Ricerca Avanzata
Visite
5767
Data aggiornamento: 2010/06/30
Domanda concisa
Perché è necessario il progetto di una teoria sistematica per esporre il pensiero islamico?
Domanda
Perché è necessario il progetto di una teoria sistematica per esporre il pensiero islamico?
Risposta concisa

Finora i giuristi e sapienti religiosi, nel trattare la miniera delle conoscenze islamiche, ricca di elementi universali ed elementi peculiari, hanno utilizzato un metodo frammentario. Ciò ha causato la mancanza di una visione completa e ordinata delle discussioni islamiche, che ha portato a un’esposizione disordinata e senza metodologia degli elementi del pensiero islamico. La “teoria del pensiero sistematico nell’Islam” è una teoria volta a esporre i sistemi islamici in vari campi come quello economico, politico, ecc.

Risposta dettagliata

L’Islam è l’ultima religione rivelata per guidare gli esseri umani fino al Giorno della Resurrezione[1]. In quanto ultima religione, dev’essere anche la più completa delle religioni rivelate e comprendere tutto ciò che è necessario rivelare della religione nafs al-amri[2].

D’altra parte, poiché questa religione fu rivelata in un’epoca e luogo particolare, e aveva come primo destinatario un popolo specifico, alcuni degli elementi religiosi furono esposti in conformità a quel particolare ambiente. Ciò dev’essere tenuto in considerazione, soprattutto nel riferirsi alla sunnah degli Imam Infallibili (A) e al loro comportamento. La miniera delle conoscenze islamiche abbonda di elementi universali e peculiari, esposti dall’inizio della profezia del nobile Messaggero (S) fino all’occultazione maggiore (al-ghaybah al-kubra) dell’Imam del Tempo (AJ).

Finora i giuristi e sapienti religiosi, nel trattare questo prezioso insieme delle conoscenze islamiche, hanno utilizzato un metodo frammentario e ogni volta che hanno dovuto affrontare un quesito, hanno cercato di trovare una risposta valida, basandosi su questo metodo. In esso, non si è mai preso in considerazione il rapporto degli elementi universali tra se stessi e il loro rapporto con gli elementi peculiari. Tutto ciò che c’era nella religione era considerato un elemento stabile, salvo che non fosse trovata prova del contrario, in quel caso era valutato come norma mutabile, senza ricercarne la regola o le regole stabili che ne erano all’origine.

Ciò ha causato la mancanza di una visione completa e sistematica delle discussioni islamiche e l’esposizione degli elementi del pensiero islamico in modo disordinato e senza metodologia. Sebbene questa esposizione disordinata abbia alla fine  creato un sistema, tuttavia non è mai stata fatta una ricerca e non si è prestata attenzione ai rapporti logici tra i vari elementi e come influiscano gli uni sugli altri.

Inoltre, non si è dovutamente preso in considerazione come gli elementi circostanziali compaiano nei testi religiosi: ogni elemento è stato considerato stabile e universale. Solo quando ci sono chiare prove dell’influenza del contesto su tale elemento, esso è considerato circostanziale, senza però analizzarne la fonte.

È per questi motivi che fino ad ora non siamo stati in grado di esporre sistemi islamici in vari campi, come quello economico, politico, ecc.; e ciò ci ha impedito di avere una chiara immagine della filosofia politica islamica, della filosofia economica islamica, ecc.; oppure della scuola di pensiero politica islamica, della scuola di pensiero economica islamica, ecc.; e altre discussioni di questo tipo.

Non è stato analizzato in modo chiaro come il tempo, il luogo e il contesto influiscano sugli elementi religiosi e quale sia il rapporto tra gli elementi circostanziali e quelli universali.

La “teoria del pensiero sistematico nell’Islam” vuole rispondere a questo tipo di quesiti, seguendo le basi citate nelle discussioni precedenti.[3]

Fonti per l’approfondimento:

1.     Mahdi Hadavi Tehrani, Velayat va diyanat, Moassese-ye farhangh-ie khane-ye kherad, Qom, 2a ed., 2001.

2.     Mahdi Hadavi Tehrani, Mabani-e kalami-e ejtihad, Moassese-ye farhangh-ie khane-ye kherad, Qom, 1a ed., 1998.

3.     Mahdi Hadavi Tehrani, Maktab va nezam-e eqtesadi-e eslam, Moassese-ye farhangh-ie khane-ye kherad, Qom, 1a ed., 1999.



[1]  Il martire Morteza Motahhari disse: “Per un musulmano non ha senso chiedersi se dopo il Profeta dell’Islam (S) ci sarà un altro profeta. Pensare che dopo il Profeta (S) ce ne possa essere un altro è in contrasto con la fede nella profezia del nobile Muhammad (S)”. (Cfr. Martire Morteza Motahhari, Khatamiyyat, pag. 12).

