Ricerca Avanzata
Visite
3674
Data aggiornamento: 2012/04/11
Domanda concisa
Quanti dei martiri dell’insurrezione dell’imam Husayn (A) erano stati anche compagni dell’Inviato di Dio (S)?
Domanda
Quanti dei martiri dell’insurrezione dell’imam Husayn (A) erano stati anche compagni dell’Inviato di Dio (S)?
Risposta concisa

Ciò che gli attuali studiosi di Ashurà hanno evinto dalle loro ricerche, è che tra i compagni dell’imam Husayn (A) erano presenti cinque compagni del Profeta (S), i quali raggiunsero il martirio durante la vicenda dell’insurrezione di Ashurà. Questi cinque compagni erano: Anas ibn Harith, Hani ibn 'Urwah, Muslim ibn 'Awsajah, Habib ibn Mazahir e 'Abdullah ibn Yaqtar.

Risposta dettagliata

Giacché l’insurrezione dell’imam Husayn (A) avvenne nell’anno 61 AH, la presenza di alcuni compagni del Profeta dell’Islam (S) tra i compagni dell’imam Husayn (A) non è da escludersi, poiché coloro che avevano la stessa età dell’Imam (A) o erano più grandi di qualche anno, avevano vissuto all’epoca del nobile Inviato (S), e durante la vicenda di Karbalà avevano più di sessanta anni. Ad ogni modo, quand’anche non vi fosse stato nessuno dei compagni del Profeta dell’Islam (A) tra i compagni di Aba 'Abdillah (A), ciò non avrebbe sottratto alcunché alla giusta causa della rivolta di Ashurà. Infatti, la maggior parte dei compagni del Profeta (S), a causa del lasso temporale tra l’Inviato di Dio e Ashurà, o non erano vivi o erano anziani e pertanto inabili a partecipare alla guerra. Sta di fatto che tra i compagni dell’imam Husayn (A) sono stati citati i nomi di cinque compagni del Profeta (S), appartenenti alla sfera dei martiri di Karbalà.  Essi sono:

  1. Anas ibn Harith Kahili: Samawi, nel libro Absar al-'Ayn fi Ansar al-Husayn, cita il suo nome tra i martiri di Karbalà.[1]

Lo shaykh Tusi lo riporta sia tra i compagni dell’Inviato di Allah (S)[2] sia tra coloro che hanno raggiunto il martirio con l’imam Husayn (A)[3]. Quando lo riporta nella schiera dei compagni del Profeta (S), evidenzia che egli raggiunse il martirio a fianco dell’imam Husayn (A). Egli era talmente importante e noto, che l’allamah Mohsen Amin nel libro A'yan al-Shi'ah[4], riporta che Kumayt ibn Zayd, noto poeta sciita, lo cita in una delle sue poesie.

  1. Habib ibn Muzahhar[5]: egli era stato un compagno del nobile Inviato (S) e uno dei più grandi compagni dell’imam Alì (A) che partecipò a tre battaglie: Siffin, Nahrawan e Jamal[6]. Lo shaykh Tusi non lo riporta tra i compagni del Profeta (S), sebbene lo citi tra i compagni dell’imam Alì, Hasan e Husayn (A)[7]. Alcuni sapienti, come l’autore del libro Absar al-'Ayn, lo menzionano nell’elenco dei compagni del Profeta (S) martirizzati a Karbalà[8].
  2. Muslim ibn 'Awsajah: nel libro Absar al-'Ayn egli è considerato un membro dei compagni del Profeta (S) e dell’imam Alì (A)[9]. Anche l’allamah Mohsen Amin nel libro A'yan al-Shi'ah, dove elenca i compagni dell’imam Husayn (A), lo ricorda come un compagno del Profeta (S)[10].
  3. Hani ibn 'Urwah: un altro di coloro che sono stati considerati membri dei compagni del Profeta (S). Egli era un anziano e importante membro della tribù dei Muradi, che partecipò a fianco dell’imam Alì (A) nelle sue tre battaglie[11].
  4. 'Abdullah ibn Baqtir (Yaqtir) 'Umayri: egli è fratello di latte dell’imam Husayn (A)[12]. Suo padre, Baqtar (Yaqtar), era inserviente presso il Profeta (S). ‘Abdullah venne arrestato e martirizzato da Ibn Zyad[13] a Kufa, dove si era recato per recapitare una lettera dell’Imam (A) a Muslim ibn ‘Aqil.

