peccati e avere dimenticanze; essa possiede vari livelli, di cui quelli più alti sono una prerogativa dei Profeti e dei loro Successori (A) ed è dimostrabile solo per essi, giacché versetti, hadìth e il fatto ...
  • Perché è possibile esporre un progetto equilibrato riguardo alla globalità del pensiero islamico?
    5972 Teologia moderna 2010/07/17
    L’Islam è l’ultima e più completa delle religioni rivelate, perciò da parte sua esigiamo una presa di posizione e l’esposizione di istruzioni in qualsiasi campo della vita umana, sia personale che sociale. La teoria del pensiero sistematico nell’Islam è una teoria equilibrata concernente la globalità della religione islamica. ...
  • Perché Iddio non ha curato la malattia degli ipocriti, e l’ha invece aggravata?
    10163 Esegesi 2012/10/01
    Iddio l’Altissimo ha creato l’essere umano libero e dotato di libero arbitrio, in altre parole, la perfezione umana si ottiene attraverso la scelta e il volere. Perciò se individui come gli ipocriti scelgono la via della deviazione di propria volontà, non ha senso che Iddio li guidi ...
  • Quali sono la punizione e i danni dell’autoerotismo?
    11806 Etica pratica 2011/08/20
    L’autoerotismo è un atto vietato e un peccato maggiore. Ogni qualvolta un individuo commette questo gesto perverso, deve compiere il ghusl, pentirsi e smettere. Questo atto provoca molti danni: ad esempio per le ragazze è possibile che venga danneggiato l’imene e causi delle infezioni. Inoltre indebolisce la vista, ...
  • Una donna può interagire ampiamente con altri utenti di Internet senza il permesso del marito?
    5387 Diritto e Precetti 2012/04/15
    Le risposte dei marja' taqlid in merito a questa domanda sono le seguenti: Khamenei: “Se non richiede l’utilizzo dei beni del marito, il permesso non è necessario; tenete però presente che i rapporti con non-mahram che generalmente possono essere causa di corruzione e nei quali ...
  • Come si può definire e dimostrare il miracolo?
    10171 Scienze Coraniche 2013/05/26
    Con miracolo s’intende un atto soprannaturale che da una parte è accompagnato da una sfida e dall’altra corrisponde all’affermazione presentata da colui che compie il miracolo. Un atto è soprannaturale quando supera i limiti delle leggi ordinarie della natura. Quando diciamo che il miracolo è un atto ...
  • Considerando le varie accezioni del termine wilayah, qual è il suo vero significato?
    6337 Teologia antica 2010/12/22
    Wilayah proviene dalla radice “waw-lam-ya” e assume vari significati; tra questi, quello che ci interessa è “la tutela e l’amministrazione delle questioni affidate al mawla, il quale esercita un certo tipo di dominio su di esse”. Il significato tecnico invece è: la tutela di un individuo ...

Le più visitate

  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    62316 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    39046 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    36686 Etica 2011/12/21
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    33654 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    30268 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    26823 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    23425 Diritto e Precetti 2012/06/09
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è la norma che regola la depilazione femminile delle sopracciglia? E di fronte al marito?
    22710 Diritto e Precetti 2013/12/19
    L'atto di depilare le sopracciglia per le donne, di per sé, non presenta problemi. Nell'Islam è considerato meritorio truccarsi per il marito e una donna che trascuri il trucco e l'abbellirsi per il marito, è biasimata. Pertanto i giurisperiti sciiti, nonostante incitino le donne a rispettare tale ...
  • Vi sono versetti del Corano o du'a per aver successo e aumentare il rendimento nello studio?
    19892 Etica pratica 2011/08/20
    Lo studio consiste nell’osservare una cosa con precisione e attenzione per capire e ottenere informazioni. Perciò ogni lettura priva di queste caratteristiche non è considerata “studiare”. È ovvio che lo studio, come ogni altra azione, richiede il rispetto di certe condizioni tramite cui ottenere un rendimento utile ...
  • Perché l’uomo non può indossare l’oro?
    19742 Filosofia del diritto e dei precetti 2011/05/08
    Questa domanda non ha una risposta concisa; selezionate la risposta dettagliata. ...