Ricerca Avanzata
Visite
7808
Data aggiornamento: 2010/12/19
Domanda concisa
La frase “Ogni giorno è Karbalà, ogni luogo è Ashurà” è un hadìth? Qual è la sua fonte di trasmissione e quanto è attendibile?
Domanda
Ho sentito dire che la frase “Ogni giorno è Karbalà, ogni luogo è Ashurà” è un hadìth poco attendibile o che non è nemmeno un hadìth. Facendo delle ricerche su Internet ho scoperto che viene attribuito all’imam Sadiq (A). Vi pregherei di darmi ulteriori informazioni al riguardo, se è un hadìth spiegate anche quanto è attendibile e valido.
Risposta concisa

Non abbiamo trovato nessuna fonte di hadìth che citasse la frase “Ogni giorno è Karbalà, ogni luogo è Ashurà” come hadìth di un Infallibile (A). Tuttavia essa costituisce un’interpretazione corretta dell’insieme degli avvenimenti di Karbalà, della linea di condotta dell’imamato e contiene alcuni messaggi educativi e colmi di bellezza Infatti, anche se in verità non esiste giorno come quello di Ashurà e mai ci sarà, in ogni caso l’oppressione dei tiranni nei confronti degli oppressi esisterà sempre fino a quando il Qa'im della Famiglia di Muhammad (l’imam Mahdi -Aj-) non si manifesterà e li eliminerà.

La cultura di Ashurà è presente in tutti i tempi e Karbalà è il simbolo della resistenza sulla via della lotta contro l’oppressione e l’ingiustizia.

Le nostre guide religiose ci hanno insegnato che dobbiamo combattere contro l’oppressione ed essi stessi si sono comportati così, perciò Ashurà non è una vicenda limitata a un tempo o luogo particolare.

Risposta dettagliata

Non abbiamo trovato nessuna fonte di tradizioni che citasse la frase “Ogni giorno è Karbalà, ogni luogo è Ashurà” come hadìth di un Infallibile (A)[1]. Tuttavia essa rappresenta un’interpretazione corretta dell’insieme degli avvenimenti di Karbalà, della linea di condotta dell’imamato e contiene alcuni messaggi educativi e colmi di bellezza. Infatti, anche se in verità non esiste giorno come quello di Ashurà e mai ci sarà, in ogni caso l’oppressione dei tiranni nei confronti degli oppressi esisterà sempre fino a quando il Qa'im della Famiglia di Muhammad (l’imam Mahdi -Aj-) non si manifesterà e li eliminerà.

La cultura di Ashurà è presente in tutti i tempi e Karbalà è il simbolo della resistenza sulla via della lotta contro l’oppressione e l’ingiustizia.

Le nostre guide religiose ci hanno insegnato che dobbiamo combattere contro l’oppressione ed essi stessi si sono comportati così, perciò Ashurà non è una vicenda limitata a un tempo o luogo particolare.

La frase “Ogni giorno è Karbalà, ogni luogo è Ashurà”, è il simbolo della continua lotta tra il bene e il male in tutti i tempi e in tutti i luoghi. Ashurà e Karbalà sono gli anelli più palesi di questa lunga catena. Il bene e il male si scontrano sempre e gli uomini liberi hanno il dovere di difendere il bene e combattere il male; essere indifferenti è irreligioso.

L’imam Khomeini (r.a.), seguace dell’imam Husayn (A), fondatore della Repubblica islamica e grande combattente contro gli oppressori del suo tempo, la ricorda come una grande frase e ribadisce l’importanza di evocare il significato di Ashurà e rappresentare Karbalà: “Questa frase (Ogni giorno è Karbalà, ogni luogo è Ashurà) è una grande frase … La nostra nazione deve considerare tutti i giorni come Ashurà, dobbiamo combattere contro l’oppressione, qua è Karbalà, bisogna mettere in pratica Karbalà, esso non è un luogo particolare, non appartiene a un gruppo di uomini in particolare. La vicenda di Karbalà non riguarda solo più di settanta persone e un luogo particolare: tutti i luoghi devono rappresentarla”[2].