[2] In questo hadìth, dall’imam al-Sadiq (A), è stato tramandato: “Ciò che Muhammad ha stabilito essere permesso (halal), sarà tale per sempre fino al Giorno della Resurrezione e ciò che ha stabilito essere proibito (haram), sarà tale per sempre fino al Giorno del Giudizio”. (al-Kulayni, al-Kafi, vol. 1, pag. 58, hadith 19).

[3][3] Indice: L’Islam e la “Teoria del pensiero sistematico”, domanda 217.

Traduzione della domanda in altre lingue
Commenti
Numero di commenti 0
Inserisci il valore
esempio : Yourname@YourDomane.ext
Inserisci il valore
Inserisci il valore

Elenco degli argomenti

Domande a caso

Le più visitate

  • Qual è la regola islamica in merito ai rapporti tra una ragazza e un ragazzo?
    62018 Diritto e Precetti 2011/05/22
    Dal punto di vista islamico la donna e l’uomo sono due esseri complementari e Iddio il Benevolo li ha creati l’uno per l’altro. Uno dei bisogni che la donna e l’uomo provano l’uno per l’altro, è quello sessuale. Tuttavia per soddisfare questa necessità, occorre rispettare le regole ...
  • Come si può abbandonare il vizio della masturbazione?
    38880 Etica pratica 2011/08/04
    Il peccato è come una palude putrida che, più l’essere umano vi sprofonda, meno ne sente l’odore, poiché si è indebolito il suo olfatto e non si rende conto che sta affondando.Nonostante ciò, la seria decisione dell’essere umano di tornare da qualsiasi punto ...
  • Qual è la norma riguardante il radere la barba e la depilazione dei peli del corpo?
    36234 Etica 2011/12/21
    È considerato vietato radere la barba, con una lama o un rasoio elettrico, solamente nel caso che gli altri dicano che uno non possiede più la barba.Anche radere una parte della barba (come spiegato sopra) equivale al raderla tutta
  • Chi è il Dajjal? Spiegate chi è e gli hadìth che lo riguardano.
    33475 Teologia antica 2011/02/08
    Uno dei segni della manifestazione del Mahdi (AJ) è l’apparizione di un essere deviato e deviante definito “Dajjal”. Terminologicamente questa parola viene attribuita a ogni bugiardo. È stato descritto in modo molto strano, e poiché la maggior parte di questi hadìth, che si trovano ...
  • Perché nell’Islam l’apostata viene giustiziato? Ciò non è contro la libertà di pensiero?
    30139 Diritto e Precetti 2010/08/16
    L’apostasia è la manifestazione dell’abbandono della religione e generalmente ha come conseguenza l’invito degli altri a lasciare la propria religione. La punizione dell’apostata non è applicata a colui che abbandona la propria religione ma non lo manifesta agli altri, perciò il motivo di questa punizione non è ...
  • Per favore spieghi la base del pensiero sciita e le sue caratteristiche.
    26757 Teologia antica 2011/04/20
    Il sacro Corano è la base del pensiero sciita e altresì la fonte di tutte le scienze sciite.Il sacro Corano considera prove sia il significato esplicito dei versetti, sia i detti, il comportamento e l’approvazione tacita del nobile Messaggero (S), e di conseguenza ...
  • È vietato festeggiare il compleanno?
    23239 Diritto e Precetti 2012/06/09
    Le feste di compleanno non rispecchiano una tradizione islamica e negli insegnamenti islamici non esistono consigli in tal senso. Noi non intendiamo condannare questa nuova tradizione, pur non approvando le tradizioni importate pedissequamente da altri, poiché siamo convinti che le tradizioni debbano essere profondamente radicate nella coscienza ...
  • Qual è la norma che regola la depilazione femminile delle sopracciglia? E di fronte al marito?
    22532 Diritto e Precetti 2013/12/19
    L'atto di depilare le sopracciglia per le donne, di per sé, non presenta problemi. Nell'Islam è considerato meritorio truccarsi per il marito e una donna che trascuri il trucco e l'abbellirsi per il marito, è biasimata. Pertanto i giurisperiti sciiti, nonostante incitino le donne a rispettare tale ...
  • Vi sono versetti del Corano o du'a per aver successo e aumentare il rendimento nello studio?
    19708 Etica pratica 2011/08/20
    Lo studio consiste nell’osservare una cosa con precisione e attenzione per capire e ottenere informazioni. Perciò ogni lettura priva di queste caratteristiche non è considerata “studiare”. È ovvio che lo studio, come ogni altra azione, richiede il rispetto di certe condizioni tramite cui ottenere un rendimento utile ...
  • Perché l’uomo non può indossare l’oro?
    19452 Filosofia del diritto e dei precetti 2011/05/08
    Questa domanda non ha una risposta concisa; selezionate la risposta dettagliata. ...