 


[1] Muhammad ibn Tahir Samawi, Absar al-'Ayn fi Ansar al-Husayn, ricerca di Mohammad Ja'far Tabasi, pag. 192, Pajuheshkade-ye tahqiqat-e eslami, Qom, 1995.

[2] Muhammad ibn Hasan Tusi, Kitab al-Rijal, pag. 21, Entesharat-e Haydariyyah, Najaf, 1381 AH.

[3] Ivi, pag. 99.

[4] Mohsen Amin 'Ameli, A'yan al-Shi'ah, vol. 3, pag. 500, Dar al-Ta'aruf, Beirut, 1406 AH.

[5] L’autore del libro A'yan al-Shi'ah era convinto che il nome di Habib ibn Mazahir fosse più corretto se scritto Muzahhar invece di Mazahir. Cfr.: A'yan al-Shi'ah, vol. 4, pag. 553.

[6] Javad Mohaddesi, Farhangh-e 'Ashurà, pag. 151, Nashr-e Ma'ruf, Qom, 2002.

[7] 'A'yan al-Shi'ah, vol. 4, pag. 553.

[8] Absar al-'Ayn, pag. 193.

[9] Ibidem.

[10] A'yan al-Shi'ah, vol. 1, pag. 612.

[11] Il defunto Samawi ha riportato il suo nome tra i compagni del Profeta (S) e dal punto di vista dell’età, poiché Hani era anziano e shaykh della propria tribù, ed era più grande dell’imam Husayn (A) di alcuni anni, è possibile che egli fosse stato uno dei compagni del Profeta (S). Cfr.: Absar al-'Ayn, pag. 192.

[12] Rijal Tusi, pag. 103.

[13] Farhangh-e 'Ashurà, pag. 322. Nonostante il suo nome non sia stato riportato tra i compagni del Profeta (S) nei libri di rijal, però considerando che egli era fratello di latte dell’Imam (A) e suo padre era stato inserviente del Profeta (S), ciò non è impossibile. Il suo nome figura pertanto tra quelli dei compagni del Profeta (S) nel libro Absar al-'Ayn.

 

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    24079 Diritto e Precetti
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    22882 Teologia antica
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    20399 Etica pratica
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    17888 Teologia antica
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    14026 Diritto e Precetti
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Qual è il significato di questo nobile versetto: “Certamente Allah s’insinua tra l’uomo e il suo cuore”?
    13994 Esegesi
    Il verbo arabo “yahulu” (s’insinua) deriva dalla radice ha-waw-lam e significa frapposizione di un oggetto tra due cose. Per poter parlare di insinuazione, prima di tutto devono esserci due cose affinché una terza s’insinui tra loro; in secondo luogo le due cose devono essere vicine.
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    13781 Etica
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    13131 Diritto e Precetti
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è il problema ad essere malikiti o hanafiti?
    12905 Teologia antica
    È necessario chiarire se questo suo interesse è puramente una propensione verso lo sciismo o si basa su salde argomentazioni? Nel secondo caso, le carenze e i difetti delle altre scuole giuridiche e teologiche islamiche le saranno chiare.La differenza principale dello ...
  • Perché durante il pellegrinaggio alla Mecca dobbiamo indossare l’ahram?
    12497 Filosofia del diritto e dei precetti
    Il pellegrinaggio alla Mecca è ricco di segreti e segni che inducono l’essere umano a riflettere e lo guidano verso la sua natura intrinseca. Durante il pellegrinaggio è meglio prestare attenzione, passo per passo, all’aspetto esoterico ed essoterico delle azioni, infatti, da un punto di vista essoterico ...