In realtà l’imam Khomeini (r.a.), convinto che la rivolta e il martirio del Signore dei Martiri (A) dovesse essere un criterio di condotta sociale per i musulmani, lo ha istituito quale fondamento del proprio movimento durante la Rivoluzione islamica: “Quella condotta del Signore dei Martiri (A), la sua ideologia, la sua via e la sua vittoria e quella dell’Islam dopo il suo martirio … Questa frase educativa è sia un dovere che una lieta novella. Dovere poiché i deboli hanno il dovere di insorgere come il Principe dei Martiri (A) contro gli oppressori ben equipaggiati e maleficamente potenti. Una lieta novella poiché i nostri martiri saranno con i martiri di Karbalà”.

Questa saggia guida durante la guerra imposta disse: “La battaglia di Ashurà, anche se da un punto di vista temporale (durò mezza giornata) fu molto breve, in realtà però, è il più lungo conflitto contro l’oppressione e il male. Fino a quando vi sarà individuo che desideri essere stato a Karbalà, aver aiutato l’imam Husayn (A) ed essere caduto martire (O se fossimo stati con te! Avremmo raggiunto un’immensa vittoria)[3], il fronte di Karbalà sarà attivo e la battaglia di Ashurà viva”[4].

In altre parole, allo stesso modo che l’imam Husayn (A) è l’erede dei profeti Adamo, Abramo, Noè, Mosè, Gesù (A) e Muhammad (S), anche i suoi seguaci sono gli eredi del suo jihad e del martirio e non abbandonano la bandiera di Karbalà. Questo tesoro dello sciismo è un aspetto politico, così come disse l’imam Husayn (A): “Il mio comportamento è per voi un esempio”[5].

Questo punto di vista confuta la teoria secondo cui Karbalà e la rivolta dell’imam Husayn (A) fossero solo un suo specifico dovere che non è da seguire. Uno scrittore scrisse: “Noi siamo sicuri che se l’imam Husayn (A) fosse vissuto ai nostri tempi, avrebbe fatto di al-Quds, del Sud del Libano e di altri territori islamici un secondo Karbalà e si sarebbe comportato come fece con Mu'awiyyah e Yazid”[6].



[1] Alcuni hanno attribuito questa frase all’imam Sadiq (A), senza però citarne la fonte, cfr.: Payam-e Ashurà, Abbasi Azizi, pag. 28; Farhangh-e Ashurà, Javad Mohaddethi, pag. 371. Altri ancora citano tracce da cui si può dedurre che non è un hadìth degli Infallibili (A), cfr.: Majalle-ye 'Olum-e Hadith, n. 26.

[2] Sahife-ye Nur, vol. 9, pag. 202.

[3] Zyarat dei martiri di Karbalà, Mafatih al-Jinan.

[4] Sahife-ye Nur, vol. 20, pag. 195.

[5] Tarikh Tabari, vol. 4, pag. 304.

[6] Hashim Ma'ruf al-Hasani, al-Intifadhat al-Shi'iyyah, pag. 387.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    61984 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    38869 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    36197 Etica 2011/12/21
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    33462 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    30124 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    26752 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    23227 Diritto e Precetti 2012/06/09
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è la norma che regola la depilazione femminile delle sopracciglia? E di fronte al marito?
    22509 Diritto e Precetti 2013/12/19
    L'atto di depilare le sopracciglia per le donne, di per sé, non presenta problemi. Nell'Islam è considerato meritorio truccarsi per il marito e una donna che trascuri il trucco e l'abbellirsi per il marito, è biasimata. Pertanto i giurisperiti sciiti, nonostante incitino le donne a rispettare tale ...
  • Vi sono versetti del Corano o du'a per aver successo e aumentare il rendimento nello studio?
    19697 Etica pratica 2011/08/20
    Lo studio consiste nell’osservare una cosa con precisione e attenzione per capire e ottenere informazioni. Perciò ogni lettura priva di queste caratteristiche non è considerata “studiare”. È ovvio che lo studio, come ogni altra azione, richiede il rispetto di certe condizioni tramite cui ottenere un rendimento utile ...
  • Perché l’uomo non può indossare l’oro?
    19421 Filosofia del diritto e dei precetti 2011/05/08
    Questa domanda non ha una risposta concisa; selezionate la risposta dettagliata. ...